Blog
home > blog > Google Instant Preview: cambia il lavoro dei SEO ed uccide Flash.

Tag: Google Instant Preview, SEO, SERP, Google

Google Instant Preview: cambia il lavoro dei SEO ed uccide Flash.

Le anteprime dei siti direttamente disponibili dalle pagine dei risultati di Google. Ora occorrerà ottimizzare anche la grafica per le SERP.
di Maurizio Ceravolo

Oggi Google ha tirato fuori una nuova novità. In effetti con il colosso di Montain View le novità sono sempre all'ordine del giorno. Ogni volta che vado a vedere i lab di Google, come quelli di Microsoft, mi viene lo sconforto per le cose che ci sarebbero da studiare.

Oggi ha rilasciato Google Instant Preview, che segue di qualche settimana Google Instant Search. Ma in cosa consiste? Semplicemente nella SERP (la pagina dei risultati di una ricerca), accanto a ciascun titolo, appare una piccola lente di ingrandimento. Cliccando su questa lente di ingrandimento, a destra, sopra addirittura i link sponsorizzati, appare una anteprima del sito, con evidenziate le frasi usate per la ricerca.

A differenza di Google Instant Search, questa funzionalità mi sembra molto impattante sul lavoro dei webdesigners e pure dei SEO. In effetti sono curioso di leggere oggi e nei prossimi giorni i thread sui vari forum SEO. Questo perchè fino ad oggi era il testo nella SERP ad influenzare la scelta se cliccare oppure no. Adesso l'utente avrà a disposizione anche un'anteprima. Ed il discorso si fa notevolmente più complesso.

Dato che una immagine vale più di mille parole, con molta probabilità sarà questa ad influenzare notevolmente i navigatori nella scelta di che sito visitare. Quindi il lavoro dei SEO, da oggi in poi, se questa novità incontrerà i favori del pubblico, cambierà notevolmente. Non dovranno ottimizzare solo i testi ed i link, ma anche ottimizzare l'aspetto grafico, in modo che sia accattivamente su una anteprima.

Teoricamente potrebbe cambiare il modo con cui si concepiscono i siti. Potrebbe nascere sotto un "effetto Panorama". Non cercate questo termine su Google, non troverete nulla, l'ho appena coniato. Per spiegarlo metto un paio di foto, supponendo che io stia facengo una pagina in cui spiego l'XHTML. Come dicevo un'immagine vale più di mille parole.

 

girl xhtml tag
L'importanza di un buon manuale XHTML


La sintassi dei tag e degli attributi in un tag.

Penso che ora sia chiaro cosa intendo. Il periodico Panorama usa sempre nelle proprie copertine immagini di donne nude. Se cade la borsa, mettono una donna nuda con la borsa per terra. :-) Per effetto Panorama intendo che potrebbe accadere che molti siti mettano nelle pagine, magari a destra fra i banner, dei box con una immagine con una modella. Oppure mettendo direttamente nei testi immagini con una certa correlazione con il contenuto, che però raffigurano ragazze. Come ho fatto io ora, ironicamente, ipotizzando come potrebbe essere un post sull'XHTML. Come in effetti succede ora sull'Instant Preview di Panorama.

 

Serp Panorama
SERP sulla parola chiave Panorama.

Se vedete in basso (cliccate per vedere l'immagine a piena dimensione) c'è un piccolo box con una ragazza in topless. Quanto può attirare l'attenzione una cosa del genere ad un visitatore? Io penso tanto. Considerando che, se lo fanno i giornali da anni, un qualche effetto lo ha.

Secondo me nelle prossime settimane ci saranno degli effetti sui software di statistiche, chi avrà un immagine più professionale, ed anche chi, fra i contenuti inframezza dei nudi, avrà degli aumenti di visite, gli altri delle diminuzioni.

In effetti sono curioso di vedere che effetto avrà nei risultati questa pagina, con le immagini che ho messo in questo post.

Un altro effetto che avremo, è una ulteriore penalizzazione di Flash. Su questa pagina del blog ufficiale di Google Webmaster Central, c'è una descrizione di Google Instant Preview. Fra le cose che dichiarano è che, per adesso, i siti in Flash vengono visualizzati con una icona a tassello di puzzle. Praticamente invisibili per ora. Più avanti lo ottimizzeranno per catturare correttamente l'aspetto del sito. Ma anche così vedo flash molto penalizzato. In che momento cattureranno l'immagine. I Flashisti tengono a rimpire il loro lavoro di intro e preloader. Se Google "scatta" la foto al caricamento della pagina, saranno visualizzati solo le barre di progressione di caricamento. Già Flash era penalizzato per l'indicizzazione dei contenuti testuali, ora è penalizzato anche su Instant Preview. A questo punto con la transizione ad HTML 5, Flash ed anche Silverlight saranno relegati alla creazione di applicazioni multimediali ed interattive e sempre meno saranno utilizzati per creare siti interi.

Alcune altre considerazioni su quello che si legge nel post. Loro dichiarano che i navigatori si dicono il 5% più soddisfatti nelle loro ricerche con questa funzionalità. Riescono a trovare i contenuti che cercano con meno click. Mi lascia un po' perplesso, una statistica, evidentemente fatta solo con utenti esperti in beta, visto che è stato rilasciato oggi. Penso che più che facilitare la ricerca di contenuti, aiuterà ad entrare prima in siti che ci aggradano. Google dichiara che ci vogliono 8 secondi per decidere se si rimane o se ne va via da un sito. Con Instant Preview questa decisione verrà anticipata alla SERP, dando più tempo di navigazione sulle pagine di Google e meno a quelle dei siti. In pratica diminuiranno i click in ingresso dai motori di ricerca e miglioreranno le percentuali di rimbalzo. Tutto questo anche se Instant Preview non modificherà effettivamente l'algoritmo di ranking.

Se per caso non sarà disponibile la preview, dicono che la cattureranno al volo e nei log del server come user-agent si leggerà "Google Web Preview". Penso che sia da perfezionare, questa mattina ho già visto una volta la scritta "Anteprima non disponibile".

Questa funzionalità è integrata anche con il Safe Search. Ho fatto una prova. Ho cercato la parola Sex. Se il Safe Search è disabilitato, vedo le anteprime dei siti porno. Se è abilitato vedo anche qui "Anteprima non disponibile", come potete vedere dall'immagine.

Serp keyword sex
Serp con la keyword Sex e il Safe Search abilitato

Per chi non vuole che il proprio sito esca in anteprima, deve mettere nel meta tag il nosnippet, come descritto in questa pagina di Google. L'effetto originario sarebbe di impedire la visualizzazione dello snippet (è il testo che sta sotto ogni titolo) nelle SERP e di impedire che la pagina venga inserita nella cache di Google. Ora aggiunge anche l'effetto di impedire la generazione dell'anteprima.

Ultima considerazione. Ho provato a vedere come veniva fuori il sito di e-minds (il vecchio sito di ideativi). Ed ho scoperto una cosa interessante. La generazione della anteprime è scollegata al bot di indicizzazione delle pagine. Infatti vedo una anteprima di una pagina del blog che è coerente con il titolo ed il testo nella SERP. Mentre per l'homepage, titolo e snippet sono allienati a come è adesso la pagina, mentre l'anteprima è quella di almeno un mese fa, prima che mettessimo on line il sito. Infatti l'anteprima visualizza ancora la pagina in costruzione.

Serp preview eminds corretta
Anteprima sincronizzata al titolo e allo snippet

e-minds anteprima serp sbagliata

Anteprima NON sincronizzata al titolo e allo snippet

Per finire un video introduttivo su Google Instant Preview

Post correlati
2011
19
Settembre
+Snippets: condivisione social da Google Maps
Maurizio Ceravolo
L'avanzata social di Google continua. Da Google Maps ora è possibile condividere direzioni, attività commerciali e risultati di ricerche. Con conseguenze nelle SERP.
2010
3
Dicembre
Google e la reputazione digitale
Maurizio Ceravolo
Google modifica il meccanismo del ranking. Penalizzerà i negozi on line che hanno una cattiva reputazione.
2011
6
Aprile
Google: la ricerca social con +1
Maurizio Ceravolo
Google ha introdotto da alcuni giorni sulla sua versione inglese, la possibilità di votare i risultati della SERP e condividerli in maniera sociale. Aumenta la difficoltà per i SEO.
2011
22
Agosto
Con Google+ (Plus) la ricerca di Google si fa (più) social
Maurizio Ceravolo
Google ha annunciato di aver aggiornato i risultato delle ricerche. Ora verranno evidenziati i post su Google+ nelle SERP. Per i SEO diventa fondamentale essere social.
2011
14
Novembre
Prova in anteprima: il badge di Google+ ha dimensioni fisse
Maurizio Ceravolo
I badge sono uno strumento per aiutare i siti a fidelizzare i propri utenti sui social network. Quello di Google è poco versatile, ed ha una dimensione non modificabile.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Facebook finanza fisica geek Google Google+ gps humor infografica innovazione iPhone Microsoft Motori di ricerca ottimizzazione Programmazione social network Spazio sql video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post