Blog
home > blog > Google+ non ha bisogno di hashtag, però li introduce

Tag: Google+, social network, Google, Twitter

Google+ non ha bisogno di hashtag, però li introduce

Quanlche giorno fa, Mike Elgan, noto blogger, aveva condiviso un'analisi sul fatto che Google+ non avesse bisogno di hashtag. Google+ lì ha attivati!
di Maurizio Ceravolo
Mike Elgan, noto blogger USA, alcuni giorni fa ha postato su Google+, alcune sue considerazioni sull'inutilità di inserire gli hashtag (le parole che iniziano con il #) sul social network di Google.

Hashtag
Google+ non ha bisogno di hashtag

Trovo molto interessanti i suoi ragionamenti.

Gli hashtag sono diventati molto popolari con Twitter, per un semplice motivo. Sono la soluzione ad un problema, visto che la ricerca su Twitter fa schifo. Sono le chiavi per ricercare un certo argomento e facilitare i sistemi del re del micro blogging. Una soluzione che però non è completamente risolutiva, perchè gli autori che non usano un determinato hashtag sull'argomento, non sono poi ricercabili. In più secondo l'anali di Elgan, sono le persone che cercano di autopromuoversi ad usare gli hashtag, mentre chi genera contenuti di qualità li usa di meno. Nel suo caso, su oltre 14 mila tweet lui non ha mai usato gli hashtag.

Google+ non ha bisogno di hashtag perchè ha tre cose che Twitter non ha:

  1. Un grande motore di ricerca. Che non hanno nè Twitter, né Facebook;
  2. Post più lunghi. Twitter ha bisogno degli hashtag perchè con 140 caratteri di limite, si riduce la possibilità di avere parole chiave ricercabili;
  3. Commenti. Se la ricerca fallisce, è possibile chiedere alle proprie cerchie quello che state cercando e quindi ricevere aiuto da loro.
Molto interessante e condivisibile.

E quindi? Gli ingegneri di Google+ hanno introdotto gli hashtag. Due giorni fa. :-) In effetti non perchè ce ne fosse bisogno, ma perchè molte persone venendo da Twitter, avevano l'abitudine di usarli. Il tutto è stato annunciato con un video da Vic Gundotra, Senior Vice Presidente di Google e responsabile del progetto Google+.


Vic Gundotra annuncia due nuove funzionalità

Nel video e nel post collegato, Gundotra annuncia due novità in Google+.
  • La ricerca in real time. Nel momento in cui un testo viene postato, è subito disponibile nelle ricerche. E la pagina delle ricerche viene aggiornata in tempo reale, come potete vedere nel video.
  • L'introduzione degli hashtag. L'uso dell'hashtag è puramente facoltativo. Si può usare oppure no, tanto ci pensa il motore di ricerca a trovare tutto. L'hashtag da solo una scorciatoia verso il motore di ricerca. Cliccandoci sopra si attiva la ricerca per quella parola.
In definitiva, sembra che Google stia cercando di riportare dentro Google+ quello che gli utenti sono abituati ad usare altrove, venendo incontro alle loro esigenze.

Io, personalmente, sono sempre più colpito della velocità con cui sviluppano.
Post correlati
2011
20
Luglio
Mark Zuckerberg: é lui o non è lui?
Maurizio Ceravolo
Su Google+ è apparso un account a nome di Mark Zuckerberg, il fondatore e CEO di Facebook. Verità o fake. Proviamo ad indagare.
2014
13
Febbraio
Come funziona il +1 sui siti
Maurizio Ceravolo
Con alcuni test abbiamo cercato di capire come funziona il social plugin di Google+ sulle pagine di un sito. Ed abbiamo anche scoperto una cosa che ci ha sorpreso.
2011
14
Novembre
Prova in anteprima: il badge di Google+ ha dimensioni fisse
Maurizio Ceravolo
I badge sono uno strumento per aiutare i siti a fidelizzare i propri utenti sui social network. Quello di Google è poco versatile, ed ha una dimensione non modificabile.
2012
2
Maggio
Google+ notifica massimo 1024 persone
Maurizio Ceravolo
Un post di Louis Gray su Google+ ci permette di scoprire una limitazione nelle notifiche del social network di Google.
2011
8
Novembre
Google introduce le Google+ Pages in Google+
Maurizio Ceravolo
Google introduce le Google Pages tanto attese dagli utenti. Adesso anche aziende, prodotti ed eventi potranno essere presenti sul social network di Google.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Facebook fail finanza geek Google Google+ humor innovazione iPhone Labs Microsoft navigazione satellitare relatività SEO social network social plugin stupidità video viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post