Blog
home > blog > Google Analytics non funziona, si è preso un giorno di vacanza

Tag: Google

Google Analytics non funziona, si è preso un giorno di vacanza

Da tutti gli account di Google Analytics mancano le statistiche del 2 novembre. Per adesso Google non commenta.
di Maurizio Ceravolo

Da un'oretta circa è iniziato il tam tam sui blog italiani ed esteri. Tutti segnalano la mancanza di dati sulle proprie dashboard di Google Analytics. E quella di ideativi, e dei siti che seguiamo, non è da meno. Devo dire che è un po' sconcertante vedere LeSaiTutte, la community della Tre, da 6.200 visite del giorno prima a ZERO.

A quanto pare è una cosa comune. Sto leggendo anche blog inglesi ed anche quelli segnalano la stessa cosa.

Per adesso Google, sul blog ufficiale di Analytics non commenta nulla. L'unica cosa che si può vedere è sulla Analytics Status Dashboard è che ci sono stati dei malfunzionamenti nella giornata del primo novembre ed in quella del 30 ottobre.
Sul malfunzionamento del primo novembre c'è scritto:

Stiamo continuando ad esaminare più a fondo il problema. Forniremo un aggiornamento entro 06 novembre 2010 01.00.00 UTC+1 con i dettagli in merito alla tempistica di risoluzione del problema.

Per maggiori informazioni, rimanda alla pagina inglese dove dice anche

Starting Oct 25th, a 24hr delay with processing in sampled reports was identified in some accounts. No data has been lost and a fix is in progress.

Ovvero dal 25 ottobre in alcuni account un ritardo di 24 è stato registrato nel processare i dati. Nessun dato è stato perso e stanno lavorando su un aggiornamento che corregga il problema.

Da questo non è chiaro se i malfunzionamenti che vengono riportati oggi sono collegabili al problema del primo novembre. Se si, possiamo stare sicuri che non abbiamo perso nessun dato per le nostre amate analisi. In caso contrario sarebbe una bella macchia per Google.

In ogni caso, sicuramente qualcuno sta sudando freddo ora e passerà qualche notte a lavorare in un ufficio di Montain View.

EDIT: 14:30 - il problema sembra rientrato, i dati del 2 novembre sono stati recuperati e sono visibili.

Se qualcosa può andare male, lo farà (Prima legge di Murphy)
Se c'è una possibilità che varie cose vadano male, quella che causa il danno maggiore sarà la prima a farlo. (Terzo corollario alla prima legge di Murphy)
Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore. (Costante di Murphy)
Quando si trova e si corregge un errore, si vedrà che andava meglio prima. (Seconda legge di Scott)
C'è sempre un altro bug. (Principio della perversità della programmazione)
Post correlati
2013
20
Febbraio
Passiamo ad una nuova Agenda Digitale
Maurizio Ceravolo
A due anni dal lancio dell'Agenda Digitale, il risultato sembra essere un totale fallimento. Ma ve l'avevo detto. È ora di passare ad altro.
2015
10
Settembre
Quello che le API (di Google+) non dicono
Maurizio Ceravolo
Google+ si aggiorna lentamente, aggiungendo nuove funzionalità. La stessa evoluzione non avviene nelle API. E che succede se qualcosa si rompe?
2012
12
Settembre
Il +1 di Google ha fallito?
Maurizio Ceravolo
Il social plugin di Google, il +1 ormai circola per il web da un anno e mezzo. È ora di trarre qualche conclusione, a seguito di un cambiamento operato da Google.
2012
4
Aprile
Google Consumer Surveys: opportunità per aziende e produttori di contenuti
Maurizio Ceravolo
Google rilascia un servizio di sondaggi on line, che rappresenta un'opportunità in più di guadagno per le aziende che producono contenuti digitali.
2011
18
Novembre
Microsoft prende in giro Google
Maurizio Ceravolo
Un divertente video, prodotto da Microsoft, prende di mira la capacità intrusiva di Google nelle mail per profilare la pubblicità più adatta da mostrare.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple dbms Facebook finanza geek Geolocalizzazione Google Google+ humor ingegneri innovazione iPad iPhone Labs marketing Microsoft social social network video voip
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post