Blog
home > blog > Programmare alla velocità della luce

Tag: Programmazione, video, humor

Programmare alla velocità della luce

Nei film i programmatori scrivono codice molto velocemente, ma la realtà è ben diversa. C'è un solo modo per programmare molto rapidamente. Vediamolo.
di Maurizio Ceravolo
Abbiamo già parlato dei programmatori nei film. Nella finzione cinematografica i programmatori sono a seconda dei casi, sfigati o dei fighi pazzeschi, però c'è sempre una matrice comune. Sono geniali, con il computer fanno cose inimmaginabili, generalmente entrano nei computer dell'FBI in meno di un minuto (con mia grande frustrazione nella realtà, ci metto ore ad entrare in una vecchia casella email di cui ho dimenticato la password) e soprattutto scrivono codice come forsennati, anche ad occhi chiusi o in piedi come in questo spezzone tratto dal film Codice Swordfish che purtroppo non posso incorporare, ma che vi consiglio di vedere direttamente su YouTube.

La realtà è ben diversa. La programmazione è lenta, ragionata, non funziona quasi mai il codice al primo colpo. Possono passare minuti fra una riga e l'altra di codice, durante i quali si ragiona rileggendo il codice già scritto.

E durante i quali si sogna di poter scrivere codice per una volta come fanno nei film, facendosi guardare come alieni dai colleghi.

Ed in effetti un modo c'è. :-)

Basta andare sul sito HackerTyper. Lì troverete questa schermata

Hacker Typer
La schermata iniziale di Hacker Typer

A questo punto cliccate F11 per mettere il browser a tutto schermo, girate lo schermo verso i colleghi e iniziate a battere i tasti della tastiera come forsennatti. Scriverete codice alla velocità della luce, come mai avreste sognato. L'effetto è questo


Programmare alla velocità della luce

Ovviamente è tutto uno scherzo da fare ai colleghi, però l'effetto è bellissimo.

Vi saluto, torno a programmare.... purtroppo lentamente.
Post correlati
2011
26
Settembre
Il tunnel della Gelmini: le battute
Maurizio Ceravolo
Un comunicato stampa della Gelmini ha scatenato ilarità e prese in giro in rete, a causa delle castronerie usate per prendere un merito politico. Un po' di umiltà no?
2011
19
Agosto
La canzone di Google+
Maurizio Ceravolo
Con la nascita del social network di Google, non potevano mancare i contributi umoristici degli utenti. In questo caso una canzone dedicata a Google+
2012
23
Aprile
G-Male e Siri: la vera storia d'amore
Maurizio Ceravolo
In tanti film di fantascienza abbiamo visto i sentimenti nascere in dispositivi intelligenti. Questo video lo immagina fra prodotti Apple e Google.
2011
18
Novembre
Microsoft prende in giro Google
Maurizio Ceravolo
Un divertente video, prodotto da Microsoft, prende di mira la capacità intrusiva di Google nelle mail per profilare la pubblicità più adatta da mostrare.
2011
31
Agosto
L'amore ai tempi del... web
Maurizio Ceravolo
100 anni fa gli innamorati si scambiavano missive, mentre negli ultimi decenni la parola scritta si è persa nel corteggiamento. E con l'avvento del web?


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
.Net Android Apple consolle Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione marketing Microsoft Motori di ricerca sitemap social network Steve Jobs video videogiochi Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post