Blog
home > blog > L'essenza della SEO

Tag: SEO, Google

L'essenza della SEO

Molti sono alla ricerca del trucco o della giusta combinazione di keyword per essere primo su Google. La verità è che occorre cambiare punto di vista.
di Valerio Notarfrancesco
So che molti sono alla costante ricerca del tag segreto, oppure della magica e leggendaria percentuale di parole chiave che farebbe schizzare in alto il posizionamento del proprio sito. Però la realtà dei motori di ricerca non è questa.
E' inutile tentare di posizionare il proprio sito con certi trucchetti da programmatore perché Google non elabora il ranking con dei semplici IF e i suoi algoritmi, anche se fossero di pubblico dominio, non sarebbero rappresentabili con i diagrammi di flusso lineari che ci hanno insegnato alle scuole medie.

Il salto concettuale che va fatto per capire Google è semplicissimo: smettere di pensare agli utenti.
Si, proprio così, smettere di pensare agli utenti e iniziare a pensare al proprio pubblico.

Perché è il concetto stesso di utente che è sbagliato.
L'utente era e lo è ancora in parte oggi il povero cristo che è costretto a passare ore e ore in coda negli uffici pubblici perché è obbligato e non può scegliere dove andare a fare i documenti, quindi può solo usufruire passivamente di quello che l'apparato burocratico gli mette a disposizione.

L'utente era anche il lettore dei siti della prima era del web perché non poteva scegliere dove trovare le informazioni visto che c'erano pochissimi siti e non era facile trovarne di nuovi.

Ecco perché il concetto di utente è vecchio, sorpassato e offensivo.
Oggi non esistono più utenti di siti web ma esistono persone del pubblico.

È il pubblico che ha il potere di scegliere, di trovarti, di cambiare sito con un paio di click, di farti salire in serp o di farti crollare a picco.
Quindi eliminiamo il concetto di utente, eliminiamo questa parola dal nostro dizionario SEO e pensiamo al pubblico.



Valerio Notarfrancesco
Web Marketing e Seo certificato specializzato per l'estero, gli e-commerce e l'ottimizzazione delle conversioni.

Mi occupo di strategie di web marketing e posizionamento sui motori di ricerca in Pennamontata: http://www.pennamontata.com/, ma nel tempo libero adoro viaggiare, scattare tante foto e conoscere gente nuova e le sue abitudini.

G+: https://plus.google.com/u/0/109151538143637496848/posts
Twitter: https://twitter.com/#!/vnotarfrancesco/
Post correlati
2014
13
Marzo
Condividi like a boss su Google+
Maurizio Ceravolo
Da pochi minuti c'è stato un cambiamento nel layout delle condivisioni. Molto più bello. Mette in maggiore evidenza il link condiviso, ma non per tutti e con handicap.
2011
25
Agosto
Google +1 ora condivide
Maurizio Ceravolo
Nuova importante modifica per il +1 di Google. Ora è possibile condividere con gli amici. Prende il meglio di Like e Send di Facebook e li migliora. Google all'attacco.
2011
6
Aprile
Google: la ricerca social con +1
Maurizio Ceravolo
Google ha introdotto da alcuni giorni sulla sua versione inglese, la possibilità di votare i risultati della SERP e condividerli in maniera sociale. Aumenta la difficoltà per i SEO.
2010
3
Dicembre
Google e la reputazione digitale
Maurizio Ceravolo
Google modifica il meccanismo del ranking. Penalizzerà i negozi on line che hanno una cattiva reputazione.
2014
29
Aprile
Usa Google per scoprire se ti hanno hackerato il sito
Maurizio Ceravolo
Se si usano cms open source e non si è attenti agli aggiornamenti e alla sicurezza, si può essere bucati. Spesso in maniera invisibile. Google ci può aiutare a rilevarlo.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ innovazione innovazione Internet Explorer lavoro marketing Microsoft mobile scraping social network social plugin video viral Windows Phone 7 YouTube
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post
Cosa è il Gorilla Glass  61052