Blog
home > blog > I numeri di Twitter (mancanti) delle web agency italiane

Tag: social, Twitter, web marketing

I numeri di Twitter (mancanti) delle web agency italiane

Il 20 novembre Twitter ha abolito il numerino delle condivisioni sul suo plugin. Con un metodo alternativo abbiamo ricavato quel numero.
di Maurizio Ceravolo
Questo sarà un post decisamente breve, rispetto agli ultimi soliti. Come ideativi, vogliamo fare un augurio di buon Natale a tutti i colleghi che si occupano di web, dando dei dati come regalo.

Da un paio di anni ormai, stiamo censendo i blog dei colleghi, agenzie o freelance, che si occupano di web. Due mesi fa abbiamo pubblicato l'elenco dei blog censiti. Allora erano 566, adesso sono circa 700. Questa estate abbiamo iniziato un progetto di raccolta dati, su questi blog, il quale conteneva anche il valore del numero di condivisioni sul plugin di Twitter. Numero il quale è stato eliminato dall'infrastruttura del social network il 20 novembre.

Ne avevo parlato su Google+:


La scomparsa di questo numero è stato un problema per molti colleghi, che utilizzavano questa metrica per capire l'andamento delle condivisioni su Twitter. Ovviamente anche per me è stato un problema, perché non potevo più estrarre questo dato. Che però ho salvato, come storico, per tutte le pagine dei blog censiti. 

Per me questo numero, però, non era una metrica particolarmente significativa, in quanto è solo quantitativa, è potrebbe essere manipolata da un singolo utente di Twitter, condividendo più volte lo stesso tweet. A me interessano più i dati qualitativi, ma per ottenerli, occorre passare da un conteggio, al raccogliere i singoli tweet. Il problema era come ottenere i singoli tweet. E non potevo usare Twitter, il quale ha una ricerca che fa SCHIFO. Inutilizzabile. Ho però trovato un alleato in Topsy, che archivia dal 2006 tutti i tweet o quasi che vengono postati sul social network. Tramite Topsy ho archiviato oltre un milione di tweet che molto lentamente, tramite le API di Twitter (hanno un accesso molto limitato), sto analizzando e tramite i nuovi dati potrò effettuare una vera analisi qualitativa. È ancora presto, mi ci vorrà ancora qualche mese per avere tutti i dati. Intanto come assaggio, e come regalo di Natale per i colleghi voglio dare il dato quantitativo dei loro post pubblicati fra il primo novembre 2015 ed il 15 dicembre 2015.

N.B.: ci possono essere errori. Non ho una procedura automatica certa per ottenere la data di pubblicazione di un articolo (neanche Google è preciso in questo). Mi sono basato sulla data di pubblicazione presente nella sitemap (non sempre esistente, e non sempre un dato affidabile) e sulla data di prima condivisione su Google+ e su Twitter. Ho trovato 3.648 url da 284 siti. 284 su oltre 700 non sono tantissimi, ma c'è da dire che molti blog non postano molto frequentemente oppure non c'erano i precitati dati con cui ottenevo la data di pubblicazione. Quindi se non trovate qualche vostro articolo, non vi preoccupate. Fra qualche mese quando avrò tutti i dati qualitativi, pubblicherò TUTTI i dati storici in mio possesso.

Questi sono i primi 100 articoli per numero di utenti distinti che li hanno condivisi (ovvero se io condivido l'articolo 10 volte, conto come uno), mentre a seguito di questo elenco ci sarà il file excel da scaricare con i dati di ogni articolo censito:


Nel file excel sottostante potete trovare i dati delle condivisioni di 3.648 url (scaricabile liberamente da docs.com). Assieme all'url, trovate il campo Tweet (che è il numero che era presente sul bottone di Twitter, da una certa data non è disponibile), TweetCount (il numero di tweet che ho censito, che hanno condiviso quell'articolo), AutoriDistinti (il numero di utenti distinti su Twitter che hanno condiviso quell'articolo).



Non farò alcuna considerazione sui numeri che ho condiviso, i dati quantitativi possono essere fallaci, per queste vi rimando al post che scriverò fra qualche mese. Voglio però darvi un grafico, il numero di utenti di twitter che hanno condiviso articoli dai blog censiti per settimana dal 2007:

Andamento utenti Twitter

Il picco negativo che c'è a settembre 2015, non è un picco negativo, ma un buco di dati. Topsy ha perso circa due settimane di dati (non so il motivo, ma c'erano prima che riuscissi a prenderli). Però a parte questa perdita di dati, c'è un aspetto molto evidente che si nota. Il numero di utenti che condividono articoli del settore web italiano, è cresciuto fino alla fine del 2013, il 2014 ha avuto un andamento costante (oscillazioni a parte) e dopo un picco ad inizio 2015, c'è un evidente declino, con un calo del 60% nel numero di utenti che condividono rispetto all'inizio dell'anno. E sembrerebbe che dopo l'eliminazione del numerino sul social button, le cose siano peggiorate ulteriormente. Purtroppo non ho dati ancora sufficienti per dire se il calo è definivo oppure se è una semplice oscillazione.

È difficile dire il motivo di questo grosso calo. Tenderei ad escludere che i colleghi (ed io stesso) abbiano nel 2015 scritto articoli meno interessanti del passato. Il calo è troppo evidente. Penso che Twitter abbia un grosso problema di utenza attiva. È diventato meno attraente, da qui anche gli annunci di iniziative che tendono a snaturarlo, che cercando di salvare il salvabile, stanno facendo più danni che altro. E le difficoltà sono evidenziate dall'essere stati costretti di diminuire dipendenti e risorse usate. Ed anche l'andamento di borsa conferma il declino, con un valore per azione che il 3 gennaio 2014 raggiungeva i 69 dollari, mentre oggi si trova sotto i 23.

Spero che questi dati siano di interesse per i colleghi in attesa di quelli qualitativi. Purtroppo ho una brutta notizia. Non potrò raccogliere i dati del nuovo anno. Pochi giorni fa, all'improvviso c'è stato questo annuncio

Topsy last tweet
e da quel momento Topsy è stato messo offline. Il servizio è stato acquistato due anni fa da Apple, la quale ha deciso, probabilmente, di sospendere il servizio per il calo di appeal di Twitter. Non avrebbe avuto più senso utilizzare le risorse per raccogliere tutti i tweet del social network, senza adeguato ritorno. Adesso Topsy redirige al sito di Apple, e la loro tecnologia probabilmente utilizzata internamente.

Sto pensando a delle alternative per continuare a raccogliere dati, però ci vorrà un po' di studio, e sicuramente non avrò più l'accuratezza di prima, se troverò una soluzione.

Intanto un sincero augurio di Buon Natale a tutti.
Post correlati
2016
25
Febbraio
WebUPdate 2016, il migliore di sempre
Maurizio Ceravolo
Dalla formazione digitale alla strategia, tutto in un unico evento
2015
23
Ottobre
I 566 blog dei professionisti web italiani
Maurizio Ceravolo
Per le mie ricerche ho raccolto 566 blog italiani di professionisti del web. Ne vorrei raccogliere altri. Mi compili il modulo, inserendo il tuo?
2011
31
Gennaio
Cosa significa SEO
Maurizio Ceravolo
SEO è un acronimo che si incontra spesso nel webmarketing e quando si parla di siti. Ma molti ignorano il significato. Cerchiamo di spiegarlo.
2011
22
Aprile
I giornali USA su Twitter
Maurizio Ceravolo
Una interessante infografica sulla presenza dei giornali USA su Twitter, il social network del micro blogging. Chi sarà il più seguito?
2010
15
Novembre
Twitter: "Io sono Spartaco". La frase più postata della settimana
Maurizio Ceravolo
Dopo un commento su Twitter un impiegato si ritrova arrestato, multato, licenziato e rilicenziato. La legge si trova 100 anni indietro da internet.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
acquisizioni Apple evoluzionismo digitale Facebook geek Google Google+ humor innovazione iPad marketing Microsoft mobile Motori di ricerca My Space politica Simoncelli social network sprechi video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post