Blog
home > blog > Huffington Post supera il New York Times

Tag: editoria, blog, media, news, evoluzionismo digitale

Huffington Post supera il New York Times

Il superblog Huffington Post a 5 anni dalla nascita supera in numero di visitatori lo storico e centenario New York Times. Segno dei tempi che cambiano?
di Maurizio Ceravolo
È proprio vero, non c'è più rispetto per i re. Arrivano i giovani e li detronizzano senza rispetto. E' successo con Myspace scalzato da Facebook, è successo a Nokia per merito di Apple ed adesso è successo per lo storico New York Times.

Il giornale, detto la "Vecchia signora in grigio", è un pezzo di storia del giornalismo, essendo stato fondato nel 1851. Fino a ieri, oltre ad essere un pezzo grosso della carta stampata, era anche il sito di notizie più visitato degli Stati Uniti.

Era. Perchè da oggi il re è un altro. Il nuovo re si chiama Huffington Post.

Grafico Huffington Post vs New York Times
Huffington Post vs New York Times

È un segno dei tempi che cambiano. Ai tempi della carta stampata superare un concorrente, cambiare i trend di mercato era un operazione lenta. Ai tempi di internet, con l'evoluzionismo digitale, i tempi si accelerano, è un po' come se si schiacciasse il tasto Avanti Veloce su videoregistratore (o più adatto ai tempi sul Blue Ray Player). Basta una idea geniale, una moda, ed i trend possono cambiare molto velocemente. Come si più vedere nel grafico l'incremento repentino dell'Huffington Post, il primo rappresentante dei nuovi media.

Huffington Post, HuffPo per gli amici, è un blog nato 5 anni fa dalla giornalista Arianna Huffington, diventata grazie alla sua creatura una delle donne più potenti degli Stati Uniti.

Arianna Huffington
Arianna Huffington

Il fatto che Huffington Post sia nato come blog ed effettivamente adesso sia ancora un blog, anzi un superblog, la dice lunga sui gusti degli utenti e sul fatto che preferiscano un tipo di informazione diversa. 

Ma cosa si intende per superblog? La formula prevede un giornalisti pagati (attualmente i dipendenti del sito di news sono una novantina) ed un grandissimo numero di blogger (circa 9 mila) che scrivono a titolo gratuito per ottenere visibilità.

Fra i blogger ci sono state personalità di assoluto rilievo come Barack Obama, Hillary Clinton, Michael Moore.

Huffington Post divenne molto popolare durante l'ultima campagna presidenziale statunitense, che come noto fu la prima a sfruttare veramente internet e la sua crescita è stata tanto veloce in pochi anni da arrivare a superare quindi lo storico New York Times. E l'ha fatto diventare una preda appetitosa, tanto che AOL a febbraio ha sborsato oltre 300 milioni di dollari per aggiudicarselo.

Una montagna di soldi!

Fra le caratteristiche del superblog, ce ne sono due che mi hanno colpito. Una innovativa ed un'altra paleolitica.

Ogni articolo ha due titoli. Durante i primi minuti di pubblicazione, vengono pubblicati alternativamente e quello che risulta più gradito dagli utenti diventa quello definitivo, in modo da catalizzare più click.

L'altra è una pratica antica, preistorica, molto cara ai giornali di casa nostra. Ovvero non pagare i collaboratori. Come detto Huffington Post ha catalizzato tantissimi soldi, visto a quanto è stato venduto. Ma tutti i guadagni rimangono ai vertici e non vengono distribuiti ai collaboratori. Questo ha fatto nascere molti malumori, tanto che ad aprile è stato chiamato in causa da migliaia di blogger non retribuiti. Arianna Huffington ha commentato le giuste richieste di compensi in modo sprezzante, affermando che scrivere per HuffPo è come una ospitata in televisione, serve ad avere visibilità. La domanda che mi faccio è una ed è semplice. Ma se faccio il giornalista e non vengo pagato nemmeno in uno dei più grandi siti di notizie del mondo, dove posso pensare di prendere lo stipendio? Dal giornalino di quartiere?

L'ultima nota è per il New York Times. È vero che è stato superato, però a sua difesa c'è da dire una cosa. Da marzo parte dei contenuti sono a pagamento. E comunque ha retto bene malgrado tutto.
Post correlati
2012
23
Ottobre
I contributi pubblici alla stampa sono accanimento terapeutico
Maurizio Ceravolo
In Italia (e nel mondo) si leggono sempre meno giornali cartacei, eppure i contributi pubblici sono più forti che mai. Questi soldi potrebbero essere usati per lo sviluppo digitale.
2011
14
Gennaio
Il web fa concorrenza sleale ai giornali
Maurizio Ceravolo
Il sindacato dei giornalisti italiani critica il web. Ma siamo sicuri che facciano bene il loro lavoro e non copino da internet? Vediamolo con un sorriso.
2011
22
Aprile
I giornali USA su Twitter
Maurizio Ceravolo
Una interessante infografica sulla presenza dei giornali USA su Twitter, il social network del micro blogging. Chi sarà il più seguito?
2011
12
Gennaio
Le app sono il futuro dell'informazione tradizionale?
Maurizio Ceravolo
Gli editori inseguono il modello della app per i tablet per rispondere alla crisi dell'informazione su carta. Ma siamo sicuri che questa sia la strada giusta?
2011
24
Agosto
L'evoluzione dei giornali negli USA fra il 1690 e il 2011
Maurizio Ceravolo
Negli Usa la tradizione editoriale è lunga secoli. Vediamo la sua evoluzione con una infografica interattiva ed un video in cui vedere l'andamento lungo tre secoli.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
api Apple Facebook geek Geolocalizzazione Google Google+ guida humor innovazione media Microsoft Motori di ricerca SEO social network Spazio tutorial video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post