Blog
home > blog > Sony Ericsson Italia: il proprio brand prima di tutto?

Tag: brand, marketing, fail

Sony Ericsson Italia: il proprio brand prima di tutto?

Sulla pagina di Facebook di Sony Ericsson Italia c'è post promozionale che ha qualcosa di strano. Se non si crede fino in fondo sul proprio brand, il fail è dietro l'angolo.
di Maurizio Ceravolo

Sulla pagina di Facebook di Sony Ericsson Italia c'è un post come tanti altri che fanno le aziende per promuoversi, legato ad una iniziativa di marketing.

Il testo dice: "Siamo a Villa Biscossi, il comune più connesso d'italia: un X8 per ogni abitante. L'obiettivo? Mostrare come la tecnologia possa cambiare la quotidianitá!". L'iniziativa consiste nel regalare un X8 ad ognuno dei 74 abitanti di Villa Biscossi, con due mesi di traffico incluso. In questo modo il paese diventa 100% Android.

 

Sony Ericsson Italia a Villa Biscossi
Villa Biscossi il comune più connesso d'Italia secondo Sony Ericsson (clicca per ingrandire)

Tutti i dettagli di questa azione promozionale si possono trovare su questa pagina di Facebook. Sicuramente ben organizzata, con molta cura e attenzione, per far parlare la stampa specializzata.

Però basta una piccola distrazione ed anche il lavoro più accurato può essere rovinato. Guardate con attenzione cosa è stato scritto su Facebook.

Sony Ericsson Fail
Dettaglio del post sulla pagina di Sony Ericsson Italia

Come si vede dai commenti, c'è qualcosa di strano. 27 novembre alle ore 11.41 tramite iPhone. Decisamente un fallimento epico. Fai una iniziativa per pubblicizzare il tuo nuovo telefono, mentre i tuoi dipendenti usano anche per lavoro l'iPhone o l'iPad (tramite l'iPad comunque Facebook segnala che il post è stato fatto tramite iPhone, visto che il sistema operativo è lo stesso). Risulta poco efficace la promozione dei tuoi prodotti se fai vedere di non credere tu stesso al tuo brand.

Certo quando l'ho visto mi ha fatto molto ridere. Però non vorrei essere al posto dell'autore del post, avrà passato un bruttissimo quarto d'ora.

Certo forse così sarà diventato un marketing virale, ma in questo caso non penso proprio che sia voluto.

Post correlati
2011
11
Febbraio
Il Milan non sa l'inglese su Facebook
Maurizio Ceravolo
Un fail del Milan sulla sua pagina su Facebook. Possibile che nessuno dei suoi 2 milioni di fan si sia accorto di un errore di inglese?
2011
16
Novembre
Due veloci lezioni in Social Marketing
Maurizio Ceravolo
Google+ Your Business spiega l'errore più comune che fanno le aziende sui social network e come seguire le discussioni sul proprio brand.
2010
2
Novembre
sex.com e cybersquatting: quanti soldi vale un dominio?
Maurizio Ceravolo
Negli ultimi 10 anni alcuni domini sono stati venduti e rivenduti per milioni di dollari. Vale la pena un investimento del genere?
2011
8
Giugno
Kal El: quando il marketing incontra i geek
Maurizio Ceravolo
Un nuovo prodotto ha bisogno di un nome che rimanga in mente. Se il target è geek, ed il prodotto è un "SUPER" chip il nome più adatto è Kal El. È per intenditori. Vediamo perchè.
2011
11
Ottobre
Petizione per lo stato sentimentale "Amici di letto"
Maurizio Ceravolo
La scusa di una petizione per un nuovo stato sentimentale su Facebook diventa un'ottima iniziativa di marketing.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple economia epic win Facebook finanza geek Google Google+ humor innovazione iPhone Microsoft Programmazione sintesi vocale social network social plugin soldi video videogiochi web marketing
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post