Blog
home > blog > Facebook Timeline: che fine ha fatto?

Tag: Facebook, social network, timeline

Facebook Timeline: che fine ha fatto?

A fine settembre è stata presentata la nuova interfaccia di Facebook: Timeline. Doveva essere rilasciata ai primi di ottobre, invece è sparita. Cosa è successo?
di Maurizio Ceravolo
In rete si fa un gran parlare delle cose, che però cadono facilmente nel dimenticatoio, sopravanzate da altre.

Ieri mi è tornata alla mente la Timeline di Facebook, la nuova interfaccia utente per il più famoso social network del mondo, e mi sono chiesto che fine abbia fatto. In effetti in questi mesi l'attenzione mi è stata catalizzata da tutte le novità che si succedono su Google+, e mi ero completamente dimenticato della Timeline.

Voi ve la ricordate?

Zuckerberg presenta la Timeline di Facebook
Zuckerberg presenta la Timeline di Facebook

Evento con grande risonanza mediatica, dirette in streaming, Zuckerberg che ci mostra quando diventerà più fico e bello il suo social network. Con il rilascio per tutti intorno al 5 ottobre. E poi?

E poi qualcuno l'ha provata, perchè gli sviluppatori potevano utilizzarla in anteprima, se ne è parlato un pochino, qualche recensione, una bella pagina di presentazione della Timeline su Facebook, e poi zero assoluto. Insabbiato peggio della tragedia di Ustica.

Allora ho investigato un po' con Google ed ho scoperto cosa è successo. Un problema legale. :-)

Come si suol dire chi è causa del suo mal pianga se stesso. Vi ricordate di quando abbiamo parlato del fatto che Facebook abbia brevettato la parola Face ed anche quando abbiamo parlato di Domain Trolling da parte del gigante dei social network? Una piccola società californiana, Timelines, che ha un sito con Timeline di ogni tipo, ha denunciato Facebook per violazione del suo marchio. Ovviamente la paura è di essere offuscata e fagocitata dal gigante dei social network. Da qui la denuncia, che potete leggere integralmente nel link.

Come spiega Timelines sul suo sito, con un articolo a proposito della denuncia a Facebook, il gigante dei social network ha messo sotto marchio parole generiche come Face, Wall, Like. Loro sono in possesso dal marchio Timelines dal 2008 ed affermano che quelli di Facebook non potevano non saperlo e non si sono nemmeno curati di contattarli per chiedergli il permesso di usarlo. Per questo hanno deciso di denunciarli per tutelare i loro diritti contro la prepotenza di Zuckerberg. Come ci tengono a specificare, per l'ufficio brevetti americano Timelines e Timeline sono identici come marchio. E quindi sono in diritto di tutelarsi legalmente.

A questo punto Facebook ha sospeso tutto, per accordarsi legalmente con Timelines. E l'ipotesi di molti fino ad oggi è stata che la società californiana avrebbe presto chiuso baracca e burattini per trasferirsi in una pensione dorata in qualche isola del Pacifico, spinta via dallo Tsu-nami di soldi arrivati dalla società di Zuckerberg.

E invece no. Proprio ieri, c'è stata una grossa novità, come ci informa un'articolo di ZDnet. Facebook ha deciso di lasciare il tavolo delle trattative, e di mostrare i muscoli, facendo una contro denuncia a Timelines, e qui potete leggere l'intero documento.

La cosa interessante è il modo rischioso che hanno deciso di usare i legali del Social Network. Ovvero andare contro la linea che hanno seguito fino ad adesso. Loro affermano che Timeline è un termine generico e che quindi non può essere usato come marchio. Affermano che anche Google lo usa per raccontare la sua storia. Se vincessero, ognuno potrebbe usare il nome Timeline per ogni sua applicazione o sito senza problemi. E secondo me, potrebbe anche aprire una via per contestare i marchi Face, Wall e Like.

Vedremo come andrà a finire.
Post correlati
2011
27
Giugno
Rapisce donna in diretta su Facebook con i like degli amici
Maurizio Ceravolo
Negli USA un uomo rapisce una donna per 16 ore, raccontandolo in diretta agli amici su Facebook, i quali gli danno supporto e consigli, fino al tentato suicidio.
2011
5
Gennaio
Facebook valutato 50 miliardi. È eccessivo?
Maurizio Ceravolo
Il gigante dei social network è stato valutato 50 miliardi di dollari a seguito dell'ingresso nel capitale della banca d'affari Goldman Sachs. Ma li vale davvero?
2010
22
Novembre
Facebook: negli USA una pagina su 4 è sua
Maurizio Ceravolo
Facebook in continua crescita. Il 25% percento delle pagine viste negli USA è suo. Il 10% a livello mondiale. Analizziamo i dati di Alexa.
2011
27
Aprile
Facebook e le emozioni perdute
Stefano Manto
Qualche riflessione per vedere da un punto di vista diverso quanto e come sta cambiando l'approccio sociale con l'avvento di Facebook
2010
9
Dicembre
Aumentare fino a 2000 fan al giorno su Facebook
Maurizio Ceravolo
Vediamo un metodo facile e veloce per massimizzare il proprio successo su Facebook. Funziona con ogni pagina fan.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple brevetti CSS Facebook fisica geek Google Google+ humor innovazione marketing Microsoft mobile navigazione satellitare SEO social network video viral Wikipedia Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post