Blog
home > blog > Google Maps calcola i percorsi tenendo conto del traffico

Tag: Mappe, Geolocalizzazione, Google, innovazione, crowdsourcing, gps, navigazione satellitare

Google Maps calcola i percorsi tenendo conto del traffico

Importante aggiornamento per Google Maps. Il calcolo dei percorsi oltre ad indicare il tempo di percorrenza standard, permette di sapere i tempi condizionati dal traffico.
di Maurizio Ceravolo
Google ha annunciato un importante aggiornamento al suo servizio di Google Maps.

Molti di noi usano il servizio di mappe e geolocalizzazione di Google, ed obiettivamente è un sistema fantastico, con il quale possiamo esplorare il mondo dallo schermo del nostro computer. Uno dei servizi più utili di Google Maps è il calcolo dei percorsi. Trovare la strada più breve per andare da qualche parte è uno strumento comodissimo, soprattutto per chi fino a qualche anno fa, lo faceva spulciando per minuti le tavole di cartine e Tuttocittà.

Però la scelta di un percorso può cambiare a seconda dell'orario o del giorno. Ci sono delle strade che in certi orari sono congestionate. Con questo aggiornamento, sfruttando sia dati storici che dati in tempo reale, Google ha possibilità di mostrare il tempo effettivo, basandosi sul traffico attuale per raggiungere una destinazione, che verrà visualizzata in aggiunta alla normale stima.

Google maps, indicazioni stradali con il traffico in real time
Indicazioni di traffico in real time (clicca per ingrandire)

Un servizio utilissimo, direi. Purtroppo per le informazioni che ho trovato fino ad adesso, sembra che non sia ancora disponibile in Italia.

Ma da dove prende Google le informazioni del traffico? Dai telefoni Android, come spiegato da questo post di un paio di anni fa: "When you choose to enable Google Maps with My Location, your phone sends anonymous bits of data back to Google describing how fast you're moving. When we combine your speed with the speed of other phones on the road, across thousands of phones moving around a city at any given time, we can get a pretty good picture of live traffic conditions. We continuously combine this data and send it back to you for free in the Google Maps traffic layers. It takes almost zero effort on your part — just turn on Google Maps for mobile before starting your car — and the more people that participate, the better the resulting traffic reports get for everybody."

In pratica chi usa Google Maps su telefoni Android ed attiva il GPS automaticamente manda bits anonimi a Google sulla posizione dell'utente e la velocità a cui si sta muovendo. Queste informazioni vengono combinate a quelle di altri utenti per capire il tasso di congestionamento di una strada ed quindi poter aggiornare in real time i tempi di percorrenza.

Queste informazioni sono quindi ottenute in crowdsourcing, secondo quando riportato nell'articolo.

Non mi trovo in accordo con questa definizione. Abbiamo il crowdsourcing quando ci sono dei volontari che forniscono le informazioni, esattamente come succede su Waze (vedi Un giorno di traffico a Roma). In questo caso, invece, gli utenti che usano Google Maps come navigatore sul proprio telefono Android sono fornitori inconsapevoli di questi dati. Non ho trovato sul mio telefono Android una indicazione evidente che attivando La mia posizione si forniscono a Google queste informazioni, nè è possibile usare il gps impedendo a Google di usare questi dati.

Io mi augurerei, che per privacy, Google desse la possibilità di far scegliere all'utente se tracciare o meno queste informazioni. L'unica macchia che vedo in un servizio fantastico.
Post correlati
2011
24
Novembre
Un giorno di traffico a Roma in crowdsourcing con Waze
Maurizio Ceravolo
Un giorno di traffico a Roma visualizzato in un video in base ai dati di Waze, il navigatore gps per Android e iPhone con mappe e informazioni di traffico in crowdsourcing.
2011
30
Giugno
Google+ (Plus): il social network di Google
Maurizio Ceravolo
Google vuole prendersi un pezzo del mercato dei social network. Ci proverà con Google+ innovando sulle mancanze di Facebook. I presupposti sono buoni.
2011
7
Settembre
L'app per la polizia
Maurizio Ceravolo
Ecco il kit per il poliziotto del futuro, oltre alla pistola e il distintivo, l'iPhone per identificare ogni sospetto con una fotografia. Come Facebook e Google?
2010
19
Novembre
Google Hotpot: la risposta a Facebook Deals
Maurizio Ceravolo
Abbiamo provato Google Hotpot per capire la forza della nuova proposta di Google contro Deals di Facebook. Il nuovo campo di battaglia è sulla geolocalizzazione.
2011
29
Aprile
Google Chrome 11 Beta in ascolto!
Stefano Manto
La versione di Google Chrome 11 Beta presenta due nuove funzionalità interessanti: ascolta e stupisce con effetti 3D


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
Apple backup badge Facebook fumetti geek Geolocalizzazione Google humor innovazione iPad marketing Microsoft mobile SEO social network tutorial video viral web marketing
Ultimi Post
I migliori di oggi
Auguri di Buona Pasqua geek  32 
I più popolari del mese
Top post