Blog
home > blog > 20 anni dalla morte di Isaac Asimov

Tag: letteratura, libri, fantascienza, geek

20 anni dalla morte di Isaac Asimov

Il 6 aprile 1992 moriva Isaac Asimov, uno dei più grandi scrittori di fantascienza della storia. Ricordiamo chi ha stimolato la fantasia di tanti geek con i suoi libri.
di Maurizio Ceravolo
Il 6 aprile di 20 anni fa moriva Isaac Asimov. Prematuramente purtroppo, a casa del virus dell'AIDS contratto attraverso una trasfusione infetta.

È stato uno scrittore molto prolifico con più di 500 volumi pubblicati, che hanno spaziato dalla fantascienza alla divulgazione scientifica. Da molti le sue opere vengono considerate una pietra miliare di questo genere.

Isaac Asimov sul trono della fantascienza
Isaac Asimov sul trono della fantascienza

I suoi libri hanno accompagnato la fantasia dei geek di tutto il mondo, me compreso. Non voglio qui fare una biografia di questo grande scrittore, per quella potete cliccare sul link sopra e andare a leggerla su Wikipedia. Quello che voglio fare è un ricordo di chi ha dedicato la sua vita a raccontare la fantasia della fantascienza ed a spiegare la scienza.

I suoi libri avevano uno stile unico, sempre con finali inaspettati, non sono mai riuscito a farne durare uno più di due giorni. Avevano una particolarità, a parte una eccezione i suoi universi immaginari erano pieni solo di uomini, mai di alieni, mai altre forme di vita intelligenti, tutte le forme di vita di altri mondi, erano sempre forme di vita inferiori, o animali da compagnia o fiere feroci. Questo era dovuto al fatto che il suo editore voleva che l'Uomo fosse superiore a qualsiasi altra forma di vita. Asimov non era d'accordo con questa visione. Da mente scientifica non riusciva a pensare che nell'infinità dell'universo, l'uomo potesse essere l'apice dell'evoluzione. E quindi preferì non inserire alieni nei suoi libri. Unica eccezione fu il libro Neanche gli dei, in cui gli alieni erano l'argomento principale del libro. Alieni, altamente intelligenti, una forma di vita molto originale, descritta nel dettaglio, con una forma di riproduzione particolare. Non dico di più per non rovinare la lettura di chi non lo conosce. Dico solo che le tre parti del libro hanno come titoli tre frasi che possono essere letti in una unica:
  • contro la stupidità...
  • ...neanche gli dei...
  • ...possono nulla?
Direi una frase molto, molto attuale.

Mi ricordo il giorno in cui è morto, ero all'università e quel giorno non seguii le lezioni, ma mi misi a scrivere un necrologio che poi venne "postato" su una BBS. Ancora non c'era il web come lo conoscevamo. In quelle righe parlai del racconto a cui Asimov era più legato. Un racconto che come tanti altri di Asimov, con la fantasia dava una spiegazione ad uno dei misteri scientifici di allora. Esattamente come in Neanche gli Dei, veniva data una spiegazione di cosa fossero i Quasar.

Il racconto si chiama L'ultima domanda, è di poche pagine, penso che racchiuda l'essenza stessa di Asimov, un percorso originale, l'immaginazione di un futuro lontano, un linguaggio semplice per tutti e un finale inaspettato. La domanda, che viene riproposta più volte nella storia è se sia possibile invertire l'entropia, ovvero se sia possibile impedire la morte dell'universo. La storia procede veloce, per eoni, in cui viene posta questa domanda senza trovare la risposta, fino a dare una spiegazione, da ateo come era Asimov, della nascita dell'universo.

Per chi vuole leggerlo, ho trovato questo pdf di 8 pagine, con tutto il racconto. Consiglio a tutti di dedicare 10 minuti alla sua lettura. Per chi non ha voglia di leggerlo ho trovato questo video che lo racconta per immagini, con una musica da film anni 50, azzeccatissima, visto che il racconto è stato scritto in quegli anni:


L'ultima domanda

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci - Salvor Hardin dal romanzo Fondazione di Isaac Asimov
Post correlati
2011
22
Agosto
Il rap di Google+
Maurizio Ceravolo
Dopo la canzone di Google+, ecco il rap di Google+. Il nuovo social network di Google ispira i musicisti.
2011
21
Novembre
Androidify: il tuo avatar Android
Maurizio Ceravolo
Google ha rilasciato una app per creare avatar androidizzati. Come quando si costruisce un Mii sulla Wii. Ovviamente disponibile per telefoni e tablet Android.
2010
22
Novembre
Computer, programmatori ed hacker visti dai film
Maurizio Ceravolo
Il mondo dell'IT suscita molto fascino nell'immaginario collettivo e questo porta ad una visione "un po'" distorta nei film. Vediamo alcuni esempi di come siamo visti.
2011
19
Agosto
La canzone di Google+
Maurizio Ceravolo
Con la nascita del social network di Google, non potevano mancare i contributi umoristici degli utenti. In questo caso una canzone dedicata a Google+
2011
10
Agosto
Ma gira la Terra o si muovono le stelle?
Maurizio Ceravolo
Ad un occhio distratto le stelle durante la notte sembrano ferme, eppure durante le ore si spostano sulla volta celeste. Ma sono proprio loro a muoversi?


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple design Dualboot Facebook finanza geek Geolocalizzazione Google humor innovazione lavoro marketing Microsoft mobile PC SEO social CRM social network social plugin video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post
Cosa è il Gorilla Glass  54633