Blog
home > blog > Come mandare in crash Google Immagini

Tag: Google, bug, Google Immagini

Come mandare in crash Google Immagini

Casualmente abbiamo scoperto una procedura che manda sistematicamente in errore Google Immagini. In 3 semplici passi si arriva ad una pagina di errore.
di Maurizio Ceravolo
Molte grandi scoperte nella storia della scienza arrivano casualmente. E spesso anche le scoperte di bug.

E questo è quello che è capitato a noi, mentre stavamo facendo dei piccoli test SEO su Google Immagini. Una semplice procedura manda in crash il motore di ricerca per immagini di Google facendoci arrivare immancabilmente ad una schermata di errore.

La procedura è semplicissima:
  1. Andate su Google Immagini e sul campo di ricerca fate una ricerca limitata ad un dominio, che potrebbe essere ad esempio site:ideativi.it (ma vale qualsiasi altro dominio come site:amazon.com o site:repubblica.it .
  2. Nella pagina dei risultati a sinistra trovate fra i vari filtri la voce per soggetto. Cliccatela.
  3. Arrivate ad una pagina di errore dove c'è anche un errore di digitazione del messaggio. Invece che elaborazione c'è eleaborazione.
Abbiamo riassunto la procedura in una immagine.

Procedura per mandare in crash Google Immagini
Procedura per mandare in crash Google Immagini

Personalmente è la prima volta che vedo andare in errore sistematico uno dei servizi più usati di Google. Se volessimo fare un approccio semplicistico, potremmo dire che è stato fatto un errore banale, che ogni tanto, ad ogni sviluppatore capita di fare. Non sono stati validati correttamente gli input.

La ricerca che abbiamo fatto era solo limitata ad un dominio e non abbiamo inserito alcuna chiave. Se inserissimo una chiave di ricerca ad esempio scrivessimo nokia site:ideativi.it, l'errore non accadrebbe più. Questo significa che la chiave di ricerca è essenziale per il funzionamento di quel filtro. Per risolvere il problema basterebbe controllare la presenza di una chiave ed in caso negativo non far apparire quel filtro.

Come ho premesso poco più sopra, è un approccio semplicistico. Non voglio permettermi di dire di essere più bravo dei tecnici di Google. Nei sistemi così enormi e complessi come potrebbero essere i servizi di Google, modifiche che ad un occhio esterno possono sembrare banali, invece spesso portano una grossa complessità.

Abbiamo segnalato l'errore a Google, quindi penso che questo errore venga risolto abbastanza in fretta.

Da questa storia abbiamo imparato una cosa. Puoi essere una società enorme, puoi avere procedure di qualità, di test, che noi poveri sviluppatori umani non possiamo nemmeno immaginare eppure sei lo stesso a rischio di errori banali. Quindi non dimenticate mai di validare i vostri input.
Post correlati
2011
17
Maggio
Firefox 4.0.1 incompatibile con Page Speed
Maurizio Ceravolo
Firefox 4 ha introdotto l'aggiornamento automatico. La nuova versione, la 4.0.1, è incompatibile con alcune estensioni, fra cui il Page Speed, fondamentale per i SEO. Come aggirare il problema?
2013
31
Maggio
Musica in streaming: Spotify vs Google Music vs Xbox Music
Maurizio Ceravolo
Negli ultimi anni la musica è diventata liquida dai supporti fisici si è passati al download ed ora la nuova frontiera è lo streaming.
2011
21
Giugno
Google Mail: chiamate con il VOIP
Maurizio Ceravolo
GMail vuole diventare il centro di comunicazione degli utenti. Non solo per le mail, ma anche per le telefonate usando il VOIP. La Mail di Google si evolve.
2010
6
Dicembre
La Netnografia: la nuova frontiera del marketing
Maurizio Ceravolo
Un articolo sulla nuova frontiera del marketing
2010
13
Dicembre
Come impedire Google Instant Preview
Maurizio Ceravolo
Vediamo un metodo facilissimo per impedire che Google catturi una istantenea del nostro sito e la visualizzi nelle anteprime di Instant Preview


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple cortometraggio dbms Facebook geek Google Google Analytics Google+ humor innovazione iPad Microsoft mobile Nokia Programmazione SEO social network validazione video videogiochi
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post