Blog
home > blog > La Timeline di Facebook

Tag: Facebook, social network, marketing, pubblicità, privacy

La Timeline di Facebook

Entro i primi di ottobre Facebook rilascerà agli utenti diverse novità. Una di queste è la Timeline, la vostra vita riassunta in un pagina. Per darvi pubblicità migliore.
di Maurizio Ceravolo
Facebook ha annunciato molte novità per il social network più famoso del mondo.

Interfaccia rivoluzionata, Open Graph API evolute per supportare una specie di Page Rank, per evidenziare i contenuti più rilevanti su una persona e l'introduzione della Timeline.

La Timeline, banalmente, è il percorso della vostra vita dentro e fuori Facebook, raffigurato su una scala temporale. Il che vuol dire, che appena attiva per tutti, ai primi di Ottobre, potrete mettere molte più informazioni. Le foto di quando siete, nati, la prima comunione, il matrimonio, il primo lavoro, una specie di biografia informatica della vostra vita, che potrà essere poi navigata scorrendo un cursore temporale.


La Timeline di Facebook

Questo servirà a riutilizzare i vecchi dati che vengono persi. Un aggiornamento di stato di un anno fa, non lo vede nessuno. Le nuove Open Graph tireranno fuori le cose più rilevanti e le faranno vedere nella timeline, facendovi vedere cosa stavano facendo nello stesso momento i propri amici. In questo modo Facebook, sarebbe un po' più formica che cicala per i propri dati (ne avevamo parlato in Google +1 ora condivide), ed in più potrebbe ottenere molte più informazioni su di voi.

Adesso mi sto domandando se questa cosa sarà accolta con interesse dagli utenti. Una cosa è certa dagli inserzionisti sicuramente si. Come analizzato da un servizio di Report, il prodotto sei tu, Facebook e gli altri social network stanno diventando dei Grandi Fratelli, con persone schedate, letteralmente da mezzo mondo. E non bisogno scomodare regimi totalitari e stati di polizia, sono gli stessi utenti a creare i loro dossier (figli, gusti, acquisti, reluazioni personali, preferenze sessuali, fotografie, spostamenti tutto lì). Per chi non vuole vedere il servizio, è anche disponibile un pdf da leggere, che potete scaricare da qui (ho messo una della trascrizione de Il prodotto sei tu di Report su questo server nel caso venisse cancellato dalla Rai).

In questo servizio c'è una frase molto interessante: "E’ a  loro che  i 17 milioni di utenti italiani di Facebook stanno consegnando i loro profili personali completi di età, indirizzo, data di nascita, sesso, gusti, eccetera  in cambio di migliaia di servizi gratuiti, dai giochi agli incontri amorosi. Tutto bello tutto gratis ma se ti vai a leggere i termini contrattuali che quasi nessuno legge, scopri che sì, non stai pagando per il prodotto… perchè il prodotto sei tu.".

Ed una santa verità. Su Facebook, una volta che hai inserito dei dati, non puoi pretendere la cancellazione, al massimo puoi disattivarli, ma sono salvati per sempre sui loro server, come se fossero scolpiti nella pietra. Una notevole questione di privacy. Questo perchè il prodotto da vendere siete voi. In questo modo gli inserzionisti possono creare delle campagna altamente targettizzate. Chi altro potrebbe mandare una informazione pubblicitaria, a giovani coppie (di cui almeno uno dei due è laureato) con bambini di massimo un anno? Non lo puoi fare per radio, non per televisione, non sulla carta stampata. Lo puoi fare solo con chi ha un dossier su di te. E glielo hai consegnato tu!

Orwell quando ha scritto 1984 ha peccato di fantasia. Immaginava un mondo di persone infelici tutte schedate. Si sbagliava sono tutti felici a farsi schedare.
Post correlati
2010
6
Dicembre
La Netnografia: la nuova frontiera del marketing
Maurizio Ceravolo
Un articolo sulla nuova frontiera del marketing
2011
10
Giugno
Tatuaggio social con gli amici di Facebook
Maurizio Ceravolo
Una donna olandese si è tatuata su un braccio le foto dei profili dei suoi 152 amici di Facebook. Ok che un amico è per sempre, ma si tratta di pazzia pura o marketing virale?
2011
16
Novembre
Due veloci lezioni in Social Marketing
Maurizio Ceravolo
Google+ Your Business spiega l'errore più comune che fanno le aziende sui social network e come seguire le discussioni sul proprio brand.
2010
26
Novembre
Facebook registra il marchio "Face"
Maurizio Ceravolo
Il gigante di Palo Alto registra come marchio una parola di uso comune: Face. Si preannuncia una guerra legale con mezzo mondo?
2011
27
Giugno
Rapisce donna in diretta su Facebook con i like degli amici
Maurizio Ceravolo
Negli USA un uomo rapisce una donna per 16 ore, raccontandolo in diretta agli amici su Facebook, i quali gli danno supporto e consigli, fino al tentato suicidio.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
anagrafica clienti Apple Calcolo distribuito Facebook finanza geek Google Google Drive Google+ humor infografica informatica innovazione Microsoft rapporti sociali social network video videogiochi viral Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post