Blog
home > blog > Facebook Deals: Facebook alla conquista del mondo fisico?

Tag: Facebook, Geolocalizzazione

Facebook Deals: Facebook alla conquista del mondo fisico?

Rumors dicono della fase di test del sistema di buoni basati su check-in di Facebook Places.
di Maurizio Ceravolo
Da pochi mesi Facebook ha lanciato Facebook Places, il proprio sistema di geolocalizzazione, che permette di segnalare la propria posizione agli amici sul popolare social network. Places è stato la risposta alla avanzata di una possibile nuova "big thing" nel mondo dei social network, FourSquare. In effetti nel logo di Places, c'è un riferimento alquanto evidente sia a FourSquare con un bel quattro in bella evidenza, che anche, al mostro della geolocalizzazione, Google, con una bella goccia rovesciata, tipica "puntina" delle mappe del colosso di Montain View.

La caratteristica fondamentale di Places è di permettere all'utente di fare il check-in, ovvero di segnalare il proprio arrivo in una cerca locazione ai propri amici. In effetti il check-in può essere considerato il mi piace del mondo fisico.

Adesso ci sono rumors, che sembrerebbero partiti dal sito AllFacebook, con questo post, in cui si segnala la face di test del nuovo servizio Facebook Deals. Questo servizio, se effettivamente vero, permetterà a Facebook di creare un nuovo e più forte legame con aziende ed inserzionisti del mondo fisico. Infatti permetterà agli utenti che fanno più check-in in un certo luogo, dove ha la sede una certa azienda, di ricevere buoni e crediti per l'acquisto di prodotti.

In effetti l'idea non è nuova, sulle mappe di Google, le aziende possono creare dei coupon per gli utenti, però non è una funzionalità molto usata, e sullo stesso FourSquare, alcune aziende (fra cui l'italiana Coin, come potete vedere da questa pagina, premia i Sindaci dei propri punti vendita) possono dare dei premi agli utenti che fanno più check-in.

Probabilmente un'idea del genere, portata avanti da chi ha 500 milioni di amici, potrebbe raggiungere più facilmente la massa critica, per cui clienti e soprattutto aziende non ne possano fare a meno. Adesso la richiesta dei clienti è "mi metti il mi piace sul sito", domani potrebbe essere "voglio fare il check-in nel mio negozio". E potrebbe funzionare bene. Adesso non ci sono dettagli se è vero, e come funzionerà. Io immagino qualcosa del genere. Vado dieci volte da Mario il gelataio e sulla mia bacheca viene una bella scritta "Mario il gelataio regala a Maurizio un gelato per averlo visitato 10 volte". Virale e potente. E da qui tutti i miei amici a correre da Mario tutte le sere per avere il gelato in omaggio. Si sa, che per qualcosa gratis, la gente sarebbe disposta a fare anche 100 chilometri. :-)

Nessuna religione ha mai potuto fare a meno di promettere “ricompense”, sia che queste si riferissero all’aldilà che all’aldiquà; l’uomo infatti è avido, e gratis non fa niente. (Max Stirner)
Post correlati
2011
2
Febbraio
Facebook Deals in Italia
Maurizio Ceravolo
Facebook Deals arriva anche in Italia. Si rivelerà una miniera d'oro e darà filo da torcere a Groupon. Se sfruttato bene potrà essere una buona occasione per le attività commerciali.
2010
4
Novembre
Novità Facebook: Facebook Deals, ma non il Facebookfonino
Maurizio Ceravolo
Facebook ha smentito la nascita del suo smartphone, però come da noi anticipato qualche giorno fa, ha lanciato Facebook Deals e qualcos'altro...
2011
25
Agosto
Google +1 ora condivide
Maurizio Ceravolo
Nuova importante modifica per il +1 di Google. Ora è possibile condividere con gli amici. Prende il meglio di Like e Send di Facebook e li migliora. Google all'attacco.
2010
14
Dicembre
Usare i dati ISTAT nell'analisi dei dati e nel geomarketing
Maurizio Ceravolo
L'ISTAT rilascia sul suo sito dati socio-economici in formati importabili nei propri database. Queste informazioni possono essere un valore aggiunto nell'analisi dei propri dati.
2010
15
Novembre
Facebook lancia Facebook Mail: dichiarata guerra a Google
Maurizio Ceravolo
Oggi al Web 2.0 Summit, Mark Zuckerberg annuncerà Facebook Mail. Il gigante di Palo Alto entra in guerra con Google supportato da 500 milioni di amici.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
anagrafica clienti Apple backdoor evoluzionismo digitale Facebook geek Geolocalizzazione Google Google+ humor infografica innovazione Microsoft mobile social network social plugin video Waze web marketing Windows 8
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post