Blog
home > blog > Qual'è il tuo fuoco sacro?

Tag: lavoro, geek, informatica

Qual'è il tuo fuoco sacro?

Il lavoro informatico o si ama o si odia, non ci sono vie di mezzo. Perché diventi il lavoro della propria vita, occorre avere il fuoco sacro. Ma come scoprirlo?
di Maurizio Ceravolo
Già un paio di volte ho citato in queste pagine Marco Cagnotti, giornalista, divulgatore scientifico e blogger. Leggo tutti i giorni i post sul suo blog di fisica, in quanto appassionato di scienza e astronomia. Alcune volte però, le sue considerazioni cadono nell'informatica e quindi mi capita di citarlo. Alcune settimane fa ho letto un suo post, in cui raccontava di come, giovane laureando in fisica, invece di intraprendere la carriera di ricercatore, scelse la strada del giornalismo e della divulgazione scientifica.

Quello che ha scritto mi ha colpito, mi è rimasto in testa e mi porta oggi a parlarne. Lui racconta, che in procinto di dare la tesi, chiese alla sua professoressa un consiglio su che carriera intraprendere. E lei gli fece una domanda spiazzante. Le prossime righe in corsivo sono tratte dal post di Marco Cagnotti.

“Marco, tu che cosa leggi in bagno?”. Un momento di sconcerto: perché una domanda così bizzarra dalla mia prof, che mi ha seguito per mesi, che ha letto la mia tesi e alla quale ora ho chiesto un consiglio per le mie scelte professionali? Mi riprendo dalla perplessità e le do una risposta spontanea: “Romanzi di fantascienza… saggi di divulgazione… Ma che c’entra, scusa?”. E a quel punto arriva la replica, sgradevole da ascoltare ma senza dubbio onesta: “C’entra, perché in un ambiente competitivo come la ricerca scientifica ci vuole il sacro fuoco, cioè il pensiero sempre rivolto, nel nostro caso, alla fisica teorica. Il sacro fuoco ti spinge a leggere ‘Physical Review Letters’ e ‘Classical and Quantum Gravity’ anche in bagno. E più tardi, sotto la doccia, la mente è concentrata sui conti e sui modelli, a caccia dell’intuizione che farà chiarezza sulla tua ricerca. Tu sei intelligente, Marco, ma ti manca il sacro fuoco. Pensaci…”.

Dopo aver letto queste frasi, mi sono chiesto quale fosse il mio fuoco sacro e mi sono fatto mentalmente la stessa domanda. Cosa leggo quando sono in bagno? Risposta facilissima. Smartphone in mano, mi leggo tutte le notizie scientifiche ed informatiche della giornata. Voglio sempre sapere le novità di questo mondo, per capire i trend della rete e le nuove idee di successo. A dire la verità leggo anche i titoli delle principali notizie del giorno. Cerco anche di seguire i consigli del mio professore di Elettronica all'università, Piero Marietti, che affermava che un buon tecnico deve avere anche una cultura non tecnica, coltivare anche altri interessi, che comunque potrebbero arricchirlo nel proprio lavoro, portando idee e creatività da altri campi.

Come Marco mi piacerebbe anche leggere romanzi di fantascienza, ma quelli li relego alle vacanze, in quanto hanno un effetto deleterio su di me. Se inizio un libro di quel genere, e mi piace, non faccio altro fino a che non lo finisco. Il che vuole dire che per 24 ore consecutive leggo e fino a che non ho visto che è andato a finire non faccio altro.

E sotto la doccia cosa faccio? In quel momento, in effetti, c'è un turbine di pensieri e di idee, e non è l'acqua che scende. Penso a qualche nuova idea da sviluppare, come ottimizzare quel database su cui stiamo lavorando, come rendere più performante il clustering delle mappe, ad una modifica al nostro pattern per diminuire ulteriormente i tempi di sviluppo del software, a quella nuova tecnica di programmazione che ancora non ho avuto il tempo di studiare, a come diminuire di un secondo i tempi di caricamento di quel sito, a come integrare nuovi servizi tramite Facebook, a pensare come usare quei dati open che ho trovato su internet per le analisi marketing dei dati dei nostri clienti, a cosa scrivere nel post odierno.

Dulcis in fundo, alle volte mi capita di ricordare, che ho sognato che stavo lavorando al problema della sera prima, e dal sogno tiro fuori l'idea giusta per risolverlo.

A questo punto, mi pare evidente quale sia il mio fuoco sacro:

Codice di programmazione
Il mio fuoco sacro

Il mio fuoco sacro è la programmazione e l'informatica.

Ed in effetti con queste domande è stato molto facile capirlo. Purtroppo ancora non abbiamo ancora implementato i commenti su questo sito, altrimenti mi piacerebbe sapere da voi cosa leggete quando siete in bagno e cosa pensate quando siete sotto la doccia. :-)

E comunque invito a farsi questi domande, tutti quelli che vogliono intraprendere la carriera informatica. Il bello di questa carriera è che c'è molto lavoro, e che può dare molta soddisfazione, il lato brutto è che non è facile. È un lavoro creativo, dove spesso ti capitano dei problemi che sembrano insormontabili, e soprattutto se sei un professionista, l'unico che può risolverli sei te stesso. Se non finisci il lavoro, non vieni pagato. Non sei un dipendente pubblico, che quello che riesci a fare, fai (con calma). Devi fare tutto, correttamente e nei tempi stabiliti. Certo esiste la via di mezzo, ma quella via di mezzo, significa di fare il semplice operaio informatico, in cui devi fare cose semplici e ripetitive, dove le soddisfazioni sono poche, ma di sicuro il lavoro è con meno brividi.

Se ti piacciono i brividi e le sfide, prova a lavorare con noi. In questi giorni stiamo cercando programmatori .net. La vuoi prendere la pillola rossa? (Questa è per geek, però se cliccate sul link forse vi sarà più chiara).

Happy coding. :-)

P.S.: provate a leggere il post di Marco Cagnotti. È molto interessante.
Post correlati
2011
29
Settembre
Fotografarsi con una macchina di Rube Goldberg
Maurizio Ceravolo
Per realizzare un video virale basta trasformare una cosa molto semplice, in una cosa terribilmente complicata. Come ad esempio una fotografia. Vediamo come.
2011
12
Settembre
Google Classic: il primo Google di 100 anni fa
Maurizio Ceravolo
Qualcuno ha provato ad immaginare come sarebbe stato Google se fosse nato 100 anni fa. L'interfaccia sarebbe stata differente, ma la filosofia la stessa.
2011
14
Aprile
Il Commodore 64 in mano a due bambini di oggi
Maurizio Ceravolo
Un video, che è un colpo al cuore per chi è cresciuto con il Commodore 64. Due bambini di oggi messi di fronte al mitico C64.
2010
8
Novembre
Marketing, mobile e fanboy
Maurizio Ceravolo
Nel mondo mobile i fanboy si comportano come ultras. Sui forum le discussioni sono accese. Ed il marketing ci guadagna.
2011
8
Settembre
Il ritorno delle scarpe autoallaccianti di Ritorno al futuro
Maurizio Ceravolo
Da alcune ore, si sono diffusi in rete dei rumors, per la messa in commercio da parte di Nike delle scarpe autoallaccianti che indossava Marty Mc Fly in Ritorno al Futuro 2.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Facebook Fax geek Geolocalizzazione Google Google+ Groupon humor IBM infografica innovazione marketing Microsoft Programmazione social media social network TV video viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post