Blog
home > blog > Social Media Sobriety Test: evitiamo di comprometterci

Tag: social network, privacy

Social Media Sobriety Test: evitiamo di comprometterci

Con l'avvento dei social network, il problema di privacy più grosso sei tu. Ecco un software per evitare le figuracce.
di Maurizio Ceravolo
Sono mesi che si susseguono i articoli e polemiche sulla privacy, in particolare su Facebook e su Google.

Però secondo me, il faro andrebbe puntato da un'altra parte. Come nell'ambito della sicurezza, il problema più grosso è l'uomo! Puoi tirare su i più grossi sistemi di sicurezza, però se poi lasci le chiavi attaccate alla toppa della porta di casa, allora è tutto inutile.

La stessa cosa vale per la privacy. Quando si scrive qualcosa su internet, se ne perde il controllo e ci si potrebbe pentire. Sono all'ordine del giorno le persone licenziate perchè dicevano di stare male, e poi postano le foto al mare, oppure come il ladro che nell'appartamento svaligiato ha avuto il bisogno impellente di aggiornare il suo status su Facebook. Sono cose che fanno sorridere. Però in effetti la situazione è chiara. A tutti piace chiaccherare, mostrare agli altri, vantarsi. E cosa di meglio di internet o di un social network. Però poi ci si potrebbe pentire.

Peggio ancora andare su Facebook, dopo una notte brava in discoteca, annebbiati dai fumi dell'alcol. Potremmo scrivere cose di cui pentirci. Si sa, in vino veritas.

Per questo Webroot Software ha creato Social Media Sobriety Test, un software che permette di bloccare i social network in orari programmati. Se in quegli orari si prova ad accedere, occorre superare un test che dimostri di essere lucidi. Come potete vedere nel video successivo.

Loro hanno realizzato questo software, basandosi su un problema che affligge milioni di persone, il drug posting, ovvero il postare sotto l'effetto di sostare stupefacenti. :-)
Sicuramente è un'idea interessante, molto virale sotto l'effetto del markting.

La tecnologia è una gran cosa, però non potrà mai evitare cose del genere.....(cliccate per espandere)

 

Facebook Fail
Facebook Fail (Fonte Faccialibro.org)

 

La nostra ignoranza raggiunge mondi sempre più lontani. (Stanislaw Jerzy Lec)

Post correlati
2011
23
Settembre
La Timeline di Facebook
Maurizio Ceravolo
Entro i primi di ottobre Facebook rilascerà agli utenti diverse novità. Una di queste è la Timeline, la vostra vita riassunta in un pagina. Per darvi pubblicità migliore.
2012
27
Agosto
Perché è utile misurare le interazioni su Google+
Maurizio Ceravolo
Gestire il proprio personal brand o la pagina Google+ della propria azienda significa mettere in atto una strategia. Per lavorare al meglio servono, però, degli strumenti di analisi.
2011
14
Ottobre
Google+ non ha bisogno di hashtag, però li introduce
Maurizio Ceravolo
Quanlche giorno fa, Mike Elgan, noto blogger, aveva condiviso un'analisi sul fatto che Google+ non avesse bisogno di hashtag. Google+ lì ha attivati!
2011
27
Settembre
Google+: condivisione delle cerchie
Maurizio Ceravolo
Aggiornamenti a ritmo continuo su Google+, adesso è possibile condividere le proprie cerchie.
2011
27
Settembre
Google +1 sulle pubblicità di Google
Maurizio Ceravolo
La contaminazione social di Google procede speditamente, dai primi di ottobre il +1 sarà presente su tutte le pubblicità del network pubblicitario del colosso delle ricerche.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple bug Facebook fisica geek Google Google+ humor IBM innovazione Microsoft Motori di ricerca nerd ricerca SEO social network social plugin video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post