Blog
home > blog > Ricerche su Google ed andamento di Borsa

Tag: Google, borsa, innovazione, Google Trends

Ricerche su Google ed andamento di Borsa

Uno studio in una università tedesca rivela una correlazione fra le ricerche su Google ed il valore delle azioni in borsa. Si preannuncia un nuovo strumento per prevedere i trend finanziari?
di Maurizio Ceravolo
Google è forse l'entità che memorizza più informazioni al mondo. L'enorme mole di queste informazioni può essere usata nei modi più disparati. Anche in ambito economico.

Google ha sviluppato il "Google prices index", un indicatore dell'inflazione basandosi su milioni di rilevazioni su siti di e-commerce. A differenza dei tradizionali indici, quello di Google ha il pregio di essere giornaliero, contando su miliardi di dati che vengono aggiornati in ogni momento. Gli indici tradizionali, basandosi su rilevazioni sul territorio, generalmente sono su base mensile e con alcune settimane di ritardo.

Per adesso questo indice non è pubblicato, ma è probabile che in futuro il colosso di Mountain View decida di entrare anche nel business delle analisi finanziarie.

Senza aspettare quel giorno, ognuno può usare i dati andando a studiarsi Google Trends. In una università tedesca hanno rilevato una correlazione fra il numero di ricerche del nome di una società su Google ed il valore delle sue azioni. Tanto più numerose sono le ricerche, tanto più alto è il valore dell'azione. Secondo questa correlazione dalla diminuzione delle ricerche su una azienda si può prevedere un calo di borsa e viceversa dall'aumento si può anticipare un prossimo incremento di valore delle azioni.

Per ulteriori dettagli ed una spiegazione più precisa vi rimando al post del blog Stukhtra dal quale ho appreso la notizia.
Post correlati
2010
3
Dicembre
Google e la reputazione digitale
Maurizio Ceravolo
Google modifica il meccanismo del ranking. Penalizzerà i negozi on line che hanno una cattiva reputazione.
2011
29
Aprile
Google Chrome 11 Beta in ascolto!
Stefano Manto
La versione di Google Chrome 11 Beta presenta due nuove funzionalità interessanti: ascolta e stupisce con effetti 3D
2013
20
Febbraio
Passiamo ad una nuova Agenda Digitale
Maurizio Ceravolo
A due anni dal lancio dell'Agenda Digitale, il risultato sembra essere un totale fallimento. Ma ve l'avevo detto. È ora di passare ad altro.
2010
20
Dicembre
Google acquisisce Phonetic Arts
Maurizio Ceravolo
Google ha acquistato Phonetic Arts società impegnata nella sintesi vocale. Il colosso di Montain View già forte nel riconoscimento vocale, si potenzia ancora di più.
2011
21
Giugno
Google Mail: chiamate con il VOIP
Maurizio Ceravolo
GMail vuole diventare il centro di comunicazione degli utenti. Non solo per le mail, ma anche per le telefonate usando il VOIP. La Mail di Google si evolve.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple Asimov design Facebook finanza geek Google Google+ humor infografica innovazione Microsoft mobile ricerca social SEO social network tablet Telecom Italia video videogiochi
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post