Blog
home > blog > Google, l'innovazione, la medicina e Star Trek

Tag: Google, innovazione, medicina, Star Trek, Android

Google, l'innovazione, la medicina e Star Trek

Creata la tecnologia per mettere in rete gli organi del corpo. Si chiama Human ++. Ci avviciniamo alla fantascienza.
di Maurizio Ceravolo

Stavolta l’innovazione non la porta Google, ma una società che si chiama IMEC. Stavolta Google è solo il mezzo con il sistema operativo mobile Android.

Ancora una volta la fantascienza diventa scienza. Vi ricordate il tricorder medico dei dottori dei vari equipaggi delle serie di Star Trek? Ci avviciniamo pericolosamente.

La IMEC ha sviluppato una tecnologia che permette a dei sensori interni o esterni al nostro corpo di interagire con uno smartphone android creando una rete, denominato Body Area Network (BAN). Praticamente ogni organo diventa un device con il suo indirizzo IP. La tecnologia si chiama Human ++ e permette di monitorare lo stato del corpo tramite il palmare. Queste informazioni vengono campionate decimo di secondo. Possono scattare degli allarmi quando alcuni valori vanno fuori i parametro e comunicare le informazioni ad un medico tramite Wi-Fi o 3G. 

Le applicazioni sono innumerevoli, dall’ambito sportivo a quello medico. In particolare potrebbe monitorare persone con la salute a rischio, ed avvisare prima che le conseguenze diventino irreparabili. Una tecnologia del genere, incentivando la prevenzione, potrebbe far risparmiare se usata su larga scala miliardi di euro ai sistemi sanitari nazionali.

A mio avviso è una tecnologia molto promettente, però adesso senza sapere come verrà implementata, mi viene una preoccupazione sulla sicurezza. Cosa succederebbe se un virus attaccando la ban, lanciasse degli allarmi falsi? Magari un cardiopatico potrebbe prendere di urgenza delle medicine contro l’attacco di cuore, e non avendolo potrebbero essere dannose. Ovviamente per adesso le mie sono solo speculazioni per adesso. Però ben vengano applicazioni su larga scala.

Adesso consentitemi un paio di battute.
Con una tecnologia del genere, quanto ci vorrà perche Facebook, crei Facebook Body, con un bel mi piace sull’organo preferito?
Già mi immagino le persone che corrono al bagno dicendo “mi sono preso un virus al colon, mi perdo sempre l’ip”. :-)

Post correlati
2010
20
Dicembre
Google acquisisce Phonetic Arts
Maurizio Ceravolo
Google ha acquistato Phonetic Arts società impegnata nella sintesi vocale. Il colosso di Montain View già forte nel riconoscimento vocale, si potenzia ancora di più.
2011
30
Giugno
Google+ (Plus): il social network di Google
Maurizio Ceravolo
Google vuole prendersi un pezzo del mercato dei social network. Ci proverà con Google+ innovando sulle mancanze di Facebook. I presupposti sono buoni.
2011
30
Dicembre
Telefonate nei videoritrovi di Google+
Maurizio Ceravolo
Google procede nell'integrazione dei suoi prodotti, per potenziare Google+, strizzando sempre più l'occhio al business. Adesso Google Voice negli Hangout.
2014
1
Aprile
Google+ introduce la data stellare
Maurizio Ceravolo
Dopo aver creato una versione del motore di ricerca in lingua Klingon, Google aggiunge una feature per i fan di Star Trek su Google+.
2011
1
Luglio
Google+: richieste record
Maurizio Ceravolo
Sono due giorni che ha aperto Google+, le richieste sono da record, su Twitter si cercano inviti all'impazzata ed il titolo in borsa di Google riprende a salire.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple automazione Facebook Firefox geek Google Google+ humor infografica innovazione iPad letteratura Microsoft mobile SEO social network social plugin tag vetro video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post