Blog
home > blog > Think Quarterly: il magazine di Google

Tag: Google, editoria, marketing, advertising

Think Quarterly: il magazine di Google

Google tramite twitter, ma senza nessun annuncio sul suo blog ufficiale, ha rilasciato un magazine online sullo stile di Wired. È editoria o marketing?
di Maurizio Ceravolo
Diversamente da altri casi, Google ha annunciato una sua nuova iniziativa solo tramite Twitter e non tramite il suo blog ufficiale. Questa volta, il tentacolare colosso di Montain View "sembra" entrare nell'editoria. Infatti a presentato un magazine online dal nome Think Quarterly (tutto in lingua inglese). Il format sembra quello di Wired, articoli tecnologici, grandi foto e infografiche ed articoli firmati dai migliori giornalisti freelance inglesi.

Il primo numero, dal nome Think Data, è tutto dedicato ai dati (e alla pubblicità), con interviste, scenari e considerazioni. Open data, cluod, viralità dove trovare dati liberamente on line. Una sessantina di pagine, molto succose ed interessanti. Sarà sicuramente una lettura a cui mi dedicherò nei fine settimana. Organizzazione di dati, strutturazione, reperimento di dati da usare nelle analisi di marketing e soprattutto la loro valorizzazione sono argomenti che mi toccano molto da vicino.

Ho usato il sembra, perchè non è chiara la strategia di Google. Vuole entrare nell'editoria oppure è solo uno strumento per promuovere la propria pubblicità? Infatti è presente un articolo sul valore dell'advertsing, in cui Tony Fagan, direttore della ricerca Google, risponde a 6 domande su come massimizzare il ritorno di investimento sulla pubblicità fatta sui motori di ricerca.

Forse è la seconda ipotesi, in quanto direttamente sulle pagine del magazine, si dice che non hanno intenzione di venderlo, e le 1.500 copie stampate verranno distribuiti solo a partner e inserzionisti di Google UK (ovvero il versione di Google del Regno Unito). Altri indizi di questo lo vediamo nel fatto che sul magazine non è presente alcuna forma di pubblicità, ed il riferimento di Google lo troviamo solo nell'About.

Nel suddetto About, troviamo un paio di paragrafi interessanti che ci dicono molto sulla filosofia di Google e di questo magazine:

At Google, we often think that speed is the forgotten 'killer application' – the ingredient that can differentiate winners from the rest. We know that the faster we deliver results, the more useful people find our service.

But in a world of accelerating change, we all need time to reflect. Think Quarterly is a breathing space in a busy world. It's a place to take time out and consider what's happening and why it matters.


Per chi non conosce l'inglese, dice. Noi di Google, pensiamo che la velocità sia la 'killer application' dimenticata, l'ingrediente che differenzia i vincenti da tutto il resto. Questo lo trovo molto interessante. È un riferimento alle 10 verità di Google di cui ho parlato 3 mesi fa. Per Google la velocità è importante, in tutti i sensi, dai tempi di caricamento di un sito (è di questo ne parlerò prossimamente in un post che ho in preparazione) alla capacità di risposta alle sollecitazione del mondo, on line e non, che cambia. (provate a rileggere l'articolo Google e la reputazione digitale in cui il colosso di Montain View, spinta da un evento pubblicizzato dai media ha modificato il proprio algoritmo di ricerca in 4 giorni. Ci sono aziende che in una settimana non riescono ad approvare la nuova grafica di un sito fra una serie di proposte, e loro riescono a trovare una soluzione algoritmica, la implementano e la mettono in produzione in soli quattro giorni). Noi sappiamo che più velocemente diamo i nostri risultati, più le persone trovano utile il nostro servizio. Ma in un mondo in cui i cambiamenti accelerano, noi tutti abbiamo bisogno di tempo per riflettere. Think Quarterly è il nostro spazio di riflessione in un mondo super impegnato. È il posto dove prendere il nostro tempo e capire cosa succede e perchè tutto ciò avviene.

Il magazine può essere 'sfogliato' tramite flash, oppure è possibile navigare gli articoli come su un sito tradizionale. La fruizione è disponibile anche su dispositivi mobili. I prossimi numeri saranno a maggio, a luglio ed a ottobre.
Post correlati
2011
21
Febbraio
Google Goggles: un interessante esperimento di marketing
Maurizio Ceravolo
Google prova a collegare il reale al virtuale per portare il proprio potere di advertising nel mondo fisico. Può portare un ampliamento del business?
2012
4
Aprile
Google Consumer Surveys: opportunità per aziende e produttori di contenuti
Maurizio Ceravolo
Google rilascia un servizio di sondaggi on line, che rappresenta un'opportunità in più di guadagno per le aziende che producono contenuti digitali.
2011
21
Giugno
Google Mail: chiamate con il VOIP
Maurizio Ceravolo
GMail vuole diventare il centro di comunicazione degli utenti. Non solo per le mail, ma anche per le telefonate usando il VOIP. La Mail di Google si evolve.
2010
7
Dicembre
Google Ebooks: apre il più grande store di ebook
Maurizio Ceravolo
Google entra come un buldozer nel mercato degli ebook. Con una filosofia diversa da quella dei concorrenti. Il cloud. E potrebbe essere vincente.
2010
3
Dicembre
Google e la reputazione digitale
Maurizio Ceravolo
Google modifica il meccanismo del ranking. Penalizzerà i negozi on line che hanno una cattiva reputazione.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple community dbms evoluzionismo digitale Facebook finanza geek Geolocalizzazione Google Google+ humor innovazione Microsoft realtà aumentata smartphone social network The Daily video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post