Blog
home > blog > Il decreto sulla Spending Review porta conseguenze sull'IT

Tag: governo, finanza, IT

Il decreto sulla Spending Review porta conseguenze sull'IT

Gli enti avranno limitazioni nel richiedere consulenze esterne. E l'abolizione di 50/60 costringerà le aziende alla revisione delle anagrafiche.
di Maurizio Ceravolo
L'ultimo decreto del governo porta una serie di tagli per scongiurare l'aumento dell'IVA.

Un paio di questi avranno conseguenza sull'IT, uno per mancato fatturato, ed uno per una serie di mal di testa ai responsabili di anagrafiche.

Divieto di attribuire incarichi di studio e consulenza a soggetti, già appartenenti ai ruoli dell’amministrazione e collocati in quiescenza, che abbiano svolto, nel corso dell’ultimo anno di servizio, funzioni e attività corrispondenti a quelle oggetto dell’incarico di studio o consulenza.
Questa disposizione si spera che diminuisca gli incarichi, anche IT, dati all'esterno. Ovviamente questa significa un minore fatturato per il nostro settore, però non me ne dispiaccio, perchè generalmente sono progetti inutili per la collettività, fatti per il solito mangia mangia. Se ci sono delle strutture interne, devono lavorare.

Il secondo punto è l'abolizione di 50/60 provincie.
Questo ha come conseguenza che tutte le aziende che hanno anagrafiche di persone, clienti, aziende, qualsiasi cosa associata ad un indirizzo, saranno costrette a rivederle tutte. E non sarà una cosa banale, già generalmente le anagrafiche sono in stato disastrato, correggere qualcosa che è già messa male, è ancora più complicato.

Il mal di testa del responsabile delle anagrafiche
Il responsabile della anagrafiche avrà un gran mal di testa

E chi non lo fa potrà avere maggiori costi. Dovuti ad errori nelle spedizioni di merci, e a maggiori costi nella posta tradizionale, dato che Poste Italiane, per gli invii massivi attribuisce prezzi maggiori per indirizzi non propriamente corretti.

Personalmente avrei preferito che avessero abolito completamente le provincie, attribuendo le loro competenza a regioni e comune. Ci si levava il dente una volta per tutte. Altrimenti con il nuovo governo potremmo assistere alla creazione di qualche altra nuova provincia, o all'abolizione di qualche altra, e dovremo rimettere di nuovo mano alle anagrafiche.

Considerazione personale. Siamo in Italia, possiamo usare le parole italiane? Era meno fico chiamarlo decreto sulla revisione della spesa?
Post correlati
2011
4
Luglio
La bolla di Facebook sta per scoppiare?
Maurizio Ceravolo
Adesso pare che Facebook valga 100 miliardi, dai 50 di inizio anno. La quotazione in borsa sembra imminente, però molti dipendenti si stanno liberando delle azioni.
2011
17
Ottobre
Google: trimestrale in notevole crescita
Maurizio Ceravolo
Altro trimestre in crescita per Google, con ricavi che si avvicinano ai 10 miliardi di dollari in questo periodo. In aumento del 33% anno su anno.
2011
5
Gennaio
Wikipedia, quinto sito del web con 16 milioni di dollari
Maurizio Ceravolo
Dopo Facebook che vale 50 miliardi, ha dell'incredibile pensare che Wikipedia con soli 16 milioni di dollari di donazioni riesce ad essere il quinto sito del web
2011
5
Gennaio
Facebook valutato 50 miliardi. È eccessivo?
Maurizio Ceravolo
Il gigante dei social network è stato valutato 50 miliardi di dollari a seguito dell'ingresso nel capitale della banca d'affari Goldman Sachs. Ma li vale davvero?
2011
6
Maggio
Apple sarà la prima a valere 1000 miliardi di dollari?
Maurizio Ceravolo
Secondo gli analisti più ottimisti, Apple potrebbe essere la prima società della storia a raggiungere una capitalizzazione di borsa di 1000 miliardi di dollari.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
animazione Apple dbms domotica Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione iPod Microsoft Motori di ricerca Programmazione SEO social network SQL Server video videogiochi
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post