Blog
home > blog > Formattazione su Google+: grassetto, corsivo e barrato

Tag: Google+, social network, usabilità

Formattazione su Google+: grassetto, corsivo e barrato

Può capitare usando Google+ di vedere post con un minimo di formattazione, però non si capisce come farlo, mancando un vero editor. Vediamo come si fa.
di Maurizio Ceravolo
Da pochi giorni Google+ è aperto a tutti, nessun invito per entrare, ora basta registrarsi per usare il social network di Google.

I nuovi entrati si accorgeranno che alcuni riescono a scrivere post con un po' di formattazione: grassetto, corsivo e barrato, eppure non esiste alcun editor. Qual'è l'arcano?

Molto semplice, occorre scrivere con dei codici:

  • grassetto è dato da *grassetto*
  • corsivo è dato da _corsivo_
  • barrato è dato da -barrato-
E quindi una frase scrittà così:

Ciao ragazzi, -Facebook- *Google+* è un bel _social network_.

Risulterà così:

Ciao ragazzi Facebook Google+ è un bel social network.



Guida video per la formattazione su Google+

Se dovessi fare un grassetto corsivo? Compito a casa per voi. Dai non è difficile.
Post correlati
2014
16
Gennaio
I 480 profili top italiani di Google+: la classifica per autorevolezza
Maurizio Ceravolo
Dall'analisi dei 480 profili più seguiti, scopriamo che avere tanti follower non significa automaticamente essere autorevoli. E molte altre cose...
2012
27
Agosto
Perché è utile misurare le interazioni su Google+
Maurizio Ceravolo
Gestire il proprio personal brand o la pagina Google+ della propria azienda significa mettere in atto una strategia. Per lavorare al meglio servono, però, degli strumenti di analisi.
2011
11
Luglio
Google+: per 80 minuti finito lo spazio disco
Maurizio Ceravolo
Vic Gundotra sul suo profilo di Google+, ha spiegato la causa di invii ripetuti di mail dal social network. Anche i grandi fanno errori banali.
2011
14
Ottobre
Google+ non ha bisogno di hashtag, però li introduce
Maurizio Ceravolo
Quanlche giorno fa, Mike Elgan, noto blogger, aveva condiviso un'analisi sul fatto che Google+ non avesse bisogno di hashtag. Google+ lì ha attivati!
2015
10
Settembre
Quello che le API (di Google+) non dicono
Maurizio Ceravolo
Google+ si aggiorna lentamente, aggiungendo nuove funzionalità. La stessa evoluzione non avviene nelle API. E che succede se qualcosa si rompe?


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple casual game copia design evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione Microsoft Programmazione ricerca social network spam video videogiochi Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post