Blog
home > blog > A Natale boom di ricerche da dispositivi mobili

Tag: Google, mobile, web search

A Natale boom di ricerche da dispositivi mobili

Secondo uno studio diffuso da Google, nei giorni di Natale le ricerche da dispositivi mobili raggiungeranno il 44%. Occorre ripensare le strategie di business on line?
di Maurizio Ceravolo
Google ha diffuso un interessante studio, sul comportamento degli utenti nelle ricerche on line. In effetti le conclusioni sono condivisibili ed intuibili, però avere il conforto di una conferma di dati numerici non fa mai male.

Google ha studiato l'andamento delle ricerche on line degli ultimi due anni, che possiamo vedere nel seguente grafico:

Andamento delle ricerche su dispositivi mobili
Andamento delle ricerche on line da dispositivi mobili (clicca per ingrandire)

Questo grafico va da settembre 2009 a giugno 2011 e raffigura l'andamento delle ricerche da dispositivi mobili negli Stati Uniti per le parole chiave riguardanti marchi di vendita al dettaglio. Da esso possiamo estrarre due informazioni. Da due anni a questa parte il trend è decisamente in salita, con tassi di crescita mensile a due cifre. Il secondo è che ci sono picchi (assolutamente rilevanti) con due massimi nell'ultimo mese dell'anno.

I due massimi corrispondono al Black Friday (il giorno di promozioni e shopping selvaggi che apri il periodo natalizio) e alla vigilia di Natale. Il motivo di quei picchi è facilmente immaginabile. I ritardatari dell'acquisto e del regalo. Chi si riduce all'ultimo, non può più sfruttare lo shopping on line, dato che occorrono almeno due giorni perché il bene arrivi a destinazione. E quindi la conseguenza è che i consumatori si riversano nelle strade per comprare i regali direttamente nei negozi ed usano i loro smartphone per cercare centri commerciali e promozioni.

Da questi dati storici, Google ha realizzato una proiezione, dalla quale viene previsto che il Black Friday di quest'anno catalizzerà il 15% delle ricerche mobili, mentre la vigilia di Natale si arriverà a ben il 44%.

Lo studio ci mette a conoscenza di altre informazioni importanti. Il 65% degli utenti con dispositivi di alta gamma hanno usato i loro gioiellini per trovare punti vendita ed andarci poi di persona ad acquistare dei prodotti. Questo discorso è particolarmente interessante per me. Il tema della geolocalizzazione assieme al geomarketing, è sempre stato fra i miei interessi. Da questo troviamo delle indicazioni importanti, per la consulenza alle imprese locali commerciali. 

  • è importante essere presenti nei motori di ricerca geografici, tipo Google Maps (e di conseguenza Google Places), e sulle app per dispositivi mobili che permettono di trovare punti vendita vicini alla posizione dell'utente;
  • è importante che i siti queste aziende integrino al loro interno meta dati geografici, interpretabili dai motori di ricerca;
  • è importante che i suddetti siti, se non ottimizzati per dispositivi mobili, siano per lo meno, navigabili facilmente da dispositivi mobili. Il che vuol dire che se avete il sito fatto in flash, fareste meglio a farvelo rifare, in quanto, iPhone, iPad e smartphone Windows Phone 7 non possono visualizzare flash;
  • è importante essere presenti sui social media, visto che i vostri clienti potrebbero consigliarvi ad altri amici che sono presenti sul vostro stesso territorio;
  • è importante di pensare a fare qualche campagna pubblicitaria attraverso i servizi mobili di Google durante il periodo natalizio, visto che potrebbe essere particolarmente efficace, data la predisposizione all'acquisto del periodo ("va bene qualsiasi cosa, basta che mi levo i regali").
Non è finita. I possessori di tablet, spendono il 50% in più degli utenti PC (il che vuol dire che avere un sito mobile o una app ottimizzata per tablet, permette di avere un buon ritorno) ed hanno un maggiore AOV (valore medio dell'ordine).

Inoltre il 33% degli utenti di dispositivi mobili pensano di iniziare i loro acquisti prima del giorno del ringraziamento (il giorno prima del Black Friday). Ovviamente sempre negli USA. Il che vuol dire che i commercianti devono iniziare prima le loro campagne promozionali on line ed offline.

Per noi che stiamo in Italia, come sviluppatori e consulenti, dobbiamo sicuramente pensare sempre di più ai temi di geolocalizzazione e mobili per consigliare al meglio i nostri clienti.
Post correlati
2011
16
Agosto
Google compra Motorola Mobility
Maurizio Ceravolo
Google compra Motorola (e i suoi brevetti) per contrastare Apple e Microsoft nel mondo smartphone. Mentre il Sole 24 Ore non legge le fonti per commentare la notizia.
2010
3
Dicembre
I Doodles di Google anche su mobile
Maurizio Ceravolo
I celeberrimi Doodles di Google da oggi anche su mobile. Da Iphone, Android, Windows Phone 7 e qualsiasi altro OS mobile sarà possibile vedere i loghi celebrativi.
2012
6
Febbraio
L'evoluzione della ricerca di Google
Maurizio Ceravolo
Google è nato come progetto di ricerca nel 1996. Un interessante video ci racconta i passi che ha compiuto per arrivare ad essere il motore di ricerca più usato al mondo.
2011
21
Febbraio
Google Goggles: un interessante esperimento di marketing
Maurizio Ceravolo
Google prova a collegare il reale al virtuale per portare il proprio potere di advertising nel mondo fisico. Può portare un ampliamento del business?
2014
29
Maggio
Google Ripples mente (spesso)
Maurizio Ceravolo
Google Ripples è uno strumento utilissimo per scoprire gli influencer dei propri post. Però è afflitto da un bug che lo porta a dare informazioni non corrette.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
+1 A grande richiesta Apple Azure Facebook geek Geolocalizzazione Google Google+ humor infografica innovazione iPad Lego Microsoft RDP social network video videogiochi viral
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post