Blog
home > blog > Microsoft: Ballmer sta per uscire di scena?

Tag: Microsoft, borsa

Microsoft: Ballmer sta per uscire di scena?

Ballmer ha appena diminuito la sua esposizione azionaria in Microsoft del 12%. Sta per lasciare? Potrebbe essere un bene per gli azionisti.
di Maurizio Ceravolo
È notizia di poche ore fa, che Steve Ballmer, il focoso CEO di Microsoft, ha appena diminuito la sua esposizione azionaria in Microsoft del 12%, vendendo 49.3 milioni di azioni per un controvalore di circa 1.3 miliardi di dollari. Ufficialmente per diversificare il proprio portafoglio azionario.

Con 359 milioni di azioni, possiede ancora il 4.2% di Microsoft e rimane il secondo azionista di Microsoft dietro il fondatore e chairman Bill Gates.

 Bill Gates e Steve Ballmer
Bill Gates (a sinistra) e Steve Ballmer (a destra)

Diversi analisti, suggeriscono, che dietro questa mossa, ci sia l'intenzione di Ballmer di uscire da Microsoft.

Supponiamo che quel che pensano gli analisti sia vero. Perchè Ballmer dovrebbe uscire di scena? La mia idea è che ci siano pressioni da parte degli azionisti, che, negli ultimi anni, non hanno visto crescere il valore del loro investimento azionario. Questo non significa che Microsoft vada male. Assolutamente no. Microsoft fa vagonate di soldi tutti gli anni, e tutti gli anni distribuisce sostanziosi dividendi ai propri azionisti. Il fatto è che in borsa i guadagni, si fanno solo il piccola parte con i dividendi e in grossa parte con il valore delle azioni. Che sale o scenda a seconda di quello che è il sentiment degli operatori di borsa sulle possibilità di crescita di una società.
 
Giusto per dare un'idea. La nostra Unicredit, la più grossa banca italiana, nel 2010 ha distribuito un utile del 1.68%. Ovvero se ho 1000 euro di azioni, mi vengono accreditati 16 euro di dividendi. Invece nell'ultimo anno e mezzo il valore è passato da un minimo di € 0.80 per azione ad un massimo di € 2.40 per tornare ad un odierno € 1.78. Quindi se avessi comprato 1.000 euro di azioni sul minimo. Al massimo sarebbero diventati 3.000 ed ora sarebbero 2.225 euro. Un bel guadagno non c'è che dire.

E questo è il guadagno che manca da molti anni agli azionisti Microsoft, che vengono sbeffeggiati da quelli di Apple, che hanno visto crescere di molto il loro valore, malgrado un giro di affari minore, per l'alta redditività e l'appeal dei prodotti della mela morsica.

La dimostrazione di questo la vediamo in un grafico che mette a confronto un decennio di guida Gates contro un decennio di guida Ballmer.

Andamento di borsa di Microsoft sotto Bill Gates e sotto Steve Ballmer
Confronto del valore di borsa di Microsoft prima sotto Gates e poi sotto Ballmer

Il confronto è impetoso. Il massimo si è ottenuto 10 anni durante la bolla delle dot-com, con una crescita sotto Bill Gates da poco più di un dollaro per azione fino a quasi 60. Steve Ballmer diventa CEO durante la discesa dovuta allo scoppio della bolla speculativa, e durante la sua guida il valore delle azioni Microsoft seguono un andamento laterale, seguendo delle oscillazioni intorno alla stessa media di prezzo. A difesa di Ballmer si può dire che negli ultimi venti anni l'andamento di borsa di Microsoft ha ricalcato l'andamento del NASDAQ, l'indice dei titoli tecnologici americano. I disegni delle curve sono quelli del grafico qui sopra. In accusa di Ballmer viene il fatto, che negli anni '90, Microsoft ha sovraperformato il NASDAQ, che è cresciuto del 400%, mentre il colosso di Seattle ha totalizzato un fantasmagorico +1200%, mentre sotto il decennio Ballmer ha leggermente sottoperformato il NASDAQ.

Inoltre sempre nei primi 10 anni del terzo millennio, i diretti antagonisti di Microsoft, Apple (curiosamente salvata nel 1996 da Microsoft, che inietto capitali per mantenere in vita un concorrente e non avere problemi con l'antitrust) e Google (in borsa solo dal 2004) hanno entrambi totalizzato un +600%. Forse è ora di cambiare.

Post correlati
2011
17
Giugno
Windows Phone 7: 500 novità con Mango
Maurizio Ceravolo
Mango è il corposo aggiornamento di Windows Phone 7 che avverrà in autunno. Riuscirà ad accorciare le distanze da iPhone e Android, ma rimane qualche ombra per il segmento business.
2011
26
Gennaio
Bing: lento nell'indicizzazione
Maurizio Ceravolo
Il motore di ricerca di Microsoft non indicizza i siti in tre giorni come promesso nei Bing Webmaster Tools, ma in tempi molto più lunghi.
2011
1
Agosto
Apple ha più liquidità degli Stati Uniti
Maurizio Ceravolo
Il Financial Post, dall'analisi dei bilanci del Tesoro degli Stati Uniti e di quello di Apple, ha scoperto che Cupertino ha più soldi un cassa della sua nazione.
2010
28
Ottobre
Ripristinare un backup su una versione precedente di SQL Server
Maurizio Ceravolo
Microsoft impedisce di ripristinare un backup creato con una versione successiva di SQL Server. Esaminiamo un workaround per aggirare il problema.
2011
13
Giugno
Microsoft corteggia gli sviluppatori iPhone ed Android
Maurizio Ceravolo
Microsoft ha preparato delle guide e della documentazione apposita per il porting di applicazioni da Android e da iPhone per convincere gli sviluppatori a lavorare su Windows Phone 7.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Android Apple Facebook finanza geek Geolocalizzazione Google Google+ humor ideativi infografica innovazione iPad Microsoft server social network telefonia video Web Developing Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post