Blog
home > blog > Perché è utile misurare le interazioni su Google+

Tag: Google+, social network, Google

Perché è utile misurare le interazioni su Google+

Gestire il proprio personal brand o la pagina Google+ della propria azienda significa mettere in atto una strategia. Per lavorare al meglio servono, però, degli strumenti di analisi.
di Maurizio Ceravolo
Per gestire al meglio una pagina o un profilo personale - magari per ragioni di personal branding - su un social network non ci basta semplicemente utilizzarlo, ma dobbiamo avere una strategia ben precisa, monitorare la nostra crescita e le interazioni che riceviamo.

Tutto questo può sembrare banale, ma non è così.

I nostri utenti possono essere più attivi il weekend o alle 10 di mattina, magari il lunedì commentano di più e il giovedì condividono maggiormente.
Nel tempo possiamo aver apportato alcune modifiche alla nostra strategia, magari prima pubblicavamo 3 post tutti di mattina, ora uno alla mattina, uno al pomeriggio e uno alle sera.

Come facciamo a sapere quando ci conviene postare un post che vogliamo venga condiviso o quando ci è più conveniente postare perché il maggior numero di utenti interagiscono?

Possiamo analizzare uno a uno tutti i post, segnarci i dati nel nostro foglio excel ed elaborarli, magari risalendo a quelli vecchi.

Oppure possiamo utilizzare il sito www.plusocialstat.com, che ci permette di monitorare una o più pagine/profili.

plusocialstat

Possiamo controllare la crescita della nostra pagina o quella del competitor, magari ha cambiato strategia ed ottiene risultati migliori dei nostri.

Dai grafici a disposizione possiamo ricavare le interazioni medie, per un periodo di nostra scelta, oppure il numero di post che pubblichiamo ogni giorno, le interazioni come i +1, i commenti e le condivisioni che riceviamo ogni giorno, possiamo inoltre controllare ogni ora della settimana. Possiamo accorgerci che i post che pubblichiamo alle 2 del pomeriggio sono quelle che ricevono il maggior numero di interazioni.

Allora perché aspettare?
Post correlati
2011
18
Luglio
Angry Google
Maurizio Ceravolo
Cosa succede se si prova rappresentare la guerra dei social network nel mondo di Angry Bird? Il risultanto è esilarante.
2014
29
Maggio
Google Ripples mente (spesso)
Maurizio Ceravolo
Google Ripples è uno strumento utilissimo per scoprire gli influencer dei propri post. Però è afflitto da un bug che lo porta a dare informazioni non corrette.
2011
11
Luglio
Google+: per 80 minuti finito lo spazio disco
Maurizio Ceravolo
Vic Gundotra sul suo profilo di Google+, ha spiegato la causa di invii ripetuti di mail dal social network. Anche i grandi fanno errori banali.
2012
12
Settembre
Il +1 di Google ha fallito?
Maurizio Ceravolo
Il social plugin di Google, il +1 ormai circola per il web da un anno e mezzo. È ora di trarre qualche conclusione, a seguito di un cambiamento operato da Google.
2014
12
Marzo
La grande illusione del post perfetto su Google+
Maurizio Ceravolo
Da alcuni mesi periodicamente viene condivisa una infografica che spiega l'architettura del post perfetto su Google+, vediamo perchè non esiste la perfezione. Ma è tutto un Dipende.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple brevetti collaborazione educazione Facebook geek Google Google+ humor infografica innovazione iPod Microsoft mobile Motori di ricerca social network video viral Windows Phone 7 YouTube
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post