Blog
home > blog > Facebook Deals in Italia

Tag: Facebook, social network, mobile, Geolocalizzazione, coupon

Facebook Deals in Italia

Facebook Deals arriva anche in Italia. Si rivelerà una miniera d'oro e darà filo da torcere a Groupon. Se sfruttato bene potrà essere una buona occasione per le attività commerciali.
di Maurizio Ceravolo
Facebook Deals è arrivato anche in Italia. Abbiamo parlato di Facebook Deals in dettaglio in due post passati: Novità Facebook: Facebook Deals, ma non il FacebookfoninoFacebook Deals: Facebook alla conquista del mondo fisico?.

Per chi non avesse voglia di leggere i due post passati, facciamo un piccolo riassunto su cosa è Facebook Deals. Deals è una funzionalità per le app mobili di Facebook per le varie piattaforme. Interagendo con il gps del dispositivo, Facebook può sapere dove si trova l'utente e quindi anche sapere quali sono le attività commerciali a lui più vicine. Queste attività commerciali se vogliono possono veicolare all'utente dei buoni o delle offerte.

Deals è nato a novembre negli Stati Uniti ed ora è arrivato in Italia, anche se per adesso è ci sono pochissime offerte. I partner scelti per il lancio sono solo 5: Ac Milan, Benetton, Poste Italiane, Tim e Vodafone. Nei link su ogni partner trovate le pagine con le offerte. Ad esempio per Tim, la promozione è di uno sconto del 50% sull'attivazione di una Tim6 se si fa il check-in in uno dei punti vendita aderenti alla promo che trovate sulla pagina di Facebook.

Per adesso queste sono iniziative pilota e non ci sono costi per i 5 partner. Dopo il mese di febbraio, il sistema verrà gradatamente aperto alle aziende che vorranno partecipare, ed immagino a quel punto che qualche costo ci sarà.

Questa iniziativa si pone anche se non direttamente in concorrenza con le offerte quotidiane di Groupon, fino ad adesso leader mondiale di questo genere di attività. Immagina che ora si faranno tempi duri per Groupon, perché a differenza di Facebook, non ha una app mobile con la geolocalizzazione per veicolare offerte di prossimità agli utenti. E sicuramente Facebook con 500 milioni di utenti può fare molto più gola agli inserzionisti dei 25 milioni di Groupon.

Con Deals a mio avviso Facebook può aumentare enormemente il proprio fatturato, molto di più di quanto fa adesso. La maggior parte degli utenti di Facebook per adesso non usufruiscono di nessun servizio a pagamento, ma sono solo target di pubblicità. Potendo contattarli anche in mobilità, diventano molto più appetitosi per gli inserzionisti e soprattutto diventano una opportunità per le attività commerciali locali. Immaginate un negozio che si trova vicino ad una via molto commerciale, ma non su quella. Facendo un deal, potrebbe attirare gli utenti che passano in zona, con una offerta commerciale e così farsi conoscere.

Le offerte diventano così molto più veloci rispetto a quelle di Groupon. Su Groupon posso acquistare un buono sconto per un ristorante, in cui magari andrò a mangiare fra due mesi perché non è nella mia zona. Con Facebook Deals l'offerta mi può arrivare mentre sto passando con la mia macchina in quella zona, e potrei decidere di andare subito a mangiare lì, perché il coupon è limitato a quella giornata.

Può diventare una vera miniera d'oro. Vedremo quale sarà la risposta di Google nei servizi di geolocalizzazione ed offerte. Che dovrà arrivare anche in fretta per non perdere questo ricchissimo mercato che sta nascendo.
Post correlati
2010
4
Novembre
Novità Facebook: Facebook Deals, ma non il Facebookfonino
Maurizio Ceravolo
Facebook ha smentito la nascita del suo smartphone, però come da noi anticipato qualche giorno fa, ha lanciato Facebook Deals e qualcos'altro...
2011
30
Agosto
Facebook Deals chiude
Maurizio Ceravolo
Facebook Deals, la risposta di Zuckerberg a Groupon è fallita. Partita a febbraio con grandi nomi, è stata chiusa prima di essere lanciata veramente.
2011
21
Aprile
Bobsled: il voip arriva su Facebook
Maurizio Ceravolo
T-mobile USA ha presentato Bobsled un'applicazione per Facebook che permette di parlare tramite voip con in propri amici. Presto disponibile anche per Android e iPhone
2010
29
Novembre
Make Facebook Home: prove tecniche di motore di ricerca?
Maurizio Ceravolo
Facebook sta effettuando un test con 500 mila utenti, invitandoli a scegliere come homepage la propria pagina sul social network. Si profila un futuro da motore di ricerca?
2011
30
Settembre
La qualità dei commenti su Google+ e Facebook
Maurizio Ceravolo
È stato fatto un confronto sui commenti dei post di Tom Anderson (fondatore di MySpace) su Google+ e Facebook. Emergono differenze sostanziali. Ma sarà per sempre?


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
anagrafica clienti Apple Calcolo distribuito Facebook finanza geek Google Google Drive Google+ humor infografica informatica innovazione Microsoft rapporti sociali social network video videogiochi viral Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post