Blog
home > blog > Volunia: prime impressioni dopo la presentazione

Tag: web, Motori di ricerca, innovazione

Volunia: prime impressioni dopo la presentazione

"Volunia seek & meet" ovvero cerca e incontra. È una via di mezzo fra un motore di ricerca e un social network. Le nostre impressioni dopo la presentazione ufficiale.
di Maurizio Ceravolo
Negli ultimi tempi, i mezzi di informazione hanno parlato spesso di Volunia, con termini altisonanti, presentato come The next big thing, la prossima cosa che avrebbe rivoluzionato la vita on line, come, addirittura il nuovo Google. Questo perché è frutto di una idea di Massimo Marchiori, additato da molti media come il vero padre di Google.

Cosa assolutamente non vera. Massimo Marchiori, è un ricercatore e professore universitario (caso anomalo in Italia vista la relativa giovane età), che ha fatto molte ricerche nel campo delle rete e del web, fra cui la ricerca sull'HyperText Search che è stata citata da Larry Page e Sergey Brin (i fondatori di Google) quando hanno creato il celebre PageRank, l'algoritmo con cui è nato Google. Oltre a questo Massimo Marchiori è dal 2000 consulente tecnologico di Google, ma non si può assolutamente dire che ne sia il padre. Certo se avesse a suo tempo brevettato la sua ricerca, forse il percorso di Google sarebbe stato diverso. In ogni caso Massimo Marchiori è una personalità di assoluta caratura, come potete vedere nel suo curriculum presente sul sito del W3C (lavora anche lì, ed ha lavorato anche con Tim Berners-Lee, l'inventore di internet).

Non so dire se con un abile ufficio stampa o per una fortuita coincidenza di eventi, c'è stato un ampio risalto mediatico negli ultimi due mesi, almeno in Italia sulla sua ultima invenzione.

Due mesi fa venne presentata così da lui stesso.


Massimo Marchiori introduce Volunia

Come si vede nel video, l'obiettivo non è mettersi in concorrenza a Google, ma fare qualcosa di diverso.

Malgrado questo, è stato caricato di aspettative da parte dei media. L'hype creato è sta in effetti enorme. E secondo alcune dichiarazioni, sono stati centinaia di migliaia gli utenti che si sono iscritti alla fase di beta test.

E questo è inequivocabilmente un successo per un prodotto italiano (italiano, l'ideatore, italiani gli sviluppatori, italiana la server farm dove è ospitata Volunia), almeno fino al giorno della presentazione. Non mi ricordo di altri prodotti italici che hanno suscitato un tale interesse negli utenti.

Alto ieri c'è stata la conferenza stampa che potete rivedere in differita qui.

Obiettivamente la presentazione è stata pessima. Iniziata 15 minuti dopo, perchè Marchiori aveva fatto tardi, discorsino del rettore, sindaco, e qualche personalità imprecisata, che hanno portato via altri 10/15 minuti con un po' di fuffa su qualcosa di cui non sapevano che dire, poi problemi al videoproiettore. Segno che la presentazione non era stata provata a dovere.

L'approccio è stato quello di una lezione accademica, non di una presentazione mondiale come era stata prospettata. Di cui è stato sbagliato anche l'orario e il metodo. Fare alle 12 una conferenza stampa e solo in italiano, significa non solo tagliare fuori tutti gli americani, ma anche tutti coloro che non conoscono il nostro idioma.

Conferenza stampa Volunia
Conferenza stampa di Massimo Marchiori (clicca per ingrandire)

Ardita è stata anche la scelta di utilizzare la metafora delle galline per comunicare il proprio messaggio, ovvero la limitazione dei motori di ricerca attuali che non permettono di assistere gli utenti nella loro visita dei siti. Gli strumenti attuali tengono gli utenti come in gabbia e non permettono loro di spiccare il volo. Poteva andare bene per una lezione ai suoi studenti di reti, ma non mi pare azzeccata per una conferenza stampa.

Anche le slide presentate, non mi paiono il massimo della cura per un evento del genere. Viste in streaming sembravano fatte con fatture diverse, mentre sarebbe stato meglio uno stile più organico. Inoltre avrei fatto in modo di farle avere alla stampa nel press kit, che invece mi sembra decisamente esiguo.

Dopo 35 minuti dall'inizio dello streaming, finalmente si inizia a parlare di Volunia in concreto. I punti fondamentali dell'idea, sono due:

  • un'assistenza agli utenti continua mentre visitano i siti, con una toolbar sempre presente, che possa aiutare gli utenti nella navigazione, venendo in soccorso, nei casi di siti non facilmente navigabili o poco usabili, grazie ad una mappa di navigazione dinamica.
  • una forte componente sociale, che permette di sapere quali utenti stanno navigando sul quel sito, in quel momento, e chi c'è passato in passato. Con la possibilità di scambiarsi pareri sulle pagine che si stanno navigando, ed anche di scoprire che altri siti ha visitato quel determinato utente, per scoprire da lui altri siti dello stesso interesse.
I principi fondamentali sono riassunti in questo video:


Volunia, ogni pagina è una piazza virtuale

Per chi vuole approfondire e vedere altri video più dettagliati, posso consigliare il canale YouTube di Volunia.

Ieri ho letto con attenzione, molti pareri in giro per il web. Pochi positivi ed entusiasti, molti assolutamente negativi di totale stroncatura. A mio avviso la verità sta in mezzo. E mi paiono eccessivamente negativi, i commenti fatti senza averlo provato, e soprattutto considerando che stiamo parlando di qualcosa in assoluta beta e con un budget limitato. Limitato per le aspettative che hanno le persone che stanno giudicando il nuovo portale. Ovvero di trovarsi davanti al nuovo Google.

Una delle critiche che ho letto di più, è che non c'è nulla di innovativo. Occorre ragionare cosa si intende per innovativo. Ed usare poi gli stessi metri di paragone per tutto. Altrimenti mi sembra di essere davanti allo sport tipicamente italiano di cercare di distruggere ogni cosa fatta in casa nostra (calcio a parte).

Ultimamente nei social network ci si sta spellando le mani ad applaudire pinterest, il nuovo social network di condivisione di foto e video. Dove sta l'innovazione? Nella condivisione delle foto? Nel aver preso il continuos loading da Facebook. Nel layout diverso?

Alle volte l'innovazione è mettere insieme idee già provate in modo diverso e soprattutto crederci. Un esempio su tutti, il mouse. Mouse ed interfaccie grafiche erano state inventate dalla Xerox, ma non avevano avuto successo. Idea copiata prima da Apple e poi da Microsoft e diventate successi planetari.

L'assistente virtuale durante la navigazione è una idea di cui aveva parlato una quindicina di anni fa, Bill Gates, nel suo libro "La strada che porta al domani", mentre la componente sociale richiama le idee già viste di Friend Connect e SideWiki di Google. Funzioni poco pubblicizzate da Big G, e quindi sconosciute ai più, e che senza essere spinte alla fine sono morte. Google ha il pregio ed il difetto di creare tantissime cose, e tante restano sconosciute, perché il tempo on line di ognuno è limitato, non si può provare tutto. Chi ci dice, che se Google le avesse spinte come sta facendo con Google+, non sarebbero diventate ben più importanti?

Sicuramente Massimo Marchiori, non è uno stupido, ha una conoscenza molto scientifica di queste cose, fa parte del W3C, di chi standardizza il web e fa anche parte del gruppo del web semantico. Non sono state enunciate nella conferenza, ma tutto questo è stato creato su precise basi teoriche e su molti studi sulle reti. Inoltre è consulente tecnologico di Google, ed ha dichiarato l'interesse di Big G, in quello che sta facendo. Non mi stupirei che dalle parti di Mountain View non stiamo monitorando il progetto per capire l'efficacia. Come abbiamo già visto nella battaglia Google-Bing, chi sta dietro può e deve sperimentare ed innovare. Chi sta davanti, deve avere un approccio più conservativo per non perdere quote di mercato, ed osserva le mosse azzeccate di chi insegue.

Molte delle altre critiche che ho sentito erano connesse all'enorme aspettativa creata dai Mass Media. Per molti Volunia è il Google italiano, e per questo ha deluso, perchè i risultati delle ricerche non sono al livello di quelle di Big G, perchè l'indice racchiude solo una frazione del web.
Sono aspettative troppo esagerate. Se il giorno dell'apertura di Volunia avesse avuto capacità paragonabili a Google avrei gridato al miracolo o all'intervento degli alieni.
Sarebbe stato impossibile. Volunia ha avuto un finanziamento di 2 milioni di euro. Notevole per una start up italiana, ma una goccia d'acqua per un motore di ricerca di caratura mondiale. Giusto per dare un raffronto, Google fattura quei soldi in mezz'ora. Attualmente Volunia ha uno staff di 10 persone, contro le migliaia di ingegneri di Google.
Oltre a questo occorre considerare anche le risorse hardware. Con il budget attuale, mi risulta difficile pensare che la farm di Volunia abbia più di 50/100 server. Una inezia. Google ha a disposizione un milione di server. Con così pochi server è impossibile scansionare tutto il web. È una attività che necessità di tantissime risorse. E lo posso affermare con cognizione di causa. Noi di ideativi abbiamo sviluppato un nostro crawler per acquisire informazioni dal web per alcuni nostri progetti,è una operazione impegnativa per le macchine e per scansionare alcune decine di milioni di pagine abbiamo impiegato mesi.
Su Google, solo per Google e Facebook insieme, sono indicizzati 10 miliardi di pagine. Potete rendervi conto di quanti server sono necessari per scandire il web giornalmente. E non è una cosa che Google ha raggiunto in un giorno. Ci sono voluti anni. Se rivedete il video de L'evoluzione della ricerca di Google, potete sentire dalle parole degli ingegneri di Mountain View, che nel 2001 dopo 4 anni di attività, gli indici di Google erano vecchi di un mese. E quindi erano lontani dall'efficienza di oggi. Come si può pretendere che Volunia faccia meglio, il primo giorno.

Secondo le parole di Marchiori, attualmente la qualità della ricerca è al livello di Bing e Yahoo, mentre nei prossimi mesi verranno inserite alcune sue nuove idee, che definisce interessanti, nella ricerca semantica, che potranno rendere la qualità della ricerca simile a quella di Google. Inoltre nella prima parte di sviluppo del progetto è stata data la precedenza alla scalabilità, ovvero d'ora in poi, basta aggiungere macchine ed il sistema migliora la sua potenza di elaborazione. Da adesso in poi si lavorerà sulla qualità.

Dopo la conferenza è stato intervistato dai giornalisti, i quali dimostrano di avere sempre questa idea fissa, il confronto con Google. Penso che sarà questa la spina nel fianco di Marchiori per i prossimi mesi.


Intervista a Marchiori dopo la conferenza stampa

In questo momento, la mia opinione per Volunia (il cui nome è una crasi fra Volare e luna, e quindi spiccare il volo verso la luna) è neutrale. Non l'ho ancora provato, le informazioni a disposizione sono ancora poche, non mi sento di poter dare un giudizio. Non voglio fare la fine dei tanti che al lancio hanno stroncato Google+ o l'iPad ed adesso si sono dovuti ricredere (con i dovuti distinguo ovviamente, vista la potenza economica di Google e Apple).

Marchiori, anche se poco conosciuto ai più, è una personalità importante del web mondiale, e negli anni ha accumulato un sacco di rifiuti ad offerte di aziende estere. Ai soldi ha preferito essere uno dei pochi cervelli rimasti a lavorare in Italia su un progetto italiano. E sicuramente per questo ha la mia ammirazione.

Dubito che qualcuno l'abbia finanziato, in questi tempi di crisi, con due milioni di euro, per aria fritta, nè che lui ci abbia messo la faccia per progetto vuoto.

Il mix di idee che per adesso ha mostrato lo trovo interessante. Interessante nel senso che ha tentato di mischiare gli ingredienti in modo diverso dal passato e non è detto che agli utenti, non possa piacere. Ma questo lo capiremo solo nei prossimi mesi. Anche perché penso che molto del progetto, soprattutto quello che c'è sotto il cofano sia ancora da mettere in produzione.

C'è ancora molto da fare. Per adesso lo vedo ancora come un buon progetto accademico di ricerca. Per farlo diventare una impresa vera ed efficiente c'è ancora molto da lavorare.

Prima di tutto bisogna capire quale sia l'idea di business che c'è sotto. Per adesso non è stato detto niente in proposito. Prima o poi occorrerà fare utili, altrimenti i soldi finiranno. Però penso che abbiano capitale per andare avanti un anno, far crescere il sistema e poi magari aprire ad altri investitori. Io penso che qualcuno in attesa, di capire come si svilupperà Volunia, c'è. L'altro giorno ne ha parlato pure TIM sulla sua pagina di Google+. Che sia un indizio dell'interesse del colosso italiano delle telecomunicazioni?

Altra cosa che ci sarà da migliorare è la veste grafica del sito. Obiettivamente si vede che quest'aspetto è stato relegato in secondo piano. La cosa che mi ha lasciato più perplesso è stata la mappa dinamica dei siti in veste SimCity, un videogioco di simulazione del 1989.

Ed infine toccherà lavorare sulla sostanza. Ormai per molti c'è il confronto con Google, quindi occorrerà ampliare l'archivio indicizzato ed introdurre elementi semantici nelle ricerche. Penso però che la componente più critica sia quella social. Una rete sociale funziona se si supera una massa critica. Sicuramente si potranno trovare utenti con cui condividere opinioni sui principali siti di informazioni, ma sui siti più piccoli, non si troverà nessuno. Fino a che non saranno milioni li utenti che usano giornalmente il servizio, Volunia sarà come una città evacuata dove sarà difficile trovare altri superstiti. Un po' come l'uso del plug-in +1 di Google sui siti. Malgrado la crescita vertiginosa, almeno a vedere le statistiche di tutti i siti che seguiamo, ancora condizionano molto marginalmente le SERP. Questo perchè gli utenti di Google+ sono ancora una frazione del web e soprattutto perchè ancora hanno stretto poche connessioni fra di loro.

Inoltre una incognita sarà proprio il comportamento degli utenti dopo il lancio. Fino al lancio, c'è stato molto hype e sono state centinaia di migliaia le persone che si sono iscritte per provarlo. Se rimarranno deluse, sarà più difficile fra alcuni mesi ripartire, quando ci sarà più sostanza. Ed allora non ci sarà più l'attesa di oggi.

In conclusione, da parte mia il giudizio è sospeso, per alcuni mesi. Fino a quando il grosso dello sviluppo non sarà stato fatto, ci saranno più informazioni sull'aspetto tecnico e sul comportamento degli utenti, a mio avviso, non si potrà capire che animale è Volunia.
Post correlati
2010
14
Dicembre
Nuova funzionalità su Google: Google Answers?
Maurizio Ceravolo
Casualmente ho scoperto una nuova funzionalità sulla versione inglese di Google. Non ne conosco il nome, però sembra in grado di rispondere alle domande degli utenti.
2010
2
Dicembre
Quanto farsi pagare un sito web?
Maurizio Ceravolo
Quanto mi faccio pagare un sito è la domanda che ricevo più spesso dagli studenti dei miei corsi. Una risposta assoluta non si può dare, però cerchiamo un modo per calcolare una cifra.
2011
3
Maggio
Facebook e la risposta a qualsiasi domanda!
Stefano Manto
Facebook rilascia una nuova funzionalità che consente di inserire delle Domande (piccoli sondaggi) alle quali i vostri amici possono rispondere.
2014
24
Luglio
I siti con i domini più buffi, equivoci ed infelici
Maurizio Ceravolo
Post semi serio, con 170 nomi di domini esilaranti e qualche considerazione più seria su naming e branding.
2011
30
Giugno
Google+ (Plus): il social network di Google
Maurizio Ceravolo
Google vuole prendersi un pezzo del mercato dei social network. Ci proverà con Google+ innovando sulle mancanze di Facebook. I presupposti sono buoni.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple collaborazione domotica educazione Facebook finanza geek Google Google+ humor infografica innovazione Microsoft Motori di ricerca Programmazione SEO social network ssd video Zynga
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post