Blog
home > blog > Google Analytics non funziona, si è preso un giorno di vacanza

Tag: Google

Google Analytics non funziona, si è preso un giorno di vacanza

Da tutti gli account di Google Analytics mancano le statistiche del 2 novembre. Per adesso Google non commenta.
di Maurizio Ceravolo

Da un'oretta circa è iniziato il tam tam sui blog italiani ed esteri. Tutti segnalano la mancanza di dati sulle proprie dashboard di Google Analytics. E quella di ideativi, e dei siti che seguiamo, non è da meno. Devo dire che è un po' sconcertante vedere LeSaiTutte, la community della Tre, da 6.200 visite del giorno prima a ZERO.

A quanto pare è una cosa comune. Sto leggendo anche blog inglesi ed anche quelli segnalano la stessa cosa.

Per adesso Google, sul blog ufficiale di Analytics non commenta nulla. L'unica cosa che si può vedere è sulla Analytics Status Dashboard è che ci sono stati dei malfunzionamenti nella giornata del primo novembre ed in quella del 30 ottobre.
Sul malfunzionamento del primo novembre c'è scritto:

Stiamo continuando ad esaminare più a fondo il problema. Forniremo un aggiornamento entro 06 novembre 2010 01.00.00 UTC+1 con i dettagli in merito alla tempistica di risoluzione del problema.

Per maggiori informazioni, rimanda alla pagina inglese dove dice anche

Starting Oct 25th, a 24hr delay with processing in sampled reports was identified in some accounts. No data has been lost and a fix is in progress.

Ovvero dal 25 ottobre in alcuni account un ritardo di 24 è stato registrato nel processare i dati. Nessun dato è stato perso e stanno lavorando su un aggiornamento che corregga il problema.

Da questo non è chiaro se i malfunzionamenti che vengono riportati oggi sono collegabili al problema del primo novembre. Se si, possiamo stare sicuri che non abbiamo perso nessun dato per le nostre amate analisi. In caso contrario sarebbe una bella macchia per Google.

In ogni caso, sicuramente qualcuno sta sudando freddo ora e passerà qualche notte a lavorare in un ufficio di Montain View.

EDIT: 14:30 - il problema sembra rientrato, i dati del 2 novembre sono stati recuperati e sono visibili.

Se qualcosa può andare male, lo farà (Prima legge di Murphy)
Se c'è una possibilità che varie cose vadano male, quella che causa il danno maggiore sarà la prima a farlo. (Terzo corollario alla prima legge di Murphy)
Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore. (Costante di Murphy)
Quando si trova e si corregge un errore, si vedrà che andava meglio prima. (Seconda legge di Scott)
C'è sempre un altro bug. (Principio della perversità della programmazione)
Post correlati
2012
12
Ottobre
Come mandare in crash Google Immagini
Maurizio Ceravolo
Casualmente abbiamo scoperto una procedura che manda sistematicamente in errore Google Immagini. In 3 semplici passi si arriva ad una pagina di errore.
2010
13
Novembre
Dal cybersquatting al domain trolling: con Facebook e Google una nuova era?
Maurizio Ceravolo
Una volta c'era l'accaparramento di domini, ora c'è l'intimidazione a colpi di carta bollata per non farli registrare.
2011
26
Agosto
"Benvenuto nella Guida di Google" rap
Maurizio Ceravolo
Gli ingegneri di Google hanno stile e sono dei perfetti geek, e spesso riescono a sorprendere, come adesso con un rap all'interno della guida di Google.
2012
23
Aprile
G-Male e Siri: la vera storia d'amore
Maurizio Ceravolo
In tanti film di fantascienza abbiamo visto i sentimenti nascere in dispositivi intelligenti. Questo video lo immagina fra prodotti Apple e Google.
2010
22
Novembre
Facebook: negli USA una pagina su 4 è sua
Maurizio Ceravolo
Facebook in continua crescita. Il 25% percento delle pagine viste negli USA è suo. Il 10% a livello mondiale. Analizziamo i dati di Alexa.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Angry Birds Apple evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ HTML 5 humor innovazione iPhone Microsoft My Space SEO Siri social media social network video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post