Blog
home > blog > Google Ripples mente (spesso)

Tag: Google+, Google, social network

Google Ripples mente (spesso)

Google Ripples è uno strumento utilissimo per scoprire gli influencer dei propri post. Però è afflitto da un bug che lo porta a dare informazioni non corrette.
di Maurizio Ceravolo
Come il precedente Usa Google per scoprire se ti hanno hackerato il sito, anche questo post non era previsto. Anche questo è prodotto come effetto collaterale di una ricerca che sto compiendo, in questo caso a proposito di Google Ripples, lo strumento che permette di monitorare le condivisioni dei post su Google+. Per chi non lo conoscesse, può vedere un esempio live osservando le condivisioni del già citato post precedente.

Google Ripples è uno strumento che può permettere di eseguire analisi molto sofisticate. Può aiutare a scoprire la viralità di un post, e gli influencer di un certo settore. Però di questo parlerò approfonditamente in un futuro post, non in questo.
Analizzando i dati che ho acquisito per la mia ricerca, ho notato un anomalia. Andando a fondo, ho scoperto una cosa interessante. Direi molto, almeno per chi faccia uso di questo strumento.

Google Ripples spesso mente, riportando un dato errato.

Everybody lies
"Il paziente mente" diceva il dottor House. Ma anche Ripples non scherza

Guardate la cattura di un Ripple (o Eco in italiano).


Siamo sicuri che sia tutto ok?

Come vedete da questa cattura. Questo mio post ha avuto 25 condivisioni pubbliche. E invece no! Provate a contare i nomi che sono presenti nella rappresentazione grafica (pallogramma per gli amici), vedrete che il numero non è 25.

Ok immagino che siate pigri e vi faccio un esempio più semplice.



Questo pallogramma lo potete vedere live qui. Come potete vedere qui, la palla che racconta il report è grande ed evidente. Dice c'è una sola condivisione, ma non rende giustizia al post su Chromecast di +Riccardo Mares. Le condivisioni sono 8 e non 1.

Esempi come questi non sono rari. Su 37.308 ripples diversi che ho analizzato, ben 8.261 hanno il conteggio sbagliato. In pratica nel 22% dei casi il conteggio riporta un dato sbagliato.

La causa dell'errore si scopre nell'HTML. I dati con cui vengono costruite le rappresentazioni grafiche sono memorizzati in una matrice in Javascript. Ogni condivisioni ha una serie di dati. Uno di questi è la risorsa condivisa che potrebbe essere un idactivity (che sarebbe l'identificativo di un post su Google+) oppure una url. In alcuni casi, questo dato è mancante. Quando manca, quella condivisione non viene contata nel totale. Da qui l'errore nel conteggio.

Ci sarebbe una ulteriore domanda. Cosa significa questo dato mancante? Da cosa è causato? Ho guardato tantissime condivisioni alla ricerca di elementi in comune. Non ne ho trovati. Orari, sorgenti, siti. Tutto assolutamente randomico. Senza uno schema preciso. 

Ci sono dei casi il cui la toppa che prende Ripples è ancora clamorosa. Supponiamo che io voglia scoprire, chi ha condiviso Evento per aziende “Turbobusiness” e diamo slancio al business!. Allora vado su Ripples e vedo



Questo post non è stato condiviso da nessuno. Peccato che su Google+, io trovi questo post, questo post ed infine quest'altro. Condivisioni che sono presenti nella già citata matrice Javascript all'interno del Ripple, che ci dice che non ci sono condivisioni pubbliche. In tutte e tre le condivisioni, nella matrice manca il campo della risorsa condivisa, quindi la somma delle condivisioni per il sistema è zero e apparentemente non ci sono stati reshare su Google+. Quindi in questi casi, chi consulta Ripples ottiene una informazione totalmente sbagliata. Per avere l'informazione corretta dovrebbe guardare l'html.

Ma non è tutto. Guardate il seguente post di +Alessio Moretto ed il suo Ripple



Fin qui nulla di eccessivamente strano. Come nei casi precedenti c'è un errato conteggio.

Però c'è un però.

Dato che sono un impiccione, vado a vedere cosa fanno gli altri per scoprire se c'è qualcosa da imparare. Una fonte di informazioni interessanti è +Forum GT. E quindi mi chiedo chi mai avrà condiviso alcuni loro articoli, tipo Google, così Search e Social diventano una cosa sola (Ripples), Search Plus Your World: le opinioni di alcuni SEO Italiani (Ripples) e Search Plus Your World: le opinioni di alcuni SEO Italiani – seconda parte (Ripples). Sono post, che hanno avuto un buon successo. Secondo Ripples hanno avuto 9, 24 e 16 condivisioni. Guardate bene i pallogrammi dei tre Ripples. Notate nulla di strano? La palla qui è molto grande. In tutte e tre i casi vediamo all'interno il ripple del già citato post di +Alessio Moretto.

Cosa che non dovrebbe essere possibile per due motivi:
  • una condivisione può apparire solo nel ripple di UNA URL (in fondo io posso condividere solo una URL per volta)
  • Alessio non aveva condiviso alcuna URL. La sua condivisione era una immagine. Poi nel testo del post erano citati i suddetti articoli di +Forum GT, ma quelli non contano come condivisione. O meglio, a parte questo e qualche raro caso non contano.
In pratica questo errore ridimensiona il numero di condivisioni di questi tre articoli di +Forum GT. In tutti i casi occorre decrementare il numero di 7.

Obiettivamente notare queste anomalie mi ha fatto pensare. Mi ha stupito parecchio la scarsa cura dedicata alla realizzazione di questa funzionalità. Però questo potrebbe indicare una scarsa importanza dello strumento per Google. Come spesso accade dalle parti di Mountain View, i prodotti non di primaria importanza, ricevono poca cura. Non è la prima volta che trovo anomalie in Ripples. Era già successo alcuni mesi fa:



Allora era successo che provai a vedere quante condivisioni aveva ricevuto il video più visto del mondo Gangnam Style di Psy. Il Ripple, dopo diversi secondi di elaborazione, andava in errore 500. Probabilmente per un timeout. Dopo la mia segnalazione il problema è stato corretto. Per la cronaca ieri quando ho rivisto quel ripple, non si vedeva nulla, probabilmente perchè l'elaborazione è lunga, ed al timeout veniva riportato che non era presente alcuna condivisione. Adesso che l'elaborazione è pronta i dati vengono visualizzati. Ma probabilmente sono solo una piccola parte del totale. Pare improbabile che un video con due miliardi di visualizzazioni, 5 milioni di commenti su YouTube, abbia solo 2083 condivisioni.

Ripples è uno strumento utilissimo. Qua e là per il web trovate parecchi consigli su come usarlo per cercare gli utenti che hanno condiviso gli articoli del vostro blog, per intessere con loro delle relazioni e spingerli a supportarvi nuovamente in futuro. Da nessuna parte però ho trovato articoli che dicessero di errori in Ripples. È bene tenere a mente che alcuni dati posso essere fallaci, e quindi occorre verificare quello che ci presenta per evitare di commettere errori di valutazione.


Post correlati
2011
16
Settembre
Google rilascia le API di Google+
Maurizio Ceravolo
La prima versione delle API di Google+ sono disponibili per gli sviluppatori. Sono ancora abbastanza limitate, permettono solo di leggere dati pubblici e non scrivere o interrogare.
2011
27
Settembre
Google +1 sulle pubblicità di Google
Maurizio Ceravolo
La contaminazione social di Google procede speditamente, dai primi di ottobre il +1 sarà presente su tutte le pubblicità del network pubblicitario del colosso delle ricerche.
2014
13
Marzo
Condividi like a boss su Google+
Maurizio Ceravolo
Da pochi minuti c'è stato un cambiamento nel layout delle condivisioni. Molto più bello. Mette in maggiore evidenza il link condiviso, ma non per tutti e con handicap.
2014
12
Marzo
La grande illusione del post perfetto su Google+
Maurizio Ceravolo
Da alcuni mesi periodicamente viene condivisa una infografica che spiega l'architettura del post perfetto su Google+, vediamo perchè non esiste la perfezione. Ma è tutto un Dipende.
2013
23
Ottobre
Google+ città di egocentrici e tediosi, non fantasma
Maurizio Ceravolo
Un viaggio nell'analisi dei follower ci svela diversi comportamenti inaspettati. E ci permette di vedere come viene vissuto Google+ dagli utenti.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
acquisizioni Apple evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ humor innovazione iPad marketing Microsoft mobile Motori di ricerca My Space politica Simoncelli social network sprechi video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post