Blog
home > blog > L'essenza della SEO

Tag: SEO, Google

L'essenza della SEO

Molti sono alla ricerca del trucco o della giusta combinazione di keyword per essere primo su Google. La verità è che occorre cambiare punto di vista.
di Valerio Notarfrancesco
So che molti sono alla costante ricerca del tag segreto, oppure della magica e leggendaria percentuale di parole chiave che farebbe schizzare in alto il posizionamento del proprio sito. Però la realtà dei motori di ricerca non è questa.
E' inutile tentare di posizionare il proprio sito con certi trucchetti da programmatore perché Google non elabora il ranking con dei semplici IF e i suoi algoritmi, anche se fossero di pubblico dominio, non sarebbero rappresentabili con i diagrammi di flusso lineari che ci hanno insegnato alle scuole medie.

Il salto concettuale che va fatto per capire Google è semplicissimo: smettere di pensare agli utenti.
Si, proprio così, smettere di pensare agli utenti e iniziare a pensare al proprio pubblico.

Perché è il concetto stesso di utente che è sbagliato.
L'utente era e lo è ancora in parte oggi il povero cristo che è costretto a passare ore e ore in coda negli uffici pubblici perché è obbligato e non può scegliere dove andare a fare i documenti, quindi può solo usufruire passivamente di quello che l'apparato burocratico gli mette a disposizione.

L'utente era anche il lettore dei siti della prima era del web perché non poteva scegliere dove trovare le informazioni visto che c'erano pochissimi siti e non era facile trovarne di nuovi.

Ecco perché il concetto di utente è vecchio, sorpassato e offensivo.
Oggi non esistono più utenti di siti web ma esistono persone del pubblico.

È il pubblico che ha il potere di scegliere, di trovarti, di cambiare sito con un paio di click, di farti salire in serp o di farti crollare a picco.
Quindi eliminiamo il concetto di utente, eliminiamo questa parola dal nostro dizionario SEO e pensiamo al pubblico.



Valerio Notarfrancesco
Web Marketing e Seo certificato specializzato per l'estero, gli e-commerce e l'ottimizzazione delle conversioni.

Mi occupo di strategie di web marketing e posizionamento sui motori di ricerca in Pennamontata: http://www.pennamontata.com/, ma nel tempo libero adoro viaggiare, scattare tante foto e conoscere gente nuova e le sue abitudini.

G+: https://plus.google.com/u/0/109151538143637496848/posts
Twitter: https://twitter.com/#!/vnotarfrancesco/
Post correlati
2011
12
Luglio
il +1 supera il tweet
Maurizio Ceravolo
Il +1 di Google ha avuto una crescita enorme in pochissimo tempo ed ora + più adottato nei siti del tweet di Twitter. La marcia verso il Mi piace si fa serrata.
2011
30
Giugno
Google+ (Plus): il social network di Google
Maurizio Ceravolo
Google vuole prendersi un pezzo del mercato dei social network. Ci proverà con Google+ innovando sulle mancanze di Facebook. I presupposti sono buoni.
2014
16
Gennaio
I 480 profili top italiani di Google+: la classifica per autorevolezza
Maurizio Ceravolo
Dall'analisi dei 480 profili più seguiti, scopriamo che avere tanti follower non significa automaticamente essere autorevoli. E molte altre cose...
2010
10
Novembre
Google Instant Preview: cambia il lavoro dei SEO ed uccide Flash.
Maurizio Ceravolo
Le anteprime dei siti direttamente disponibili dalle pagine dei risultati di Google. Ora occorrerà ottimizzare anche la grafica per le SERP.
2011
14
Novembre
Prova in anteprima: il badge di Google+ ha dimensioni fisse
Maurizio Ceravolo
I badge sono uno strumento per aiutare i siti a fidelizzare i propri utenti sui social network. Quello di Google è poco versatile, ed ha una dimensione non modificabile.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Azure digital divide Facebook Fax geek Geolocalizzazione Google Google+ humor innovazione iPad Microsoft networking Programmazione social network Star Trek video videogiochi Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Cosa è il Gorilla Glass  769 
Top post
Cosa è il Gorilla Glass  51990