Blog
home > blog > Baba Yetu: dai videogiochi al Grammy

Tag: videogiochi, musica

Baba Yetu: dai videogiochi al Grammy

Baba Yetu è la prima ed unica canzone nata per un videogioco ad essere nominata per un Grammy Award. E lo ha anche vinto.
di Maurizio Ceravolo
Il mondo dei videogiochi è molto cambiato negli anni. Una ventina di anni fa, un videogioco era creato da una sola persona che curava tutti gli aspetti, dalla grafica al sonoro, alla programmazione.

Con il tempo il gioco digitale si è evoluto da semplice artigianato ad industria, andando a rubare qua e là in altri campi. Ormai i giochi più importanti hanno budget da film, e ci lavorano decine di persone, fra le quali possiamo trovare anche attori, atleti e musicisti, presi dai mondi del cinema, dello sport e della musica.

Questo perché possiamo trovare dei filmati nel gioco con attori recitanti, o che si occupano di doppiare i personaggi digitali. Gli atleti invece servono per catturare le movenze da riutilizzare per i loro alter ego digitali. Mentre i musicisti hanno il compito di comporre la musica, questo perché anche i videogiochi hanno colonne sonore originali.

Questo è il caso di Civilization, serie di videogiochi nata nel 1991 dalla mente e dalla tastiera del vulcanico Sid Meier, uno dei nomi più celebri e storici dell'industria dei videogiochi.

In Civilization IV, la colonna sonora è stata creata da un giovane, ma già prolifico compositore, Christopher Tin. Il nome è sconosciuto ai molti, però ha già parecchia esperienza nell'ambiente. È stato assistente di Hans Zimmer, uno dei mostri sacri delle colonne sonore (il Gladiatore, Rain Man, Pirati dei Caraibi, Il Codice Da Vinci, Inception) ed ha composto parte della colonna sonora di X-men 2.

Per Civilization IV ha composto nella colonna sonora, una canzone molto particolare, che ha avuto un successo enorme. Baba Yetu.


Baba Yetu

Baba Yetu è cantata in Swahili, lingua dell'Africa centro-orientale. La scelta di una lingua africana collima al 100% con il tema del gioco. Il suo scopo è di far evolvere una civiltà dall'età della pietra fino al nostro futuro. Cosa di meglio di una canzone con le radici in Africa, che è dove è nato l'uomo? Ed inoltre è interpretata dal Soweto Gospel Choir, gruppo vocale africale. Ovviamente le sonorità sono africane.

Baba Yetu significa Padre nostro ed è la traduzione in lingua Swahili della più famosa preghiera cristiana.

Baba Yetu ha avuto un successo così grande da essere stata la prima ed unica canzone ad essere nominata per un Grammy Award. E pure a vincerlo.

Nel 2009 è stata inclusa in un album dal nome Calling All Dawns, comprensivo di 12 canzoni cantate in 12 lingue diverse, con testi tratti da libri sacri e poesie di varie culture ed è interpretato da oltre 200 musicisti di tutti i continenti.

Queste sono le parole della canzone:

Baba yetu, yetu uliye
Mbinguni yetu, yetu amina!
Baba yetu yetu uliye
Fu jina lako litukuzwe.
Utupe leo chakula chetu
Tunachohitaji utusamehe
Makosa yetu, hey!
Kama nasi tunavyowasamehe
Waliotukosea usitutie
Katika majaribu, lakini
Utuokoe, na yule, muovu e milele!
Ufalme wako ufike utakalo
Lifanyike duniani kama mbinguni. (Amina)


Buon ascolto.
Post correlati
2011
27
Maggio
Videogiochi per gatti su iPad
Maurizio Ceravolo
Con internet le frontiere del marketing si espandono, cosa di meglio per promuovere una marca di alimenti per gatti che realizzare una iniziativa virale che faccia parlare di sè?
2011
31
Agosto
Angry Birds nelle rivoluzioni di Tunisia, Egitto e Libia
Maurizio Ceravolo
Il desiderio di libertà delle popolazioni del nord Africa spinte dai cinguettii di Twitter viste con gli occhi di Angry Birds, il casual game più famoso del mondo.
2011
16
Giugno
Robin Williams testimonial e padre di Zelda
Maurizio Ceravolo
Robin Williams è un grandissimo fan della serie di giochi Zelda ed è stato scelto come testimonial per la pubblicità dell'ultimo gioco. È così fan che ha fatto una scelta importante...
2013
31
Maggio
Musica in streaming: Spotify vs Google Music vs Xbox Music
Maurizio Ceravolo
Negli ultimi anni la musica è diventata liquida dai supporti fisici si è passati al download ed ora la nuova frontiera è lo streaming.
2011
22
Agosto
Il rap di Google+
Maurizio Ceravolo
Dopo la canzone di Google+, ecco il rap di Google+. Il nuovo social network di Google ispira i musicisti.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple borsa Doodle evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione Lync Microsoft Programmazione SEO social CRM social network video videogiochi Xbox
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post