Blog
home > blog > Facebook Deals chiude

Tag: Facebook, social network, deals, coupon, finanza

Facebook Deals chiude

Facebook Deals, la risposta di Zuckerberg a Groupon è fallita. Partita a febbraio con grandi nomi, è stata chiusa prima di essere lanciata veramente.
di Maurizio Ceravolo
La notizia è interessante. Facebook Deals chiude. Ne avevamo parlato in Facebook Deals in Italia.

A inizio anno c'è stato molto fermento nel campo dei deals, le offerte di prodotti e servizi scontate. Google ha cercato di comprare Groupon, il leader del settore, e Facebook ha provato ad entrarci in pompa magna, sfruttando i suoi oltre 700 milioni di utenti.

Con un articolo, Reuters ha diffuso, la notizia inaspettata della chiusura di Facebook Deals. In effetti il progetto non era mai partito veramente. In Italia era stato lanciato un test con 5 grossi partner: Ac Milan, Benetton, Poste Italiane, Tim e Vodafone. Ma dopo di loro il silenzio più assoluto.

In effetti nei giorni scorsi mi stavo chiedendo del perché di questo immobilismo e leggere la notizia di Reuters mi ha sorpreso.

Questa è la dichiarazione dell'azienda: "After testing Deals for four months, we've decided to end our Deals product in the coming weeks," the company said on Friday in a statement emailed to Reuters. "We think there is a lot of power in a social approach to driving people into local businesses," Facebook added in the statement. "We've learned a lot from our test and we'll continue to evaluate how to best serve local businesses."

Ovvero: "Dopo aver testato Deals per quattro mesi, abbiamo deciso di porre fine al progetto nelle prossime settimane," come comunicato via email a Reuters dall'azienda. "Pensiamo che ci sia un grosso potenziale nell'approccio sociale nel portare le persone verso le aziende locali. Abbiamo imparato molto nel nostro test e continueremo a valutare come servire al meglio le piccole attività".

La mia sorpresa è dovuta al fatto, che consideravo assolutamente vincente Deals. Groupon ha costruito un business con una frazione degli utenti di Facebook, pensavo sarebbe stata schiacciata da Facebook, ma così non è stato.

Mancavano degli elementi nella mia analisi. Il business di Groupon ha la caratteristica di essere facilmente copiabile. Non c'è un grosso know-how dietro, non ci sono tecnologie sconvolgenti. Serve una rete commerciale ed un sito facilmente realizzabile. Infatti ci sono centinaia di imitatori in Italia e nel mondo. Questo ha come conseguenza che la concorrenza è forte ed i margini sono bassi. Infatti Groupon, malgrado sia leader, ha una perdita di 100 milioni di dollari nell'ultimo trimestre.

Facebook ha visto in questo un business difficile, con un punto di pareggio molto avanti nel tempo, ed in questo momento non se lo può permettere. Google incalza con Google+, gli investitori iniziano a domandarsi se la valutazione del social network sia adeguata (100 miliardi di dollari nell'ultima stima). Per mantenere il flusso di soldi dagli investitori, il gigante di Palo Alto deve continuare a mostrarsi invincibile.
Post correlati
2011
2
Febbraio
Facebook Deals in Italia
Maurizio Ceravolo
Facebook Deals arriva anche in Italia. Si rivelerà una miniera d'oro e darà filo da torcere a Groupon. Se sfruttato bene potrà essere una buona occasione per le attività commerciali.
2011
4
Luglio
La bolla di Facebook sta per scoppiare?
Maurizio Ceravolo
Adesso pare che Facebook valga 100 miliardi, dai 50 di inizio anno. La quotazione in borsa sembra imminente, però molti dipendenti si stanno liberando delle azioni.
2011
5
Gennaio
Facebook valutato 50 miliardi. È eccessivo?
Maurizio Ceravolo
Il gigante dei social network è stato valutato 50 miliardi di dollari a seguito dell'ingresso nel capitale della banca d'affari Goldman Sachs. Ma li vale davvero?
2011
9
Febbraio
I numeri di Facebook
Maurizio Ceravolo
Una infografica che rappresenta tutti i numeri del 2010 del colosso dei social network. In una sola parola. Impressionante.
2010
13
Novembre
Dal cybersquatting al domain trolling: con Facebook e Google una nuova era?
Maurizio Ceravolo
Una volta c'era l'accaparramento di domini, ora c'è l'intimidazione a colpi di carta bollata per non farli registrare.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple e-commerce evoluzionismo digitale Excel Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione matrimonio Microsoft SERP Silverlight social network social plugin video viral Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post