Blog
home > blog > L'evoluzione dei giornali negli USA fra il 1690 e il 2011

Tag: editoria, geek, infografica, video

L'evoluzione dei giornali negli USA fra il 1690 e il 2011

Negli Usa la tradizione editoriale è lunga secoli. Vediamo la sua evoluzione con una infografica interattiva ed un video in cui vedere l'andamento lungo tre secoli.
di Maurizio Ceravolo
Negli Stati Uniti, il giornalismo ha una lunga storia, ed i giornali hanno molto potere, tanto, in alcuni casi, da poter costringere un presidente a dimettersi, come nel caso dello scandalo Watergate.

L'università di Stanford ha creato una infografica interattiva in cui possiamo vedere l'evoluzione di tutta la storia dei giornali negli Usa a partire dalla prima pubblicazione del 1690. I dati vengono dal progetto Cronache dell'America della Libreria del Congresso.

Il primo giornale della storia degli Stati Uniti è stato il Publick Occurrences Both Forreign and Domestick pubblicato il 25 settembre del 1690. Negli obiettivi del suo editore sarebbe dovuto uscire con cadenza mensile, invece fu chiuso dopo 4 giorni dal governo coloniale. Prima di vedere una nuova pubblicazione dovettero passare 14 anni. In questi oltre 3 secoli di storia, sono stati pubblicate circa 140 mila testate.

È interessante scoprire che il primo giornale con articoli in lingua italiana degli Stati Uniti sia stato Le moniteur du sud di New Orleans nel 1849, con articoli in francese ed in italiano, seguito nel 1850 dall'Eco d'Italia a New York. Il massimo di giornali in lingua italiana è stato 88 testate nel 1927, mentre oggi ne sono rimaste 14.

Il massimo numero di testate di qualsiasi lingua invece è stato nel 1973 con 14.165 giornali.

È interessante notare con negli ultimi 20 anni, il numero di pubblicazioni è rimasto approssimativamente invariato, con i 13.670 di oggi. Quindi l'avvento di internet, per adesso non ha ucciso la carta stampata, semmai l'ha ridimensionata nei numeri di giornali venduti ed è stata affiancata dalla pubblicazione elettronica. Io penso che fra 20 anni le cose saranno notevolmente diverse (di questo ne abbiamo parlato in Tablet ed innovazione digitale uccideranno la carta stampata).

Per chi non ha voglia di provare l'infografica interattiva, può vedersi il video dell'evoluzione dell'editoria Usa in tre secoli di storia.


L'evoluzione dell'editoria USA in tre secoli di storia
Post correlati
2011
16
Giugno
Robin Williams testimonial e padre di Zelda
Maurizio Ceravolo
Robin Williams è un grandissimo fan della serie di giochi Zelda ed è stato scelto come testimonial per la pubblicità dell'ultimo gioco. È così fan che ha fatto una scelta importante...
2011
26
Luglio
Angry Birds dal vivo
Maurizio Ceravolo
Come sarebbe Angry Birds, il casual game più famoso del mondo, se fosse davvero nel mondo reale? Vediamolo....
2011
15
Settembre
G-Male: l'uomo perfetto secondo Google
Maurizio Ceravolo
Fra i suoi innumerevoli servizi, oltre a G-Mail, Google ha rilasciato G-Male, l'uomo perfetto sognato da ogni donna. Ma la perfezione potrebbe lasciare insoddisfatti?
2011
19
Agosto
La canzone di Google+
Maurizio Ceravolo
Con la nascita del social network di Google, non potevano mancare i contributi umoristici degli utenti. In questo caso una canzone dedicata a Google+
2011
4
Ottobre
Gaiking, il film
Maurizio Ceravolo
Gaiking, uno dei mecha dei cartoni animati degli anni '70, '80, sta per diventare un film sulla scia del successo di Transformers. Farà da apripista per altri robot?


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple crimine editoria evoluzionismo digitale Facebook finanza geek Google Google+ humor ignoranza innovazione integrazione marketing SEO social network telefonia video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post