Passiamo ad una nuova Agenda Digitale


A due anni dal lancio dell'Agenda Digitale, il risultato sembra essere un totale fallimento. Ma ve l'avevo detto. È ora di passare ad altro. Avvertenza per i lettori. Probabilmente, anzi sicuramente questo sarà un post polemico. Sarà il periodo elettorale, ma sono stufo di falsità, dietrologie, menzogne e secondi fini, che a quanto pare hanno corrotto ogni fazione politica di questo paese. E sono stufo del degrado tecnologico in cui stiamo piombando. Per non parlare dello stato agonizzante della ricerca.

Due anni fa, avevo fatto un articolo per spiegare cosa fosse l'Agenda Digitale e soprattutto avevo espresso le mie perplessità sull'iniziativa, su cui c'erano dei mittenti politici e la cosa non prometteva bene.

Sono passati due anni ed il risultato è zero. Il progetto Fibra per l'Italia è morto affossato da uno dei firmatari dell'Agenda Digitale. Sul sito ufficiale (che non linko, perché non merita nemmeno link), l'ultima notizia è di un anno e mezzo fa. Nessuno dei candidati premier ha dedicato mezza parola a ricerca e sviluppo digitale, che secondo studi citati sul precedente articolo, costituirebbe uno stimolo all'aumento del PIL. Niente di niente.

A questo punto per me l'agenda digitale come era stata pensata è affossata. Da oggi la mia Agenda Digitale è una sola. Ed invito voi tutti a crearvi la vostra Agenda Digitale.

Io per il 25 febbraio, il giorno in cui si saprà il vincitore delle elezioni, ho messo i seguenti punti in agenda, e spero che qualcuno di questi punti (anche se ne dubito) sia nell'agenda del vincitore.

Agenda Digitale Italiana
Agenda digitale italiana

Per la cronaca. L'articolo 9 della Costituzione Italiana recita:

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Gli ultimi 20 anni di politica hanno dimenticato questo importante e bellissimo articolo della nostra costituzione.

Ringrazio Giacomo Pelagatti (Google+) per avermi ricordato questo articolo (da me dimenticato) in una discussione sul social network di Google.


Post correlati: