Il web fa concorrenza sleale ai giornali


Il sindacato dei giornalisti italiani critica il web. Ma siamo sicuri che facciano bene il loro lavoro e non copino da internet? Vediamolo con un sorriso. Leggo una notizia d'agenzia in cui il sindacato dei giornalisti italiani critica il web, per concorrenza sleale al loro lavoro.

Evito di ricopiare il testo della notizia, che potete leggere direttamente dal link qui sopra, ma vorrei solo fare una considerazione. Questa iniziativa da parte dei giornalisti (ma ce ne è una analoga da parte degli editori per voce dell'ingegner De Benedetti) mi sembra un modo per mettere le mani avanti, visto che le cose vanno male. I giornali si vendono sempre di meno e quindi diamo la colpa al web.

Io direi, merito del web. L'informazione ormai per sua natura è liquida, non ha senso che sia stampata, ma deve diffondersi via web. Anche le foreste ne ringrazierebbero. Sony sta dismettendo una fabbrica di cd, perchè la musica è sempre più liquida, si vende e si diffonde su web e si vendono sempre meno cd. È l'evoluzione, ma gli editori si comportano come dinosauri.

Inoltre mi verrebbe da dire che i giornalisti devono ringraziare il web, visto che ormai si basano su quello per fare il loro lavoro. La qualità dei video sui telegiornali negli ultimi anni è peggiorata, perchè non si mandano più le telecamere, ma si prendono i video da youtube o da youreporter. Copiano e traducono le notizie delle testate straniere, prendono le notizie dai siti, senza verificare le fonti e quindi vengono diffuse notizie false dai media di tutto il mondo. Come quando qualche mese fa, si diffuse la notizia che l'ONU aveva nominato un ambasciatore per i rapporti con gli alieni (ma dico, fra poco se racconto che sono l'erede diretto di Giulio Cesare, trovo la notizia al TG5).

Per sorridere su tutto questo, allora possiamo anche assistere a notizie sui giornali come questa:

Clicca qui su un giornale
Clicca qui.... su un giornale???


Post correlati: