Blog
home > blog > Cosa significa WYSIWYG

Tag: A grande richiesta, html, web

Cosa significa WYSIWYG

Vediamo il significato di questo termine informatico, spesso associato al web.
di Maurizio Ceravolo
Spesso quando si parla di web si incontra questo termine: WYSIWYG. Questo è uno dei termini che vedo spesso dalle statistiche di analytics di questo sito. Molti navigatori vengono a cercare questo termine sulle nostre pagine e quindi voglio dargli una risposta.

WYSIWYG è un acronimo inglese che significa: "What You See Is What You Get", ovvero tradotto "Quello che vedi è quello che ottieni". Ma in parole povere che significa?

È un termine che non è nato nel web, ma voglio spiegarvelo associato a questo mondo. 

Ogni sito è realizzato tramite un linguaggio di markup, chiamato HTML. Da ogni browser potete vedere l'HTML di una pagina, basta guardare quello che viene chiamato origine o sorgente. L'HTML serve a descrivere "a parole" come deve essere costruita e visualizzata ogni pagina. Scrivere l'HTML può essere una operazione lunga e quindi sono nati diversi strumenti, che aiutano nella composizione delle pagine. Questi strumenti prendono il nome di editor.

Su questi strumenti la pagina si realizza come se si lavorasse su Word e quindi senza mettere mano al codice (anche se poi è buona norma ricontrollare cosa ha fatto lo strumento) si compone quello che si vuole ottenere. Quello che si vede sull'editor è quello che si vedrà sul browser. Da qui il termine WYSIWYG.

Mi permetto di aggiungere, però, che almeno per gli strumenti web, non è sempre precisamente quello che vedi è quello che ottieni. Ci sono sempre delle piccole differenze. Che diventano molto accentuate, quando si cerca di realizzare interfacce complicate. E quindi in questi casi è più conveniente intervenire a mano sull'HTML.

Questo per quanto riguarda il mondo web. Per altri mondi, il contesto è diverso, ma il significato è sempre uguale. Si utilizzano degli strumenti sui quali, quello che vedi sullo schermo sarà quello che poi otterrai come risultato. Lo stesso Word di Microsoft è uno strumento WYSIWYG. Quello che realizzate sullo schermo, sarà esattamente quello che otterrete stampando.
Post correlati
2010
13
Dicembre
Come impedire Google Instant Preview
Maurizio Ceravolo
Vediamo un metodo facilissimo per impedire che Google catturi una istantenea del nostro sito e la visualizzi nelle anteprime di Instant Preview
2011
14
Gennaio
Il web fa concorrenza sleale ai giornali
Maurizio Ceravolo
Il sindacato dei giornalisti italiani critica il web. Ma siamo sicuri che facciano bene il loro lavoro e non copino da internet? Vediamolo con un sorriso.
2013
15
Aprile
Intervista con un veterinario: il dottor Alberto Franchi
Maurizio Ceravolo
Andiamo dall'altra parte della barricata. Uno scambio di pareri con un professionista per il quale il web è solo uno strumento e non il lavoro.
2011
13
Gennaio
Come si scrive? ineffetti o in effetti?
Maurizio Ceravolo
Dall'analisi degli ingressi dai motori di ricerca, ho trovato molti utenti che arrivano con un problema di grammatica. Cerchiamo di dare un aiuto.
2012
14
Maggio
La Brambilla copia Turisti a 4 zampe
Maurizio Ceravolo
Michela Vittoria Brambilla ha presentato un nuovo portale per animali, copia identica per contenuti, di un portale realizzato quando era Ministro del Turismo.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
app Apple auguri evoluzionismo digitale Facebook fail finanza geek Google Google+ humor infografica innovazione Microsoft SEO social network trademark troll video viral Windows 8
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post