Blog
home > blog > Google +1 ora condivide

Tag: +1, Google, Google+, Facebook, social network, social plugin, SEO

Google +1 ora condivide

Nuova importante modifica per il +1 di Google. Ora è possibile condividere con gli amici. Prende il meglio di Like e Send di Facebook e li migliora. Google all'attacco.
di Maurizio Ceravolo
Da quando è uscito Google+ (Plus), mi sono trovato tante volte a parlare del nuovo social network. Questo per vari motivi. Primo fra tutti credo nella crescita di questo social network, e soprattutto sono conscio dell'impatto che sta avendo, nel lavoro sul web.

Come in tanti ambiti, il successo è dato dall'integrazione, dall'avvicinare ambienti eterogenei.

Il colosso di Mountain View lo sta facendo, sta unendo i suoi pezzi da 90, Android, Google, YouTube, Gmail, Google News con il nuovo social network. In più sta coinvolgendo i webmaster di tutto il mondo, perchè ora la condivisione tramite +1 e Google+ condiziona il posizionamento sul motore di ricerca. In questo modo sta mettendo Facebook sulla difensiva. Da fuggitivo si è ritrovato in due mesi in inseguitore, con rilasci che cercano di copiare le innovazioni di Google (come le impostazioni di privacy e la video chat).

Abbiamo parlato diverse volte dei social plug in (Bing, la ricerca si fa social, Google, la ricerca social con il +1, Il +1 supera il tweet), ed io personalmente mi sono trovato più volte a pensare alle differenze fra i social plug-in, alla differenza, in particolare fra +1 di Google e Like (Mi piace) di Facebook.

In entrambi vedevo pro e contro. Il Like ha l'effetto di una esplosione, la componente social ed il grande bacino di utenza del social network, hanno l'effetto di una viralità breve ed intensa. Pubblichi un articolo, ti fanno il mi piace, le visite si propagano per passa parola in una giornata e poi il tutto si spegne. Questo è dovuto al meccanismo del social plugin di Facebook. Nel momento in cui clicco sul mi piace, appare la condivisione dell'articolo sulla mia bacheca e nello stream degli amici. Però questa mia azione, dopo una giornata non sarà più visibile da nessuno, perchè è raro che qualcuno torni indietro nel tempo nelle bacheche. E quindi tutte quelle azioni sociali andranno perdute nel tempo come lacrime nella pioggia (scusate non ho resistito alla citazione).

Il +1 è diverso, ogni azione sociale, viene custodita per sempre. Come avete letto in Google, la ricerca social con il +1, tutti i +1 verranno usati per condizionare le SERP dei nostri amici, per sempre. Quindi l'effetto è persistente, e cumulativo. Più volte il +1 verrà usato, più SERP verranno condizionate, perchè più amici nelle loro ricerche verranno coinvolti. Quindi più che virale, possiamo dire che il +1 è batterico. L'infezione parte lentamente, cresce e dura molto più a lungo.

Quindi possiamo dire che Facebook è la cicala delle azioni social, mentre Google è la formica.

Facebook cicala, Google+ (Plus) formica
Google+ formica bacchetta Facebook cicala

Detto questo sembrerebbe che il +1 sia totalmente vincente sul Mi piace. Almeno fino ad oggi no. C'è un problema. Un geek come me, percepisce la potenza del +1. Ma il web non è fatto da geek. Perché una persona normale dovrebbe fare +1? I +1 sono visibili su un tab apposito su Google+, che non è visibile di default, e soprattutto non arriva negli stream degli amici. In questi due mesi ho considerato, questo aspetto una palla al piede per il +1. Occorre premiare in qualche modo l'azione degli utenti, che per adesso è poco social.

Adesso però, Larry Page, il CEO di Google ha detto: "Al mio segnale, scatenate l'inferno".

Ed il segnale l'ha dato. Ieri Vic Gundotra, responsabile del progetto Google+, ha fatto un importante annuncio sul blog di Google.

Adesso il +1 permette di condividere la pagina sul quale avete fatto l'azione, con le vostre cerchie, o con chi volete, scrivendo la sua e-mail. In pratica ora racchiude in sé, quello che si più fare con il Like ed il Send di Facebook.

Vic Gundotra condivide con il +1. Vic Gundotra sharing +1.
Vic Gundotra condivide con noi le novità del +1 (clicca per ingrandire)

La notizia è di notevole importanza per i SEO. Adesso il +1 diventa anche virale oltre batterico. Una condivisione immediata ed una propagazione per passaparola e poi l'effetto diventa permanente nelle SERP. Potentissimo.

EDIT: (25/08/2011 12:35) facendo qualche esperimento, ho scoperto che questa modifica per adesso non funziona su Internet Explorer 8 (e quindi immagino anche i precendenti). Sto cercando la lista di compatibilità dei browser, ma per adesso non si trova.

Diventa sempre più evidente. La questione quindi non è se scegliere o meno di integrare il SEO con il Social Media, ma quanto bene farlo. Obiettivamente il +1 già mi piaceva prima, ora lo vedo una pedina imprescindibile nel posizionamento sui motori di ricerca.

Vediamo il video ufficiale di questa nuova funzionalità.


Le novità del +1

Vic Gundotra ci dice anche altro. A due mesi dalla sua introduzione il +1 è stato già adottato da un milione di siti. A luglio contava due miliardi di click al giorno, ora nel conta quattro.

Ci dà anche una informazione più tecnica. Come potete vedere sia dall'immagine sopra, che dal video, andando con il mouse sul +1 appena cliccato, appare una finestrella di popup dalla quale possiamo scrivere un commento, scegliere con chi condividerlo, ed avere il titolo, una descrizione ed una foto tratta dalla pagina che state condividendo (potete fare una prova su questo post, dai mostratelo ai vostri amici :-) ). Da dove prende le informazioni quello snippet?

Abbiamo ulteriori informazioni da questo post. Qui veniamo a sapere, che stanno preparando (ancora non è disponibile) una ulteriore modifica al +1: le annotazioni inline. Ovvero la possibilità di vedere le faccette degli amici che hanno cliccato il social plugin, esattamente come fa il mi piace di Facebook.

Le annotazioni inline del +1. Inline annotations +1
Le annotazioni inline del +1

Per lo snippet invece più che al post precedente, che da informazioni parziali, conviene andare sulla documentazione tecnica del +1.

Da qui ho scoperto che il sito di ideativi, è già pronto agli snippet, perchè ci sono 4 possibili fonti di informazioni (in ordine di priorità), ed una, la seconda la adottiamo già:

  1. Microdata schema.org. Schema.org è un consorzio che ha rilasciato dei tag per aumentare la semanticità delle informazioni di una pagina (ne parleremo dettagliatamente in futuro)
  2. Protocollo Open Graph. Usato da Facebook per dare ulteriori informazioni sulle pagine. Se vedete l'html di questo post, potete vedere i meta tag open graph nell'header.
  3. Tag Title e meta tag Description. Usati giù per popolare gli snippet delle SERP. Da qui non è possibile estrarre le immagini evidentemente.
  4. In mancanza di altre informazioni, Google cerca di estrarre titolo, descrizione ed immagine dalla pagina. Ma potrebbe non prendere le informazioni più importanti.
Direi che per SEO e webmaster c'è molta carne da mettere al fuoco. Chi come noi di ideativi ha un cms proprietario, ha vita più facile, l'abbiamo fatto noi, lo possiamo modificare subito per seguire le novità della rete, chi si appoggia a Wordpress, Drupal e simili dovrà aspettare che qualche sviluppatore realizzi un plugin per le sue esigenze.

Personalmente penso che ora il +1 possa diventare una grossa arma per Google, SEO e webmaster. Dire che mi piace proprio, ops... anzi +1.

La maglietta +1. +1 t-shirt
La maglietta +1. La voglio.
Post correlati
2011
2
Settembre
Google +1 su mobile
Maurizio Ceravolo
Continua l'avanzata del social plugin di google, il +1. Ora è visibile anche sui browser mobili di Android e iOs. Ma non ancora Windows Phone 7.
2012
12
Settembre
Il +1 di Google ha fallito?
Maurizio Ceravolo
Il social plugin di Google, il +1 ormai circola per il web da un anno e mezzo. È ora di trarre qualche conclusione, a seguito di un cambiamento operato da Google.
2011
30
Giugno
Google+ (Plus): il social network di Google
Maurizio Ceravolo
Google vuole prendersi un pezzo del mercato dei social network. Ci proverà con Google+ innovando sulle mancanze di Facebook. I presupposti sono buoni.
2011
12
Luglio
il +1 supera il tweet
Maurizio Ceravolo
Il +1 di Google ha avuto una crescita enorme in pochissimo tempo ed ora + più adottato nei siti del tweet di Twitter. La marcia verso il Mi piace si fa serrata.
2011
14
Novembre
Prova in anteprima: il badge di Google+ ha dimensioni fisse
Maurizio Ceravolo
I badge sono uno strumento per aiutare i siti a fidelizzare i propri utenti sui social network. Quello di Google è poco versatile, ed ha una dimensione non modificabile.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple business Cost Accounting evoluzionismo digitale Facebook finanza geek Google Groupon humor innovazione marketing Microsoft Motori di ricerca Project Management social network velocità video viral Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
Cosa è uno snippet  16 
I più popolari del mese
Top post
Cosa è il Gorilla Glass  56993