Blog
home > blog > Google+: Post popolari, Ripples e Foto editing

Tag: Google+, social network, Google, innovazione, video

Google+: Post popolari, Ripples e Foto editing

Sviluppo a ritmo serrato, su Google+. Due nuove funzioni orientate agli utenti (una in competizione con Instagram?) ed una che strizza l'occhio alle aziende ed al marketing.
di Maurizio Ceravolo
Ho perso il conto ormai di quante volte Google+ da quando è nato, ha presentato novità ed innovazioni. E di quante volte ne abbiamo parlato.

Ed oggi succede di nuovo. Le novità sono importanti e sono state annunciate sul blog ufficiale di Google con questo post.

Ci sono tre novità, due dedicate agli utenti ed uno che strizza l'occhio al business. Però andiamo con ordine.

What's Hot

What's Hot sono semplicemente i post più popolari esattamente come succede su altri social network come Twitter. Noi dalle cerchie vediamo cosa succede nel nostro universo locale. Con What's hot possiamo conoscere le notizie più diffuse al momento o le foto più belle. Potremmo vederlo quasi come uno Sky Tg 24 in onda su Google+.

Quello che mi interesserebbe sapere, ma il post ancora non lo dice, se questa funzionalità faccia vedere i più popolari del mondo o quelli nella propria lingua. Chi non conosce l'inglese potrebbe non essere interessato a i post più popolari del mondo, mentre potrebbe essere interessato a quelli della sfera italiana. Se fosse possibile dividerli geograficamente o per lingua sarebbe il massimo.


What's hot

Google+ Creative Kit

Google+ Creative Kit è uno strumento di editing delle foto direttamente on line. Lo strumento nasce dal fatto che molti non hanno la capacità ed il tempo di usare uno strumento di fotoritocco per migliorare le immagini prima di condividerle. E quindi Google mette a disposizione uno strumento apposito. Con molte funzionalità. Secondo me questa novità nasce dal successo di applicazioni come Instagram che permette di modificare le foto e condividerle subito dopo averle scattate. Vedi il soggetto che ti interessa, modifichi la foto secondo le emozioni che vuoi comunicare e la carichi. In un minuto hai fatto.

Certo il sospetto che Google a breve integri la funzionalità dentro le app Android e iPhone è forte. Se lo fa, Instagram rischia di trovare un pericolosissimo concorrente per la sua crescita. E risulta evidente, che Google non si accontenta del dominio on line che attualmente ha. Sembra che ovunque nella rete si formano aggragazioni di utenti, BigG entra in quel business.

Per spingere ulteriormente la funzionalità, è stata corredata con un Halloween Pack che permette di modificare a tema della festività pagana le proprie foto. Google ha promosso una specie di concorso ed ha invitato gli utenti a modificare le proprie foto e a condividerle sull'hash #gplushalloween. I migliori, il tre novembre, verranno messi in evidenza. Tutte le più importanti personalità di Google hanno modificato le proprie fotografie zombizzandosi o vampirizzandosi.

Google+ Halloween Pack
L'Halloween Pack di Google+

Nella foto vediamo da sinistra verso destra: Larry PageSergey Brin (sopra), Adrian Grenier (sotto), Britney Spears,Snoop Dogg (sopra), Felicia Day (sotto), Tyra BanksRose McGowan

Vediamo in video come funziona il fotoritocco.


Il funzionamento del Google+ Creative Kit

Ripples

Ripples è una funzionalità che strizza l'occhio al mondo business e all'analisi dei flussi sociali. Come già abbiamo detto altre volte, Google+ sta cercando di minimizzare la distanza che la separa da Facebook. Dove è ancora inesistente è sull'aspetto business. I profili aziendali ancora mancano. Questo Ripples è un primo assaggio di quello che potrà aiutare i markettari ad analizzare le dinamiche su Google+.

Ripples permette di analizzare in maniera visuale (una immagine vale più di 1000 parole) l'andamento delle condivisioni pubbliche di un post (ovviamente per privacy, non è possibile vedere le condivisioni con restrizioni).


Google+ Ripples

Il risultato è molto molto interessante. Potete vedere un live preview di questa funzionalità qui. Come potete vedere, questo è un post che ha avuto un notevole numero di condivisioni ad opera di Gleen Thomas.

È possibile cambiare il livello di zoom quando il numero di condivisione è così grande da non poterlo graficare in una schermata. Al momento in cui scrivo questo post, ha avuto 3.995 condivisioni di cui 2.583 pubbliche. Al centro di questo grafo si trova Glenn Thomas, intorno ha tutti quelli che hanno condiviso senza avere ulteriori altre condivisioni, nelle orbite più esterne ci sono quelli che hanno condiviso e sono stati ricondivisi a loro volta.

Abbiamo anche una timeline, dalla quale possiamo vedere temporalmente come si è arrivati al grafo attuale, muovendo manualmente il cursore oppure, con un play, facendolo andare in maniera automatica.

Nel grafico, possiamo anche vedere quando hanno condiviso quelli che hanno partecipato di più alla condivisione e quando.

Google+ Ripples share timeline
Inoltre abbiamo a disposizione anche un dettaglio dei top sharer, di alcune statistiche (numero di share medio, la catena di share più lunga, il numero ci condivisioni per ora) e della suddivisione per lingua dei condivisori.

Google+ Ripples stats

Tutti dati molto interessanti. Da questo possiamo trarre un sacco di conclusioni. Ad esempio quali sono gli orari più propizi per le condivisioni, e quindi quando è il caso di postare qualcosa. Su quali lingue abbiamo effetto, quanto riescono a propagarsi i nostri post e soprattutto scoprire chi sono gli opinion leader. Ovvero quegli utenti da coinvolgere se vogliamo spingere i post.

Ovviamente uno strumento del genere ha senso se ci sono dati, se abbiamo alcune decine di condivisioni. Certo sarebbe interessante poter vedere, magari in maniera anonima, dove e quando ci sono condivisioni con restrizioni.

Indubbiamente è uno strumento molto potente per le analisi. A questo punto divento sempre più impaziente di vedere i profili business.
Post correlati
2011
22
Agosto
Con Google+ (Plus) la ricerca di Google si fa (più) social
Maurizio Ceravolo
Google ha annunciato di aver aggiornato i risultato delle ricerche. Ora verranno evidenziati i post su Google+ nelle SERP. Per i SEO diventa fondamentale essere social.
2011
1
Luglio
Google+: richieste record
Maurizio Ceravolo
Sono due giorni che ha aperto Google+, le richieste sono da record, su Twitter si cercano inviti all'impazzata ed il titolo in borsa di Google riprende a salire.
2011
7
Settembre
L'app per la polizia
Maurizio Ceravolo
Ecco il kit per il poliziotto del futuro, oltre alla pistola e il distintivo, l'iPhone per identificare ogni sospetto con una fotografia. Come Facebook e Google?
2011
30
Dicembre
Telefonate nei videoritrovi di Google+
Maurizio Ceravolo
Google procede nell'integrazione dei suoi prodotti, per potenziare Google+, strizzando sempre più l'occhio al business. Adesso Google Voice negli Hangout.
2011
21
Dicembre
Google+: regali sotto l'albero
Maurizio Ceravolo
La fine dell'anno porta molte novità in Google+. Multi admin e notifiche sulle pagine business, controllo di "volume" per le cerchie e nuova gestione delle foto.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Asimov esibizionismo Facebook geek Geolocalizzazione Google Google+ humor infografica innovazione iPhone Microsoft Simplyfing Complexity social network social plugin tag Telecom Italia video Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post