Statistiche sul Coronavirus in Italia


Abbiamo realizzato alcune animazioni e grafici per capire meglio l'evoluzione del contagio del Coronavirus in Italia.

Se sei arrivato su questo articolo cercando notizie sul coronavirus, puoi andare sul sito apposito del Ministero della Salute, oppure sulle FAQ del blocco nazionale sul sito del Governo.

Aggiornamenti articolo

31/03/2020 - Aggiornata la mappa di calore ai dati odierni
24/03/2020 - Aggiornata la mappa di calore ai dati odierni


Da tre settimane ormai il Coronavirus sta condizionando pesantemente le vite di tutti.

Siamo inondati da informazioni 24 ore su 24. Quello di cui però ci rendiamo conto è che spesso, troppe informazioni equivalgono a poche o nessuna informazioni. Nella nostra attività di consulenza alle aziende ci accorgiamo che all'interno dei progetti, una parte che è spesso dimenticata è la reportistica, in quanto limitata a lenzuolate di file Excel. I dati in tabella non sono facili da leggere, possono sfuggire tendenze e correlazioni. Per questo di solito cerchiamo di organizzarli con grafici ed animazioni, per rendere più leggibili le statistiche.

Abbiamo provato ad applicare questo metodo con i dati forniti dalla Protezione Civile a proposito del contagio da Covid-19. Nel dettaglio i dataset che abbiamo usato sono i seguenti.

 

Mappa di calore del contagio animato su mappa

Per la prima animazione abbiamo cercato di seguire i principi del geomarketing che indicano che i dati statistici che hanno una valenza territoriale possono essere rappresentate su mappa. Quindi abbiamo realizzato una animazione con una mappa di calore che ci permette di osservare come fluisce il contagio.


Evoluzione del contagio del Coronavirus in Italia (dati al 31/03/2020)

Si può notare che dal nord negli ultimi giorni il contagio si sta spostando a sud, anche se con tassi di crescita minori. Ed è evidente il peso geografico del nord nel contagio.

 

Timeline del contagio del Coronavirus nelle regioni italiane

La seconda animazione che abbiamo preparato mostra il modo in cui "corre" il contagio nelle regione italiane tramite un grafico di tipo bar race.


Timeline del contagio del Coronavirus nelle regioni italiane (dati al 17/03/2020)

Il video mostra l'evoluzione del contagio del Coronavirus (Covid-19) nelle regioni italiane usando delle barre animate seguendo la progressione giorno per giorno dalla segnalazione del primo malato.

Le regioni in alto sono quelle dove il contagio si evolve nella maniera più preoccupante.

 

Timeline del contagio del Coronavirus nelle provincie italiane

Anche in questo caso abbiamo un grafico di tipo bar race rivolto però alle provincie italiane:

Il video mostra l'evoluzione del contagio del Coronavirus (Covid-19) nelle provincie italiane usando delle barre animate seguendo la progressione giorno per giorno dalla segnalazione del primo malato.

Le provincie in alto sono quelle dove il contagio si evolve nella maniera più preoccupante.

 

Andamento contagio Coronavirus per provincia italiana normalizzato al primo malato

Abbiamo fatto una riflessione. Su alcuni organi si stampa si fa riferimento a grafici elaborati da studi di ricerca in cui si riporta che le curve di contagio siano le stesse anche negli altri paesi. E quindi dicono che Spagna e Francia siano indietro rispetto a noi di 7/8 giorni. Abbiamo voluto provare ad applicare lo stesso principio nelle provincie italiane, immaginando di far partire i grafici di ciascuna provincia a partire dal primo giorno in cui viene rilevato il primo malato.


Andamento contagio Coronavirus per provincia italiana normalizzato al primo malato

Facciamo partire i grafici per tutte le provincie dallo stesso punto, in modo da poter comparare le curve di contagio a partire da una base comune. La progressione è quindi di giorni dal primo contagio.

Più il grafico è ripido più il contagio è veloce. Alcune province terminano prima, perché il numero di giorni di contagio è minore, ovvero il dato statistico in quelle provincie riporta meno giornate di epidemia.

Si può notare che le situazioni più preoccupanti sono Bergamo, Brescia, Milano e Cremona. Le curve di contagio sono più ripide. Di contro Lodi che è la provincia nella quale all'inizio si sono avuti la maggior parte dei contagi ha una curva decisamente meno inclinata, segno che l'epidemia è meglio controllata.

Mi piacerebbe avere dati aggiornati anche dei decessi per provincia indipendentemente da quelli attribuiti al coronavirus. Gli organi di stampa riportano che le pompe funebri nelle provincie più colpite hanno aumentato moltissimo la loro attività. Quindi è possibile che i morti siano molto superiori a quelli accertati per il coronavirus. Chi abita nelle provincie di Bergamo, Brescia, Milano e Cremona esca di casa solo in casa di vera ed urgente necessità e limiti al massimo la permanenza fuori dalla propria abitazione.

Dato che non è facile rendere visibili tutte le provincie italiane nel video, abbiamo creato anche una infografica con l'asse Y maggiorato in modo che la curva di ciascuna provincia sia ben evidente.

Andamento coronavirus nelle provincie italiane a partire dal primo contagio
Andamento coronavirus nelle provincie italiane a partire dal primo contagio (clicca per vedere l'immagine a piena risoluzione)

Andamento contagio Coronavirus per provincia italiana normalizzato a 125 contagiati

Come potete vedere nell'immagine precedente, la scelta di far partire i grafici a partire da quando viene scoperto il contagio non pone tutte le curve nelle stesse condizioni. Il primo giorno nel quale sono disponibili dati di contagio è il 25 febbraio 2020. In questo giorno diverse provincie sono passate da 0 a decine di malati. Con la provincia di Lodi che il primo giorno aveva 125 contagiati. Abbiamo quindi provato a normalizzare i grafici prendendo solo provincie nelle quali il contagio è arrivato a 125 persone, e da quel giorno far scattare il giorno 1.


Andamento contagio Coronavirus per provincia italiana normalizzato a 125 contagiati

Quindi facciamo partire i grafici per tutte le provincie dallo stesso punto, in modo da poter comparare le curve di contagio a partire da una base comune. Ci sono solo le città che hanno raggiunto 125 contagi. Adesso le curve sono comparabili veramente.

Più il grafico è ripido più il contagio è veloce. Alcune province terminano prima, perché il numero di giorni passato dai 125 contagi ad adesso è minore che nelle provincie dove il contagio è iniziato prima.

Si può notare che le situazioni più preoccupanti sono Bergamo, Brescia, Milano e Cremona. E Torino che si trova parecchi giorni indietro, ma sembra che la curva stia divergendo. Piacenza e Lodi sono meno preoccupanti. Hanno un numero maggiore di giornate di contagio, ma una progressione decisamente minore. Nelle altre provincie la situazione sembra contenuta ed ha una crescita molto più bassa. A due/tre settimane dal lockdown potremmo aspettarci ed augurarci un'inizio del calo delle curve.

Come per il grafico precedente, abbiamo preparato una infografica sulla quale le curve statistiche possono essere distinte meglio.


 
Andamento contagio Coronavirus normalizzato a 125 malati (clicca per vedere l'immagine a piena risoluzione)

 

Questo articolo è un work in progress. È nostra intenzione aggiornarlo almeno una volta a settimana con i nuovi dati.

PS: comportatevi responsabilmente sia a casa che in rete (Leggi anche Sciacalli digitali ai tempi del coronavirus) in questo periodo di quarantena.

 



Post correlati:

Copyrights © 2011-2020 Tutti i diritti riservati - by Ideativi Srl