Blog
home > blog > Google Consumer Surveys: opportunità per aziende e produttori di contenuti

Tag: Google, video, editoria, business

Google Consumer Surveys: opportunità per aziende e produttori di contenuti

Google rilascia un servizio di sondaggi on line, che rappresenta un'opportunità in più di guadagno per le aziende che producono contenuti digitali.
di Maurizio Ceravolo
Google fa un nuovo passo verso il dominio dei servizi per le aziende su web. E lo fa con un annuncio sia sul blog ufficiale dedicato ai servizi per le piccole e medie imprese, sia su varie pagine ufficiali su Google+, sia attraverso i post delle sue personalità più rappresentative sempre sul suo social network.

Io personalmente l'ho scoperto attraverso un post di Matt Cutts, capo del team sul WebSpam di Google. In questo post spiega di aver provato a fare un sondaggio chiedendo a 1500 persone di un campione generico negli USA se sapessero cosa significasse la parola SEO. Alla fine del post c'è il link al servizio, e l'invito a provarlo.

È di Google!!!!

Ed entra con la potenza di una carica di elefanti in un servizio per le imprese dominato dalle grandi società di indagini di mercato.

Google Consumer Surveys
Google Consumer Surverys (clicca per ingrandire)

Stiamo parlando di Google Consumer Surveys, un servizio tramite il quale chiunque può creare un sondaggio e sottoporlo ad un campione di persone. Il campione minimo suggerito da Google per avere rilevanza statistica è di 1500 persone. Si fa il tutto in pochi minuti, imposta la domanda e le possibili risposte, scegli il numero di persone a cui vuoi porre il tuo quesito (al costo di 10 centesimi di dollaro a persona, per un campione generico, e 50 centesimi per un target scelto), dai ok, ed hai fatto.

Ma a chi viene posta la domanda?

E qui sta la genialata, a mio avviso? La domanda viene posta su siti partner, come condizione per accedere a contenuti premium. Diventa una nuova opportunità per gli editori e i produttori di contenuti digitali. Quindi un aiuto agli utenti ed uno ai gestori di siti. I primi possono accedere ad un contenuto di qualità a cui, in precedenza avrebbe dovuto pagare, mentre i secondi hanno una nuova opportunità di guadagno, oltre alla classica pubblicità, e questo può finanziare la produzione di contenuti migliori per incentivare gli utenti a rispondere alle domande. Sono sempre di più gli utenti che navigano loggati al loro account google, e questo permette a Google di non avere risposte anonime, ma di conoscere il target di chi risponde.

Google Consumer Surveys per i produttori di contenuti premium
Rispondi per accedere ad un contenuto premium

Questo può portare una forte concorrenza agli istituti di indagini di mercato, sia per i costi, che per la velocità. 150 dollari per avere una risposta da un campioni di 1500 persone è un costo bassissimo, se confrontato a quello che dovrebbe fare una società specializzata con interviste fatte telefonicamente. Inoltre con Google la risposta si può avere in ore, molto più velocemente rispetto alle indagini tradizionali.

Le possibilità sono enormi, pensate ad una società che lancia una campagna pubblicitaria su web o sui canali tradizionali (televisione, radio,...), a poche ore dal lancio, può indire un sondaggio per capire l'efficacia della sua pubblicità, ed in caso di risposte negative, modificarla al volo, per migliorare la performance.

Il meccanismo è anche questo diverso da quello delle indagini tradizionali. Invece di proporre agli utenti molte domande per volta, per una durata di diversi minuti, ad ogni utente viene posta una domanda per volta. Risponde e può accedere al contenuto premium. Questo secondo Google, permette di avere livelli di partecipazione molto maggiori (15-20% contro i valori tradizionali di 0.1-2% delle società specializzate).

Una volta ottenute le risposte, ovviamente Google mette a disposizione un pannello dal quale analizzarle, oltre alla possibilità di scaricare i dati grezzi ottenuti per importarli nei propri software di analisi.

Google Consumer Surverys - Analisi dei risultati
Google Consumer Surverys - Analisi dei risultati
Analisi dei risultati dei sondaggi


Google mette a disposizione anche un breve video che mostra la semplicità di uso di Google Consumer Surveys:



Google Consumer Surveys

Obiettivamente trovo il servizio, molto interessante. Molto utile per le aziende (tranne quelle che lavorano nelle indagini di mercato, che si trovano ora un pericolosissimo concorrente). Ho una sola perplessità, riguardo all'affidabilità delle risposte. Nel caso di lunghi questionari, in fase di analisi statistica si può capire se le risposte sono state date a caso, ma nel caso di una risposta per volta? Come capire, se l'utente non abbia risposto a caso per non perdere i 10 secondi necessari a leggere la domanda ed arrivare più velocemente al contenuto desiderato? Secondo quanto riportato da Google, nell'help,l'accuratezza del servizio è uguale o superiore a tutti i servizi di indagine su web. Però non fa il confronto con i sistemi tradizionali.

In ogni caso non vedo l'ora di poterlo provare, sia come utente, che come editore in qualche progetto. Purtroppo occorre attendere, per adesso Google Consumer Surveys è disponibile sono negli Stati Uniti.
Post correlati
2011
9
Novembre
Google Voice Search funziona anche sott'acqua
Maurizio Ceravolo
Interessante video promozionale di Android, in cui viene mostrato che Google Voice Search riesce a funzionare anche sott'acqua con la voce di un sub.
2011
26
Agosto
"Benvenuto nella Guida di Google" rap
Maurizio Ceravolo
Gli ingegneri di Google hanno stile e sono dei perfetti geek, e spesso riescono a sorprendere, come adesso con un rap all'interno della guida di Google.
2011
17
Agosto
Google+ (Plus): commenti collassabili ed in real time
Maurizio Ceravolo
Lo sviluppo del social network di Google procede a velocità stratosferica. Ora si possono collassare i commenti e si possono vedere in real time.
2011
22
Agosto
Con Google+ (Plus) la ricerca di Google si fa (più) social
Maurizio Ceravolo
Google ha annunciato di aver aggiornato i risultato delle ricerche. Ora verranno evidenziati i post su Google+ nelle SERP. Per i SEO diventa fondamentale essere social.
2010
23
Dicembre
Se la natività fosse ai giorni nostri.
Maurizio Ceravolo
Se Gesù fosse nato nel 2010 invece che due millenni fa, come sarebbero andate le cose? Un divertente video ce lo spiega. Buon Natale a tutti.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple crowdsourcing Eye Tracking Facebook geek Geolocalizzazione Google Google+ HTML 5 humor innovazione marketing Microsoft relazioni SEO smartphone social network social plugin video Windows Phone 7
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post