Blog
home > blog > Ma quale social marketing! Ecco come avere milioni di +1 GRATIS!

Tag: Google+, Google, social network

Ma quale social marketing! Ecco come avere milioni di +1 GRATIS!

Abbiamo trovato 4 modi diversi per ottenere milioni di +1 su una pagina Google+ e la sua url collegata. Il risultato è sicuro. Anche se c'è un ma.
di Maurizio Ceravolo
Perdonate il titolo ad effetto, ma ho sempre sognato averne uno come quello dei peggiori bar di Caracas migliori blog di web marketing. Però avevo bisogno di qualcosa di forte che indicasse come mandare i vostri segnali sociali verso l'infinito ed oltre.

Verso l'infinito ed oltre

Forse non sono ancora al livello di Buzz Lightyear, il valore del pulsante +1 non segna ancora infinito, ma con qualche milione penso di essere sulla buona strada. Sicuramente è un modo più veloce (decisamente più veloce) di quello spiegato in Come funziona il +1 sui siti

Questa volta non è tutta farina del mio sacco, ma la scoperta nasce da Demetrio Siragusa e la sua pagina FabLab Palermo collegata al sito FabLab Palermo. Alcuni giorni fa Demetrio, con notevole sorpresa, ha visto i +1 della sua pagina incrementati a oltre 5 milioni, malgrado i follower siano poco più di un centinaio. Dall'analisi della pagina e del sito, Enrico Altavilla ha scoperto che il fenomeno è causato da un bug. Tutta la storia la potete leggere su Come ottenere 10 milioni di +1 in una settimana scritto da Martino Mosna.

Dalla discussione con Enrico Altavilla e Martino Mosna sono nati 6+1 test, per verificare le ipotesi fatte e cercare di capire in quali modi possa presentarsi il bug. Un test è stato fatto proprio su FabLab Palermo, che ha raggiunto oltre 10 milioni di +1, come potete vedere nella cattura qui sotto:

10 milioni di +1 su FabLab


Il bug

Ci vogliono pochi minuti per replicare il bug e sono necessari due fattori:
  • avere su una pagina un sito collegato
  • far credere al crawler di google che sul sito collegato ci sia un redirect (in varie forme) ad un sito con milioni di +1
Una pagina su Google+ può avere un sito collegato, che appare dopo averlo impostato sotto l'avatar e il nome della pagina. Questo sito può essere verificato ed in tal caso appare una spunta accanto all'indirizzo come vedete qui sotto:

Sito verificato

Ci sono due modi per verificare un sito. O lo si inserisce nei Google Webmaster Tools del proprietario della pagina, oppure occorre inserire sul sito il rel=publisher (leggi Rel=”publisher” e pagine Google+: un’altra bomba di Google? di +Andrea Pernici). Ognuna delle due procedure impone che il proprietario della pagina sia anche il proprietario del sito. Questo serve ad evitare che si possano collegare siti non propri.

Per i test sono state create 6 pagine su Google+ ed su ognuna di queste è stata associata una url diversa di questo sito. Ognuna di queste url è stata verificata e poi, per accelerare i tempi è stata segnalata a Google tramite la funzionalità Visualizza come Google dei Google Webmaster Tools. Ognuna delle 6 url ha un HTML diverso creato con l'obiettivo di far credere a Google che la pagina sia una versione non canonica di un'altra (nel caso specifico la homepage di Google).


Test 1

Questo test usa lo stesso HTML usato da Demetrio Siragusa sul suo sito, ovvero:
<iframe src="http://www.ideativi.it/" width=100% height=100% frameborder="0">
<script language="javascript">
<!--
location.replace("http://www.google.com");
-->
</script>
</iframe>
Il codice è banalissimo. È un iframe che punta ad una pagina ed al suo interno è presente uno script che viene eseguito sui browser che non supportano gli iframe. Lo script, se eseguito, fa un redirect client alla homepage di Google. Questo codice ha ingannato Google, perchè non viene rilevato che viene eseguito solo in caso di browser preistorico. Google lo considera un vero redirect. Ma non è qui che si presenta il bug. Google verifica che la url che contiene il mio codice appartenga a me, ma non verifica che avvenga lo stesso per eventuali pagine a cui redirezioni. Questo è il bug. Ed è per questo che in due giorni dalla creazione del test la pagina ha ottenuto gli stessi +1 della homepage Google


Obiettivamente mi ha sorpreso molto, anche se non avrebbe dovuto, vista la presenza di alcuni precedenti tipo How I Hijacked Rand Fishkin’s Blog e How Webmasters Fake Their Google PR.

EDIT 25/03/2014: questa tecnica non funziona più. Il bug è stato corretto. Ad oggi funzionano ancora i test 3, 4 e 5.


Test 2

Il secondo test voleva verificare se il bug incorresse anche con un tag canonical puntato alla homepage di Google.


In questo caso non c'è stata la moltiplicazione dei +1


Test 3

In questo test abbiamo provato la verifica tramite un meta refresh, usando il seguente codice:
<meta http-equiv="refresh" content="0; url=http://www.google.com/">



In questo caso la pagina ha ottenuto i 5 milioni di +1 della homepage di Google.


Test 4

In questo test la pagina collegata implementa un redirect 302 verso homepage di Google.


In questo caso la pagina ha ottenuto i 5 milioni di +1 della homepage di Google.


Test 5

In questo test la pagina collegata implementa un redirect 301 verso homepage di Google.


In questo caso la pagina ha ottenuto i 5 milioni di +1 della homepage di Google.


Test 6

Nell'ultimo test ho provato ad implementare il rel=publisher puntandolo verso la homepage di Google.


In questo caso non c'è stata la moltiplicazione dei +1.


Un secondo bug?

Alcuni giorni fa +CircleCount ha pubblicato una lista delle pagine con più +1 con il seguente post


In questo elenco troviamo alcune pagine anomale con milioni di +1 e pochi follower come +YouTube Next Programs, +Virtual Photo Walks Korea, +Google Local Tokyo, +Google Local London, +Google Local Austin, +Google Local New York, +Google Local Sydney, +Google Local DC, +Google Local San Francisco. In questo caso non ho una pagina adatta per fare i test. Però l'analisi delle pagine mi permette per lo meno di avere una ipotesi. Sono tutte pagine verificate. E tutte tranne una hanno il sito verificato. Io penso che per le pagine verificate, Google accetti automaticamente ogni URL inserita come collegata. E quindi in pratica, se la pagina è verificata, Google+ prende per vero qualsiasi sito viene inserito. Ed è così che +YouTube Next Programs ha gli stessi +1 di YouTube con soli 133 follower. Ed anche che le vari pagine di Google Local già citate abbiano tutte circa gli stessi +1.


Spegniamo gli entusiasmi

Al di là del titolo giornalistico, come avete visto è possibile aumentare i più uno di una pagina a milioni di +1 in giusto un paio di minuti. Ed è possibile usare uno qualunque di questi metodi facendo cloaking, rendendo l'utente ignaro di questi trucchi. In ogni caso io sconsiglio l'utilizzo. Io non lo utilizzerò in alcuno dei miei siti. I segnali sociali sono ignorati da Google, come più volte detto dai suoi rappresentanti. Inoltre è un bug, quindi è un comportamento non voluto e sicuramente presto Google lo correggerà. Non sarebbe bellissimo far vedere che il proprio contatore dopo essere stato su valori di milioni torni sui centinaia. Come si dice: dalle stelle alle stalle.


Ringraziamenti

Il mio ringraziamento a Demetrio Siragusa per avermi permesso di partecipare alla divulgazione di questo bug ed a Enrico Altavilla e Martino Mosna per l'interessante discussione e l'aiuto nella stesura dell'articolo.
Post correlati
2011
27
Settembre
Google +1 sulle pubblicità di Google
Maurizio Ceravolo
La contaminazione social di Google procede speditamente, dai primi di ottobre il +1 sarà presente su tutte le pubblicità del network pubblicitario del colosso delle ricerche.
2011
21
Settembre
Google+: la videoconferenza per tutti e molto altro
Maurizio Ceravolo
Google ha annunciato molte novità per Google+: videoconferenza che diventa una piattaforma di elearning, anche per cellulari, ingresso per tutti, nuove APi e ricerca.
2011
2
Settembre
Google +1 su mobile
Maurizio Ceravolo
Continua l'avanzata del social plugin di google, il +1. Ora è visibile anche sui browser mobili di Android e iOs. Ma non ancora Windows Phone 7.
2015
27
Ottobre
Raccolte di Google+: 21 cose che probabilmente non sai
Maurizio Ceravolo
Abbiamo analizzato 38 mila profili di Google+ per imparare qualcosa di più sulle Raccolte. Abbiamo scoperto qualcosa di interessante.
2011
19
Settembre
+Snippets: condivisione social da Google Maps
Maurizio Ceravolo
L'avanzata social di Google continua. Da Google Maps ora è possibile condividere direzioni, attività commerciali e risultati di ricerche. Con conseguenze nelle SERP.


Archivio Mensile Blog
Tag Cloud
abandonware Apple diritto evoluzionismo digitale. Facebook finanza geek Google Google+ humor infografica innovazione iPad iPhone marketing Microsoft relazioni sintesi vocale social network video
Ultimi Post
I migliori di oggi
I più popolari del mese
Top post