Blog
home > blog > Guadagnare 120 mila dollari con la morte di Bin Laden

Tag: marketing, web

Guadagnare 120 mila dollari con la morte di Bin Laden

Uno studente di New York con molto spirito di iniziativa ha creato un sito di vendita di magliette per festeggiare la morte di Osama Bin Laden. Con un notevole successo.
di Maurizio Ceravolo
Gli americani hanno due caratteristiche, il forte patriottismo e lo spirito imprenditoriale. Uno studente della New York University's Stern School of Business, Maurice Harary, ha entrambe le cose.

Appresa la notizia della morte di Osama Bin Laden, invece di scendere in piazza a festeggiare come tutti i suoi compatrioti, è corso a casa ed ha realizzato in una notte un sito per vendere magliette con immagini e frasi per celebrare la scomparsa del terrorista più ricercato del mondo.

Il sito è Osama Dead Tees.

La maglietta di Osama Bin Laden morto
Il successo del memorabilia della morte di Osama Bin Laden

Eticamente potrebbe essere di dubbio gusto, ma in affari bisogna approfittare di ogni opportunità. E Maurice l'ha fatto. Approfittando del patriottismo e del nazionalismo dei suoi compatrioti, è riuscito a vendere 10 mila magliette a dodici dollari l'una in due giorni. Con un guadagno stimato fra i 60 e i 90 mila dollari. Non male assolutamente.

Osama Bin Landen T-Shirt Store
Le magliette in vendita

Pare che dopo il successo iniziale, però, Maurice ci abbia ripensato. Adesso sul sito le magliette non sono più in vendita ed ha dichiarato ai giornali che provvederà a rimborsare i soldi a tutti quelli che hanno acquistato i suoi gadget. Questo perché non vuole guadagnare dalla morte di qualcuno. Gli sembra cattivo. Sarò un pochino malizioso, ma questo pensiero si poteva fare prima. Non sarà che è stato investito da un notevole successo ed anche critiche e non è in grado di produrre tutte quelle magliette?

Maurice non è stato l'unico a festeggiare con le magliette la morte del terrorista. Anche il sito Zazzle, specializzato in magliette, personalizzate proposte dagli utenti, ha avuto un picco di sottomissioni di immagini celebrative per la produzione di magliette, ed ovviamente anche un picco di vendite delle stesse.

Osama Justice has been doneI found Osama
Magliette personalizzate dagli utenti della rete
Post correlati
2011
10
Giugno
Tatuaggio social con gli amici di Facebook
Maurizio Ceravolo
Una donna olandese si è tatuata su un braccio le foto dei profili dei suoi 152 amici di Facebook. Ok che un amico è per sempre, ma si tratta di pazzia pura o marketing virale?
2012
15
Marzo
LeSaiTutte: ha chiuso il primo Social CRM italiano
Maurizio Ceravolo
LeSaiTutte, community di proprietà della Tre, ha chiuso i battenti dopo essere stato il precursore in Italia di un nuovo approccio (Social CRM) con i clienti.
2010
22
Dicembre
Sony Ericsson Italia: il proprio brand prima di tutto?
Maurizio Ceravolo
Sulla pagina di Facebook di Sony Ericsson Italia c'è post promozionale che ha qualcosa di strano. Se non si crede fino in fondo sul proprio brand, il fail è dietro l'angolo.
2011
8
Giugno
Kal El: quando il marketing incontra i geek
Maurizio Ceravolo
Un nuovo prodotto ha bisogno di un nome che rimanga in mente. Se il target è geek, ed il prodotto è un "SUPER" chip il nome più adatto è Kal El. È per intenditori. Vediamo perchè.
2011
28
Settembre
4 Ottobre: si parla di iPhone (4S o 5?)
Maurizio Ceravolo
Apple ha mandato dei particolari inviti alla stampa per il 4 Ottobre. Al campus di Apple ci sarà una conferenza per parlare del nuovo iPhone. Non si sa se 4S o 5.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple browser war Facebook framework geek Geolocalizzazione Google Google+ humor infografica innovazione iPad Kamasutra Microsoft Motori di ricerca natale Programmazione social network tag video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post